#TDOR. Fermiamo la transfobia

Da sempre abbiamo deciso che il nostro partito dovesse battersi al fianco delle persone trans* in quella che è una sfida di civiltà: il riconoscimento di tutti i corpi, le identità, i generi per la piena autodeterminazione di tutte, tutti, tutt*.

La Trans Awar­ness Week è la set­ti­ma­na che pre­ce­de il TDOR, il Tran­sgen­der Day of Remem­bran­ce, la gior­na­ta mon­dia­le di com­me­mo­ra­zio­ne del­le per­so­ne trans* vit­ti­me di odio tran­sfo­bi­co che si cele­bra oggi, 20 novembre.

Nell’ultimo anno abbia­mo regi­stra­to un aumen­to del 6% rispet­to al 2019 di per­so­ne trans* che han­no per­so la vita a cau­sa dell’odio tran­sfo­bi­co. L’e­tà media del­le vit­ti­me è 31 anni, con il pic­co più bas­so a 15 anni. Il 62% di que­ste mor­ti riguar­da la cate­go­ria del­le sex wor­ker, le più vul­ne­ra­bi­li e mar­gi­na­liz­za­te poi­ché più invi­si­bi­li, spin­te in uno spa­zio di lavo­ro non rico­no­sciu­to sen­za alcu­na tutela.

Spes­so que­ste mor­ti resta­no sen­za un nome, tan­to sono invi­si­bi­li. Una invi­si­bi­li­tà che le ren­de vit­ti­me più vol­te: per­ché non accet­ta­te nel­la pro­pria iden­ti­tà, per­ché impos­si­bi­li­ta­te a imma­gi­na­re e costrui­re un futu­ro secon­do i pro­pri sogni e ambi­zio­ni, per­ché mai rico­no­sciu­te, nem­me­no nel­la mor­te, come per­so­ne meri­te­vo­li di rispet­to e dignità.

La vio­len­za e l’odio con­tro le per­so­ne trans* in Ita­lia sono un vero e pro­prio atto siste­mi­co, non più solo una emer­gen­za. L’Italia è ormai da diver­si anni al pri­mo posto in Euro­pa per cri­mi­ni d’odio ver­so le per­so­ne trans*, poco al di sot­to del­la Tur­chia, e secon­do i son­dag­gi più recen­ti solo il 7% del­le per­so­ne che ha subi­to epi­so­di di vio­len­za li denun­cia alle for­ze dell’ordine. Una per­cen­tua­le bas­sis­si­ma, che deno­ta quan­ta dif­fi­den­za ci sia da par­te del­le per­so­ne trans* ver­so la giu­sti­zia e le istituzioni.

Il qua­dro che anche que­sto 20 novem­bre ci tro­via­mo di fron­te testi­mo­nia quan­to urgen­te sia l’approvazione di una leg­ge che met­ta le per­so­ne nel­la con­di­zio­ne di denun­cia­re e le fac­cia sen­ti­re pro­tet­te. Più del 90% dei casi di vio­len­za e odio ven­go­no inter­cet­ta­ti solo dal­le asso­cia­zio­ni LGBTQI+: per que­sto ser­ve rico­no­sce­re l’importante lavo­ro svol­to quo­ti­dia­na­men­te sui ter­ri­to­ri, non solo a paro­le, ma anche con l’implementazione degli stru­men­ti a dispo­si­zio­ne di que­ste real­tà per pro­muo­ve­re il cam­bia­men­to cul­tu­ra­le capa­ce di abbat­te­re stig­ma, pre­giu­di­zio e discriminazione.

Da sem­pre abbia­mo deci­so che il nostro par­ti­to doves­se bat­ter­si al fian­co del­le per­so­ne trans* in quel­la che è una sfi­da di civil­tà: il rico­no­sci­men­to di tut­ti i cor­pi, le iden­ti­tà, i gene­ri per la pie­na auto­de­ter­mi­na­zio­ne di tut­te, tut­ti, tutt*. Lo fac­cia­mo orgo­glio­sa­men­te e con la pie­na con­sa­pe­vo­lez­za che la libe­ra­zio­ne del­le per­so­ne trans* dal­le cate­ne dell’odio, del pre­giu­di­zio e del­lo stig­ma pas­si dall’impegno di tutt* e in par­ti­co­la­re dal­la poli­ti­ca, che per trop­po tem­po ha fat­to fin­ta che que­ste iden­ti­tà non esi­stes­se­ro. Un impe­gno che deve tra­dur­si anche nel­la costru­zio­ne con­di­vi­sa e par­te­ci­pa­ta con le per­so­ne e il movi­men­to trans* di una nuo­va leg­ge per l’autodeterminazione capa­ce di rico­no­sce­re e valo­riz­za­re tut­ti i per­cor­si di transizione.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?