La sinistra? POSSìBILE — Il racconto della giornata di Bologna

Bolo­gnpalco possibile scuderia bolognaa, saba­to 13 dicem­bre — La Scu­de­ria è ormai casa per l’associazione Pos­si­bi­le, che nel feb­bra­io scor­so ave­va discus­so nel­lo stes­so luo­go il pro­prio posi­zio­na­men­to rispet­to al nascen­te gover­no gui­da­to da Mat­teo Renzi.

Allo­ra l’associazione Pos­si­bi­le non c’era anco­ra, in real­tà, e le per­so­ne che riem­pi­va­no il loca­le – e anche quel­le fuo­ri – si defi­ni­va­no, mol­to sem­pli­ce­men­te, “civa­tia­ni”. Poi le cose sono cam­bia­te. Pip­po Civa­ti c’è sem­pre: ci si accor­ge del suo arri­vo dal cir­co media­ti­co che si sca­te­na e dal cal­do applau­so che scat­ta tra la fol­la. Al suo fian­co, però, ini­zia a pren­de­re for­ma la sini­stra pos­si­bi­le” stret­ta attor­no al Pat­to Repub­bli­ca­no”.

Si comin­cia nel­la tar­da mat­ti­na­ta, con la sala già gre­mi­ta. La mat­ti­na è dedi­ca­ta alla que­stio­ne del­le que­stio­ni: il lavo­ro. Lui­gi Mariuc­ci, ordi­na­rio di Dirit­to del Lavo­ro, illu­stra limi­ti, impre­ci­sio­ni e cose sba­glia­te del Jobs Act, con un approc­cio ana­li­ti­co, lai­co. Dopo di lui si alter­na­no al micro­fo­no le sigle del­la sini­stra pos­si­bi­le: gio­va­ni sin­da­ca­li­sti, alla dife­sa del lavo­ro ma capa­ci di guar­da­re oltre l’orizzonte stret­ta­men­te sin­da­ca­le, rap­pre­sen­tan­ti di nuo­ve (si fa per dire) cate­go­rie di lavo­ra­to­ri (gli auto­no­mi, i pre­ca­ri), TILT (rete di asso­cia­zio­ni e per­so­ne che si bat­te, in par­ti­co­la­re, per l’introduzione del red­di­to mini­mo). E i lavo­ra­to­ri di Ter­ni. Anche loro.

christian raimo possibileIl pome­rig­gio si apre con l’in­ter­ven­to di Pao­lo Cos­sed­du, che pro­vo­ca­to­ria­men­te lan­cia l’i­dea di una “class action” per tut­ti colo­ro che non han­no per­ce­pi­to i famo­si ottan­ta euro.

Si pro­se­gue con il Pat­to Repub­bli­ca­no. Lo pre­sen­ta il costi­tu­zio­na­li­sta Andrea Per­ti­ci. Cos’è il Pat­to? E’ un’analisi dell’Italia di oggi, in lar­ga par­te con­fer­ma­ta dai risul­ta­ti del­la “Rico­gni­zio­ne Pos­si­bi­le”, che abbia­mo lan­cia­to alcu­ni gior­ni fa, e che ci rac­con­ta­no che, su un cam­pio­ne che per il 73% si defi­ni­sce “elet­to­re sto­ri­co del Par­ti­to Demo­cra­ti­co”, lar­ghis­si­me mag­gio­ran­ze non con­di­vi­do­no per nul­la Jobs Act, Sbloc­ca Ita­lia, men­tre aumen­ta­no colo­ro che non si sen­to­no rappresentati.

Il Pat­to Repub­bli­ca­no è anche una pro­po­sta, decli­na­ta in die­ci “invi­ti all’a­zio­ne”, che chi sot­to­scri­ve si impe­gna a rea­liz­za­re, nel pro­prio quar­tie­re, in Con­si­glio comu­na­le, alla Came­ra, al Par­la­men­to Euro­peo. Cit­ta­di­ni e don­ne e uomi­ni del­le isti­tu­zio­ni, impe­gna­te per pro­muo­ve­re die­ci rifor­me che rite­nia­mo fon­da­men­ta­li.  Al momen­to le sot­to­scri­zio­ni sono più di mil­le, e a bre­ve ci met­te­re­mo insie­me al lavo­ro. Un’analisi impie­to­sa sul­lo “sta­to del­la Demo­cra­zia in Ita­lia” è sta­ta fat­ta da Nadia Urbi­na­ti, anche lei sot­to­scrit­tri­ce del Pat­to, insie­me a Chri­stian Rai­mo che con le sue sli­de zero­pun­to­ze­ro ha offer­to una let­tu­ra dell’Italia ai tem­pi del gover­no Ren­zi, arri­van­do­si a chie­der­si come mai, a Roma, sot­to casa sua, c’era Bor­ghe­zio. E dov’era la sini­stra. Dov’è la sini­stra quan­do si trat­ta di lot­ta alla cor­ru­zio­ne, di para­di­si fisca­li euro­peis­si­mi e di dirit­ti, ci si chie­de ascol­tan­do Sal­vo Teso­rie­ro, Lucre­zia Ric­chiu­ti, Elly Schlein e Mari­na Terragni.

folla possibile bolognaA segui­re, gli inter­ven­ti più poli­ti­ci. Clau­dio Ric­cio, Wal­ter Toc­ci, Cor­ra­di­no Mineo. Luca Pasto­ri­no: lui e Civa­ti sono sta­ti gli uni­ci a vota­re con­tro il Jobs Act alla Came­ra. Luca, sin­da­co di Boglia­sco, in Ligu­ria, è cam­pio­ne di con­cre­tez­za: «mi ave­te chie­sto di par­la­re. E allo­ra, se devo par­la­re, dico che dob­bia­mo usci­re dal PD». Simo­ne Oggion­ni, Anna­li­sa Cor­ra­do, Mar­co Revel­li, Nico­la Fra­to­ian­ni. E Pip­po Civa­ti, pri­mo fir­ma­ta­rio del Patto.

L’at­tac­co del­le sue con­clu­sio­ni è subi­to duro, per­ché di fron­te a chi minac­cia le ele­zio­ni (e a chi ci vor­reb­be anda­re, ma non lo dice), ripe­te quan­to det­to sin dai pri­mi mesi del­la legi­sla­tu­ra: «Que­sta legi­sla­tu­ra pri­ma fini­sce e meglio è, per­ché abbia­mo fat­to allean­ze che non stan­no da nes­su­na par­te, per­ché non c’è nem­me­no un pro­gram­ma da nes­su­na par­te». E di un pro­gram­ma si sen­te enor­me­men­te la man­can­za. Un pro­gram­ma che par­li di «disu­gua­glian­ze, ambien­te, rap­por­ti di pote­re. Tut­te cose che impon­go­no la neces­si­tà di una sini­stra in que­sto Pae­se. In Ita­lia non si par­la di pover­tà, per­ché non sta bene nel­la nar­ra­zio­ne, non sta bene come fina­le del roman­zo. Eppu­re le cose non van­no bene».

giuseppe civati possibile bolognaLa pro­po­sta tor­na al Pat­to Repub­bli­ca­no: «orga­niz­zia­mo un altro seme­stre euro­peo, sul­le poli­ti­che, per par­la­re d’al­tro che sia il dibat­ti­to “den­tro o fuo­ri al PD”: met­tia­mo assie­me sul­le que­stio­ni que­sta bene­det­ta sini­stra. La doman­da fina­le è: al PD inte­res­sa o doma­ni ci sarà la pole­mi­ca? Qual­cu­no le vuo­le rac­co­glie­re le cose det­te oggi?». E infi­ne, la chiu­sa sul­la ven­ti­la­ta scis­sio­ne:  «io non me ne vado con infa­mia da scis­sio­ni­sta — ha dichia­ra­to Civa­ti -, io fino alla fine li richia­mo. C’è un limi­te, però. Se si vota per­ché Ren­zi ha biso­gno di anda­re a ele­zio­ni, e il pro­gram­ma elet­to­ra­le è il jobs act, lo Sbloc­ca Ita­lia, le rifor­me che non ha potu­to fare que­sta vol­ta, que­sta visio­ne del­la poli­ti­ca e dei rap­por­ti tra par­ti­ti, l’at­ten­zio­ne per la lega­li­tà a secon­da di cosa suc­ce­de in cro­na­ca, ecco: se que­sto è il pro­gram­ma elet­to­ra­le, io vi dò una garan­zia, non mi can­di­do con quel­la roba lì».

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.