Sicurezza e manutenzioni edifici scolastici: tra il dire e il fare

Dopo le immagini sconvolgenti del crollo dell’aula magna dell’Università di Cagliari del 18 ottobre, il 21 ottobre il crollo di un controsoffitto negli uffici Erasmus, ancora a Cagliari, ancora locali dell’Università. Tragedie, incidenti sfiorati, gli ennesimi. Le ennesime inchieste della procura, gli accertamenti tecnici e le indagini sulle cause e sulle responsabilità, come prima e dopo il Ponte Morandi, per fortuna stavolta senza vittime, ma sempre gli stessi già sentiti 'refrain'. Possiamo dire basta? Possiamo andare al punto nodale della questione e al ‘dire’ proviamo a connettere il ‘fare’?

Dopo le imma­gi­ni scon­vol­gen­ti del crol­lo dell’aula magna dell’Università di Caglia­ri del 18 otto­bre, il 21 otto­bre il crol­lo di un con­tro­sof­fit­to negli uffi­ci Era­smus, anco­ra a Caglia­ri, anco­ra loca­li dell’Università.

Tra­ge­die, inci­den­ti sfio­ra­ti, gli enne­si­mi. Le enne­si­me inchie­ste del­la pro­cu­ra, gli accer­ta­men­ti tec­ni­ci e le inda­gi­ni sul­le cau­se e sul­le respon­sa­bi­li­tà, come pri­ma e dopo il Pon­te Moran­di, per for­tu­na sta­vol­ta sen­za vit­ti­me, ma sem­pre gli stes­si già sen­ti­ti ‘refrain’.

Pos­sia­mo dire basta? Pos­sia­mo anda­re al pun­to noda­le del­la que­stio­ne e al ‘dire’ pro­via­mo a con­net­te­re il ‘fare’?

E pri­ma che anche il nuo­vo Gover­no cada nel­la ten­ta­zio­ne di decre­ta­re “ad casum” lo invi­tia­mo a leg­ge­re quan­to già scrit­to e già noto e dispo­ni­bi­le, come que­sto recen­te docu­men­to  che illu­stra un pro­get­to rea­liz­za­to dal Con­si­glio Nazio­na­le del­le Ricer­che, Isti­tu­to di Cal­co­lo e Reti ad Alte Pre­sta­zio­ni (ICAR) sul­la “Pro­get­ta­zio­ne e rea­liz­za­zio­ne di una rete per il moni­to­rag­gio dina­mi­co di una strut­tu­ra” appli­ca­to ad un caso di stu­dio edi­fi­cio sco­la­sti­co a Sci­glia­no (CS).

Per sem­pli­ci­tà e sin­te­si evi­den­zia­mo in 4 pun­ti il testo trat­to dall’Introduzione:

  • A cau­sa del mag­gior nume­ro di inci­den­ti su edi­fi­ci e pon­ti è diven­ta­to sem­pre più impor­tan­te svi­lup­pa­re meto­di per il rile­va­men­to del degra­do o del dan­no del­le strut­tu­re in modo da poter inter­ve­ni­re con azio­ni mira­te di manutenzione.
  • (omis­sis) mol­te strut­tu­re edi­li­zie han­no aggiun­to o stan­no per avvi­ci­nan­do­si alla fine del­la loro vita uti­le a cau­sa del dete­rio­ra­men­to natu­ra­le dei mate­ria­li su lun­go ter­mi­ne ed a cau­sa di even­ti estre­mi come i ter­re­mo­ti o sem­pli­ce­men­te per­ché sot­to­po­sti a con­ti­nui cari­chi o sol­le­ci­ta­zio­ni, che ne ridu­co­no la loro vita utile. 
  • Se non vie­ne ese­gui­ta una ade­gua­ta manu­ten­zio­ne in tem­po, gli edi­fi­ci pos­so­no subi­re crol­li par­zia­li o com­ple­ti sen­za pre­av­vi­so con con­se­guen­ti per­di­te di vite uma­ne cau­san­do anche un gra­ve impat­to economico. 
  • (omis­sis) la valu­ta­zio­ne del­lo sta­to del­le strut­tu­re edi­li­zie è fon­da­men­ta­le duran­te il loro ciclo di vita, soprat­tut­to quan­do l’e­di­fi­cio è vec­chio o si sospet­ta che sia sta­to sot­to­po­sto a sovrac­ca­ri­chi eccessivi.”

Ovvia­men­te il docu­men­to è a dispo­si­zio­ne per let­tu­re più appro­fon­di­te e atten­te, cos come mol­ti altri docu­men­ti ad oggi repe­ri­bi­li e che trat­ta­no di tec­no­lo­gie e siste­mi evo­lu­ti di ana­li­si, gestio­ne e rile­va­zio­ne appli­ca­bi­li alla manu­ten­zio­ne pre­dit­ti­va, che con­sen­to­no cioè anche a fron­te dell’assenza di segna­li evi­den­ti a vista, ma basan­do­si su reti di sen­so­ri, son­de e appa­rec­chia­tu­re di rile­va­zio­ne col­le­ga­te ad un siste­ma infor­ma­ti­co, di pre­av­vi­sa­re tec­ni­ci e uten­ti dell’aggravarsi di uno sta­to di degra­do o di per­di­ta di pre­sta­zio­ni strut­tu­ra­li, o di un rischio imminente.

Sap­pia­mo cosa fare, e dob­bia­mo agi­re. Esi­sto­no dei costi? Sì. Da affron­ta­re pri­ma del­la per­di­ta di vite uma­ne, soprattutto.

Non por­si il pro­ble­ma di come poter dare attua­zio­ne a cer­te dispo­si­zio­ni rischia di crea­re cor­ti cir­cui­ti come acca­du­to con le nuo­ve “Linee gui­da sul­le spe­ci­fi­che tec­ni­che in meri­to all’adozione di dispo­si­ti­vi mobi­li di puri­fi­ca­zio­ne e impian­ti fis­si di aera­zio­ne e agli stan­dard mini­mi di qua­li­tà dell’aria negli ambien­ti sco­la­sti­ci e in quel­li con­fi­na­ti degli stes­si edi­fi­ci” ema­na­te con il Decre­to del Pre­si­den­te del Con­si­glio dei Mini­stri del 26 luglio 2022 e in vigo­re dal­lo scor­so 3 ago­sto 2022, e disco­no­sciu­te da ASL e ARPAL ter­ri­to­ria­li chia­ma­te qua­li sog­get­ti refe­ren­ti per le isti­tu­zio­ni sco­la­sti­che cui richie­de­re i moni­to­rag­gi di qua­li­tà dell’aria indoor dei pro­pri isti­tu­ti. Una dispo­si­zio­ne sacro­san­ta sen­za por­si doman­de sul come e con qua­li risor­se uma­ne, stru­men­ta­li ed eco­no­mi­che con cui ASL e ARPAL avreb­be­ro potu­to affron­ta­re l’impatto di una simi­le dispo­si­zio­ne, e come e dove gli enti loca­li avreb­be­ro potu­to tro­va­re per­so­na­le e risor­se da dedi­ca­re alle pro­get­ta­zio­ni e rea­liz­za­zio­ni degli even­tua­li siste­mi di ven­ti­la­zio­ne mec­ca­ni­ca con­trol­la­ta dell’aria ambien­te. ASL e ARPAL han­no rispo­sto: apri­te le fine­stre, intanto.

Garan­ti­re cana­li con­ti­nua­ti­vi di risor­se alla manu­ten­zio­ne, dal­la tas­sa­zio­ne gene­ra­le o loca­le, con tas­se di sco­po se neces­sa­rio. Oppu­re ricon­ver­ti­re inve­sti­men­ti PNRR già fal­li­ti in pre­mes­sa (sia­mo cer­ti che ve ne saran­no mol­ti!) da desti­na­re a pro­get­ta­re e instal­la­re siste­mi simi­la­ri nel mag­gior nume­ro pos­si­bi­le dei nostri edi­fi­ci esi­sten­ti. Basta con la logi­ca dei finan­zia­men­ti a ban­do: enti con strut­tu­re tec­ni­che ine­si­sten­ti o in ginoc­chio per caren­ze di per­so­na­le e com­pe­ten­ze dopo anni di tagli, non sono in gra­do di con­cor­re­re con pari oppor­tu­ni­tà all’accesso alle risor­se e se va bene per le ope­re straor­di­na­rie, non può fun­zio­na­re per la manu­ten­zio­ne ordi­na­ria e pro­gram­ma­ta che è garan­zia del­la sicu­rez­za del­le per­so­ne che abi­ta­no i nostri edi­fi­ci e il territorio.

Si può cer­ta­men­te far si che gli edi­fi­ci di nuo­va costru­zio­ne o ogget­to di impor­tan­ti ristrut­tu­ra­zio­ni nasca­no già dota­ti di tut­ti i siste­mi di moni­to­rag­gio strut­tu­ra­le e di qua­li­tà dell’aria, neces­sa­ri. Ma poi van­no ovvia­men­te man­te­nu­ti e ser­vo­no per­so­na­le e risor­se eco­no­mi­che per farlo.

Si può fare. È pos­si­bi­le. E rea­liz­za­re un po’ di pos­si­bi­le, è sem­pre più necessario.

Rober­ta Bur­ro­ni e Eula­lia Grillo

Comi­ta­to Scien­ti­fi­co di Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.