Sette candidati, in difesa della risoluzione Estrela

Nel dicembre 2013 il Parlamento Europeo ha affossato la risoluzione Estrela sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi, anche grazie all’astensione di sette parlamentari del Partito Democratico. E’ necessario che l’Europa torni a lavorare su questi temi nello spirito di Estrela, e che il Partito Democratico contribuisca, in Italia e su tutto il territorio Ue, alla costruzione di una cultura autenticamente antiabortista, fondata sulla coscienza di sé e sul riconoscimento dell’autodeterminazione, oltre che su adeguate politiche sociali. Aderiscono all’appello i candidati alle elezioni europee 2014: Ilaria Bonaccorsi, Renata Briano, Elena Gentile, Andrea Pradi, Elly Schlein, Paolo Sinigaglia, Daniele Viotti.

Non dovreb­be esser­ci dub­bio sul fat­to — ma a quan­to pare è neces­sa­rio riba­dir­lo — che l’aborto sia uno scac­co nel­la vita di una don­na. “Don­na abor­ti­sta” è un ossi­mo­ro, per­ché nes­su­na don­na vor­reb­be mai abor­ti­re. Non esi­sto­no don­ne abor­ti­ste: ci sono don­ne che han­no abor­ti­to, e tut­te le altre che han­no lot­ta­to per­ché ciò avve­nis­se in con­di­zio­ni di sicu­rez­za, difen­den­do la leg­ge 194 che rego­la l’interruzione di gra­vi­dan­za nel nostro Paese.

Spe­ra­re che le don­ne tor­ni­no a mori­re di abor­to, auspi­can­do l’a­bro­ga­zio­ne del­la 194 o abro­gan­do­la di fat­to come sta avve­nen­do a cau­sa di una non-appli­ca­zio­ne del­la leg­ge pro­dot­ta da un’obiezione di coscien­za che supe­ra il 70 per cen­to, con pun­te fino all’85 per cen­to al Sud, non cer­to è una buo­na stra­te­gia pro-life. A cau­sa di que­sta mas­sic­cia obie­zio­ne, stig­ma­tiz­za­ta da una recen­te sen­ten­za del Con­si­glio d’Europa, si sta tor­nan­do al turi­smo abor­ti­vo e alla clan­de­sti­ni­tà.

Ridur­re il dan­no: è que­sto il com­pi­to prin­ci­pe del­la poli­ti­ca. Su que­sto fron­te vuo­le dire lavo­ra­re alla costru­zio­ne di una vera cul­tu­ra anti­a­bor­ti­sta. Per­ché veri “abor­ti­sti” sono tut­ti colo­ro con­tri­bui­sca­no a qua­lun­que tito­lo alla crea­zio­ne di con­di­zio­ni sfa­vo­re­vo­li alla mater­ni­tà.

Quei dato­ri di lavo­ro che costrin­go­no le gio­va­ni don­ne a fir­ma­re all’at­to del­l’as­sun­zio­ne dimis­sio­ni in bian­co o che le con­dan­na­no al pre­ca­ria­to permanente.

Le ban­che che non con­ce­do­no mutui per l’ac­qui­sto del­la pri­ma casa, impe­den­do a mol­te gio­va­ni cop­pie di costrui­re un pro­prio nido.

La poli­ti­ca che non inve­ste nel wel­fa­re e nei ser­vi­zi, abban­do­nan­do le gio­va­ni madri al loro desti­no, che non met­te in atto vere poli­ti­che per il soste­gno fami­lia­re: sia­mo il fana­li­no di coda in Euro­pa- e che non ragio­na su una dis-orga­niz­za­zio­ne del lavo­ro che con­sen­ta di avvi­ci­na­re tem­pi di lavo­ro e tem­pi di vita.

Nel­la gran par­te dei casi, le don­ne abor­ti­sco­no per­ché costret­te da con­di­zio­ni mate­ria­li inag­gi­ra­bi­li.

Veri abor­ti­sti sono que­gli uomi­ni che non con­di­vi­do­no i pesi del­la vita fami­lia­re o peg­gio che non si assu­mo­no la loro respon­sa­bi­li­tà con­trac­cet­ti­va e lascia­no la don­na sola con la sua gra­vi­dan­za, “tan­to c’è l’aborto”.

Veri abor­ti­sti sono anche colo­ro che si oppon­go­no a una cre­sci­ta del­la con­sa­pe­vo­lez­za ripro­dut­ti­va. Nel dicem­bre 2013 il Par­la­men­to Euro­peo ha affos­sa­to la riso­lu­zio­ne Estre­la sul­la salu­te e i dirit­ti ses­sua­li e ripro­dut­ti­vi (Sexual and Repro­duc­ti­ve Health and Right), che chie­de­va all’Europa, pur rico­no­scen­do la com­pe­ten­za del­le legi­sla­zio­ni nazio­na­li, di garan­ti­re ugua­glian­za di tali dirit­ti nel suo ter­ri­to­rio, denun­cian­do le dif­fe­ren­ze pre­sen­ti in tema di salu­te ripro­dut­ti­va, con­trac­ce­zio­ne, edu­ca­zio­ne ses­sua­le, inter­ru­zio­ne di gra­vi­dan­za. La riso­lu­zio­ne chie­de­va anche che la salu­te ripro­dut­ti­va diven­tas­se par­te inte­gran­te del­le poli­ti­che per la salu­te dell’Europa, affer­man­do che «il dirit­to a un’educazione ses­sua­le com­ple­ta è un dirit­to uma­no». Pur­trop­po la riso­lu­zio­ne è sta­ta affos­sa­ta anche gra­zie all’astensione di set­te par­la­men­ta­ri del Par­ti­to Demo­cra­ti­co.

E’ neces­sa­rio che l’Europa tor­ni a lavo­ra­re su que­sti temi nel­lo spi­ri­to di Estre­la, e che il Par­ti­to Demo­cra­ti­co con­tri­bui­sca, in Ita­lia e su tut­to il ter­ri­to­rio Ue, alla costru­zio­ne di una cul­tu­ra auten­ti­ca­men­te anti­a­bor­ti­sta, fon­da­ta sul­la coscien­za di sé e sul rico­no­sci­men­to dell’autodeterminazione, oltre che su ade­gua­te poli­ti­che sociali.

Ade­ri­sco­no all’appello i can­di­da­ti alle ele­zio­ni euro­pee 2014: Ila­ria Bonac­cor­si, Rena­ta Bria­no, Ele­na Gen­ti­le, Andrea Pra­di, Elly Schlein, Pao­lo Sini­ga­glia, Danie­le Viot­ti.

Candidati Europee

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.