Sentinelle e cowboy a Cascina

Ci sono notizie che ti riportano indietro nel tempo. Una di qualche giorno fa sulle “Sentinelle a scuola” a Cascina mi ha trasportato fino al Paleolitico Inferiore quando ero un bambino di sei anni e, amante degli Spaghetti Western che imperversavano in quel periodo, chiesi aduna vicina: ”Si studia molto per diventare cowboy?”.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Ci sono noti­zie che ti ripor­ta­no indie­tro nel tem­po. Una di qual­che gior­no fa sul­le “Sen­ti­nel­le a scuo­la” a Casci­na mi ha tra­spor­ta­to fino al Paleo­li­ti­co Infe­rio­re quan­do ero un bam­bi­no di sei anni e, aman­te degli Spa­ghet­ti Western che imper­ver­sa­va­no in quel perio­do, chie­si ad una vici­na: ”Si stu­dia mol­to per diven­ta­re cow­boy?”. La rispo­sta alla mia inge­nua doman­da, lustri dopo, è final­men­te arri­va­ta ed è affer­ma­ti­va. Meglio tar­di che mai, direb­be mia non­na. Andia­mo per ordi­ne, come dis­se il gene­ra­le Custer ai suoi uomi­ni pri­ma di esse­re tra­fit­to dai pellerossa.

Trat­ta­si, per la pre­ci­sio­ne, di un pro­get­to che l’amministrazione comu­na­le casci­ne­se, in quel di Pisa, riven­di­ca come uni­co nel suo gene­re e pri­mo nel nostro pae­se. Scen­dia­mo nel det­ta­glio. Que­sti nuo­vi cow­boy che sol­che­ran­no le vie di que­sta cit­ta­di­na, for­se simi­le a quel­la loca­li­tà del­la nuo­va fron­tie­ra ame­ri­ca­na dove avven­tu­rie­ri di ogni risma imper­ver­sa­va­no dovun­que met­ten­do a rischio l’incolumità popo­la­re, sono il labo­ra­to­rio del Mini­ste­ro degli Inter­ni che inten­de testa­re ser­vi­zi mira­ti di sicu­rez­za sussidiaria/complementare neces­sa­ri per la comunità.

Que­sto nuo­vo mani­po­lo di gene­ro­si e com­pe­ten­ti difen­so­ri del­la leg­ge sarà com­po­sto da guar­die giu­ra­te sele­zio­na­te dopo col­lo­qui mira­ti con il coman­dan­te del­la Poli­zia Muni­ci­pa­le di Casci­na che ne valu­te­rà le atti­tu­di­ni suc­ces­si­va­men­te aumen­ta­te con un cor­so di aggior­na­men­to. Ecco il famo­so per­cor­so di stu­di che è man­ca­to a Pecos e Buf­fa­lo Bill. A que­sto pun­to l’immagine di Tex Wil­ler che spa­ra ripe­ten­do ad alta voce la poe­sia “T’amo Pio bove” o snoc­cio­lan­do le tabel­li­ne una die­tro l’altra si con­qui­sta una sua gio­co­sa indi­pen­den­za. Emer­ge per­si­no l’esigenza di una impro­ba­bi­le ma neces­sa­ria foto in cui van­no a brac­cet­to le fasi dell’origine del­la cono­scen­za dell’epistemologo (non l’orologiaio) Pia­get, con le colt 45: un ossi­mo­ro pre­po­ten­te quan­to impro­ba­bi­le. Que­ste guar­die, d’altronde, quan­do saran­no in ser­vi­zio dovran­no sen­si­bi­liz­za­re i bambini/ragazzi e le loro fami­glie sul­la buo­na pras­si com­por­ta­men­ta­le ai fini del “miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di salu­te e sicu­rez­za”, e quin­di non potran­no tra­la­scia­re rudi­men­ti psi­co­lo­gi­ci. Allo­ra è pro­prio vero che gli india­ni o ban­di­ti sen­za scru­po­li sono alle por­te. Che nei riden­ti pae­si­ni attra­ver­sa­ti del­la Tosco-Roma­gno­la che por­ta­no a Casci­na, anti­ca capi­ta­le del mobi­le, le popo­la­zio­ni indi­ge­ne stan­no pen­san­do ad una som­mos­sa. Pen­sa­re che ero cre­sciu­to con la remo­ta con­ce­zio­ne che l’educazione si inse­gnas­se nel­le fami­glie e nel­le scuo­le. Che fos­se­ro i docen­ti ad inse­gna­re le rego­le del vive­re civi­le ovve­ro ciò che è scrit­to nel­la nostra Costi­tu­zio­ne, che erro­nea­men­te defi­ni­vo la nostra uni­ca, paci­fi­ca, arma per difen­der­si dai sopru­si e dal­le cat­ti­ve­rie del mon­do e degli uomi­ni. E’ ovvio che di fron­te ai sog­get­ti malin­ten­zio­na­ti e arma­ti non ti sal­va ave­re una bel­la pro­prie­tà di lin­guag­gio oppu­re un ric­co baga­glio cul­tu­ra­le, ma all’interno degli edi­fi­ci sco­la­sti­ci le pal­lot­to­le non sono mai ser­vi­te, anche nei momen­ti di gran­de ten­sio­ne tra colo­ro che la vive­va­no. La vio­len­za è dovun­que, anche in mez­zo ai ban­chi, ma più in là di qual­che gavet­to­ne nell’ultimo gior­no di scuo­la non si è mai visto altro. For­se può ave­re un’altra opi­nio­ne quel pre­si­den­te sta­tu­ni­ten­se che non riu­scen­do ad argi­na­re la for­za del­le armi ven­du­te come pop corn ed entra­te anche in mez­zo alle aule del suo pae­se semi­nan­do scie di san­gue, ne auspi­ca l’utilizzo da par­te dei docen­ti. Dal­le nostre par­ti, inve­ce, sono cre­sciu­te legio­ni di docen­ti che han­no inse­gna­to a miglia­ia di discen­ti che la guer­ra e la vio­len­za sono il male del mon­do e le armi il can­cro del­la civil­tà. Que­sti ottu­si e per­ti­ca­ci sog­get­ti han­no anche sem­pre ripe­tu­to ai cuc­cio­li d’uomo che le guar­die ser­vo­no per anda­re a cac­cia­re i cat­ti­vi gran­di, quel­li che maga­ri delin­quo­no, spac­cia­no in quei deter­mi­na­ti luo­ghi che tut­ti conoscono.

Negli anni, nel­le scuo­le, le varie for­ze dell’ordine sono inter­ve­nu­te solo per svol­ge­re man­sio­ni spe­ci­fi­che a carat­te­re pre­ven­ti­vo: tene­re lezio­ni sui rischi del cyber­bul­li­smo, sull’educazione stra­da­le, sui peri­co­li del­la tos­si­co­di­pen­den­za. Inter­ven­ti sem­pre uti­li e impor­tan­ti, apprez­za­ti da tut­ti. Man­da­re vigi­lan­tes all’uscita, al posto dei paci­fi­ci pen­sio­na­ti che con le pet­to­ri­ne han­no pre­sta­to per decen­ni la loro ope­ra ai can­cel­li sco­la­sti­ci al ter­mi­ne del­le lezio­ni, sem­bra un mes­sag­gio inquie­tan­te. Non pare evo­ca­re la figu­ra del­la non­ni­na che invi­ta Cap­puc­cet­to Ros­so a sta­re atten­to al lupo nel bosco, ma quel­la del cac­cia­to­re che ritie­ne che i lupi stan­no man­gian­do tut­ti i bim­bi in giro e che le spe­ran­ze di sal­vez­za sono risi­ca­te. Il cli­ma di pau­ra gio­va più ai cuo­ri di tene­bra che a quel­li di pan­na. Ma il pote­re si ciba del ter­ro­re per­ché sa che più la pau­ra sale più la liber­tà indi­vi­dua­le di movi­men­to, e aggiun­ge­rei di pen­sie­ro, vie­ne cir­co­scrit­ta e limi­ta­ta e di con­se­guen­za è mag­gior­men­te con­trol­la­bi­le. Chi ha di code­sti pen­sie­ri di soli­to vuo­le coman­da­re da solo e gui­da­re i pen­sie­ri e le azio­ni di tut­ti. E’ mate­ma­ti­co. L’essere uma­no è così sem­pli­ce: ripe­te gli stes­si com­por­ta­men­ti dai tem­pi del­le clave.

Ma le lan­de deso­la­te per­cor­se da orde di pisto­le­ri intor­no alle scuo­le non si tro­va­no solo nel comu­ne di Casci­na per­ché, anche nel­la ben più lon­ta­na Sici­lia, ven­go­no segna­la­ti altri peri­co­li, sta­vol­ta all’interno degli edi­fi­ci sco­la­sti­ci. A Paler­mo e Cata­nia due inef­fa­bi­li docen­ti han­no avu­to l’ardire di imbrac­cia­re libri anzi­ché armi e pun­ta­re a far usa­re il cer­vel­lo ai loro alun­ni anzi­ché il miri­no in dire­zio­ne del nemi­co, maga­ri per­si­no stra­nie­ro. Giam­mai, l’intervento degli orga­ni isti­tu­zio­na­li è sta­to rapi­do e indo­lo­re por­tan­do all’allontanamento di tali agen­ti infet­ti­vi. Sia mai che il ger­me del dub­bio e del ragio­na­men­to potes­se attec­chi­re e allignare.

Ma per for­tu­na ci sono i cow­boy a pro­teg­ge­re ogni sin­go­lo cit­ta­di­no di que­sto nostro pae­se anche da se stes­so. Sia mai che il paci­fi­smo, con la sua visio­ne di una vita con meno for­za e più sen­so cri­ti­co si dif­fon­da pure qui. Noi abbia­mo biso­gno di certezze.

Cer­to, non rie­sco a nascon­de­re la sod­di­sfa­zio­ne di rive­de­re, a distan­za di anni, di nuo­vo Luc­ky Luke in pista, ma lo avrei pre­fe­ri­to con le pisto­le ad acqua e con un sor­ri­so lan­gui­do e ras­si­cu­ran­te. Maga­ri men­tre se ne sta den­tro un fumet­to che ripe­te “sono solo un pove­ro cow­boy” andan­do incon­tro al tra­mon­to sopra un caval­lo sbi­len­co, inve­ce di veder­lo pas­seg­gia­re arma­to e con lo sguar­do tru­ce nel­le stra­de pie­ne di grem­biu­li e trec­ci­ne al ven­to. Un qua­dret­to inquietante.

Sta a noi a disar­mar­lo: con il voto. A vol­te rie­sce. Basta cre­der­ci e provarci.

Gui­do Martinelli

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.