Scuola: l’iter disastroso del concorso per i docenti, altro che meritocrazia e trasparenza

Il Concorso sbandierato ai quattro venti come esempio di meritocrazia e trasparenza sta facendo acqua da tutte le parti. Non passa giorno senza che se ne parli male. Le ragioni non mancano, c’è l’imbarazzo della scelta.

Commissioni continuamente modificate e un elevatissimo numero di candidati bocciati alla prova scritta. Non certo per mancanza di preparazione. E già. Perché ad essere (nuovamente) valutati sono gli stessi docenti già selezionati e valutati durante i percorsi di abilitazione conclusi con un esame nella cui commissione sedeva anche un rappresentante del Miur. Ma non basta. La situazione è tale per cui il numero dei candidati ammessi a sostenere le prove orali, in molte regioni e per molte classi di concorso, è di gran lunga inferiore ai posti messi a bando. Un aspetto che ha fatto riflettere molti.

Tutto ciò assume connotati paradossali se si pensa che gli stessi docenti, abilitati prima e bocciati (inspiegabilmente) dopo, da settembre saliranno ugualmente in cattedra. Perché altrimenti sarà difficile, se non addirittura impossibile, garantire l’avvio dell’anno scolastico senza la loro presenza.

Ma sono anche altri i problemi che incombono. Tempi strettissimi e commissioni al lavoro tutto agosto per poco più di 1 euro a candidato. Perché, per cercare di rispettare i tempi dati dal Miur (immissione in ruolo dei vincitori già dal prossimo settembre, anche se risulta sempre più improbabile) e nonostante il bando di concorso sia stato pubblicato con ben tre mesi di ritardo, l’unica soluzione è stata quella di programmare le prove orali ad agosto, settimana di ferragosto compresa. Facendo saltare le ferie a commissari e presidenti. Anzi. Per alcune discipline l’inizio delle prove orali é stato programmato tra fine agosto e inizio settembre determinando un notevole lavoro per gli Uffici scolastici regionali alla vigilia della ripresa dell’anno scolastico e rendendo di fatto impossibile l’immissione in ruolo dei vincitori prima dell’inizio delle lezioni. Alla faccia della continuità didattica.

E’ assolutamente necessario, pertanto, lavorare a una fase transitoria che tuteli la professionalità di tutti i docenti che rimarranno esclusi dalle graduatorie degli idonei del concorso che sta volgendo al termine. Perché un altro problema incombe: dal prossimo settembre, in base alla Legge 107, i contratti dei docenti non potranno superare i trentasei mesi. Una bella fregatura.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati