«Scuola e Costituzione», a Genova

Il Comitato Scuola Possibile di Genova torna a parlare della riforma “Buona Scuola”. Dopo la “Buona Scuola è possibile?” si riaffronta il tema all’evento “Scuola e Costituzione” dove, per l’appunto, verranno messi in discussione i vari punti del decreto che si trovano in netto contrasto con quanto scritto nella nostra Costituzione.

nuovagraficaIl Comi­ta­to Scuo­la Pos­si­bi­le di Geno­va tor­na a par­la­re del­la rifor­ma “Buo­na Scuo­la”. Dopo la “Buo­na Scuo­la è pos­si­bi­le?” si riaf­fron­ta il tema all’evento “Scuo­la e Costi­tu­zio­ne” dove, per l’appunto, ver­ranno mes­si in discus­sio­ne i vari pun­ti del decre­to che si tro­va­no in net­to con­tra­sto con quan­to scrit­to nel­la nostra Costi­tu­zio­ne. L’evento, aper­to a tut­ta la Cit­ta­di­nan­za inte­res­sa­ta, si svol­ge­rà mer­co­le­dì 9 mar­zo 2016, alle ore 17.30, pres­so il Salo­ne di Rap­pre­sen­tan­za di Palaz­zo Tur­si, a Geno­va in Via Gari­bal­di 9.

Un ospi­te di eccel­len­za, non­ché uno fra i mas­si­mi esper­ti del set­to­re e Pre­si­den­te Ono­ra­rio del­la Cor­te di Cas­sa­zio­ne, qua­le Fer­di­nan­do Impo­si­ma­to, snoc­cio­le­rà tut­ti que­sti pun­ti in un dibat­ti­to pub­bli­co che pare ave­re tut­te le con­no­ta­zio­ni giu­ste per rive­lar­si dav­ve­ro entusiasmante.

Le recen­ti rifor­me degli ulti­mi trent’anni han­no sem­pre più dan­neg­gia­to la Scuo­la Pub­bli­ca e, spe­cial­men­te, gli inse­gnan­ti (pre­ca­ri o di ruo­lo che sia­no) non­ché gli stu­den­ti.

La rifor­ma del­la scuo­la è in con­tra­sto con l’articolo 3, secon­do cui è com­pi­to del­la Repub­bli­ca rimuo­ve­re gli osta­co­li di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le che, limi­tan­do di fat­to la liber­tà e l’uguaglianza, impe­di­sco­no il pie­no svi­lup­po del­la per­so­na uma­na e l’effettiva par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti i lavo­ra­to­ri, tra cui gli inse­gnan­ti, all’organizzazione poli­ti­ca, eco­no­mi­ca e socia­le del­lo Sta­to. L’indebolimento del­la scuo­la dan­neg­gia i pove­ri, che non pos­so­no per­met­ter­se­la.

E’ in con­tra­sto anche con l’articolo 36, secon­do cui i docen­ti han­no dirit­to ad una retri­bu­zio­ne ade­gua­ta alla qua­li­tà e quan­ti­tà del lavo­ro svol­to e tale da garan­ti­re una vita libe­ra e dignitosa.

Anche gli arti­co­li 4, secon­do cui lo Sta­to deve ren­de­re effet­ti­vo il lavo­ro, e 33 sul­la liber­tà di inse­gna­men­to che vie­ne intac­ca­ta da un comi­ta­to sco­la­sti­co for­ma­to da sog­get­ti ester­ni, da un geni­to­re di alun­ni e da un rap­pre­sen­tan­te dei geni­to­ri, non ven­go­no rispet­ta­ti dal­la rifor­ma. Da ulti­mo, ma non di cer­to meno impor­tan­te, l’articolo 97, sul­la neces­si­tà che i pub­bli­ci uffi­ci, tra que­sti in pri­mo luo­go la scuo­la, sia­no orga­niz­za­ti secon­do dispo­si­zio­ne di leg­ge e non secon­do l’arbitrio dei dirigenti.

Que­sti e tan­ti altri pun­ti ver­ran­no discus­si duran­te il dibat­ti­to che, intro­dot­to da Alber­to Macrì e Sil­via Bona­ni­ni ( Co Por­ta­vo­ce del Comi­ta­to), impe­gne­rà Dona­tel­la Alfon­so (gior­na­li­sta de La Repub­bli­ca) nel­la mode­ra­zio­ne del­lo stes­so, a cui inter­ver­ran­no anche, oltre Fer­di­nan­do Impo­si­ma­to, il Con­si­glie­re del Comu­ne di Geno­va Gian­pao­lo Mala­te­sta e soprat­tut­to voi.

Vi aspet­tia­mo.

Alber­to Macrì, Sil­via Bonanini

Comi­ta­to Scuo­la Possibile”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.