Sanatoria degli irregolari? Proteggiamo le persone, non la GDO

Lo spirito del decreto è questo: una volta salvati i profitti, le persone potranno rientrare nella clandestinità e potranno essere nuovamente spedite da dove sono arrivate. Chi se ne frega della vita alla quale li condanneremo. Addio, e grazie per tutta la frutta.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]In una mite gior­na­ta di Apri­le come tan­te, se non fos­se che sia­mo in loc­k­do­wn da due mesi, è arri­va­ta la boz­za del Gover­no sul­la rego­la­riz­za­zio­ne degli immi­gra­ti irre­go­la­ri.

Una boz­za che non arri­va per­ché nei Mini­ste­ri di com­pe­ten­za qual­cu­no si è reso con­to che da anni l’attuale nor­ma­ti­va sull’immigrazione è un abo­mi­nio, ma per­ché ini­zia a man­ca­re la bas­sa mano­va­lan­za nei set­to­ri dell’agricoltura, dell’allevamento, del­la pesca e dell’acquacoltura, in con­se­guen­za del rischio sani­ta­rio con­nes­so alla dif­fu­sio­ne del Covid19. E se le azien­de fan­no fati­ca a sal­va­re i rac­col­ti, anche Col­di­ret­ti e Con­fa­gri­col­tu­ra non si sen­to­no mol­to bene, gui­da­ti dal­la pau­ra di un incre­men­to ecces­si­vo dei prez­zi dei beni di con­su­mo del­la filie­ra agroa­li­men­ta­re, con rela­ti­ve ine­sti­ma­bi­li per­di­te di profitto.

Se il prez­zo all’origine di un chi­lo di limo­ni si aggi­ra intor­no ai 70 cen­te­si­mi di euro, per poi esse­re ven­du­to sugli scaf­fa­li del­la Gran­de Distri­bu­zio­ne a 3 euro (o anche di più, se si par­la di pro­dot­ti “bio”), con un incre­men­to di valo­re aggiun­to del 500%, è ovvio che il pro­ble­ma risie­de nel­la redi­stri­bu­zio­ne del­la ric­chez­za lun­go la filie­ra. O, per meglio dire, nel­la tota­le man­can­za di redi­stri­bu­zio­ne. E quin­di è scon­ta­to che, per garan­tir­si dei mar­gi­ni di pro­fit­to, i pro­dut­to­ri vada­no a taglia­re i costi dove pos­so­no: il lavo­ro, con un siste­ma com­ple­ta­men­te sbi­lan­cia­to a val­le, che sca­ri­ca la mag­gior par­te dei costi e dei rica­ri­chi sul con­su­ma­to­re finale.

Da qui la genia­le idea: ricor­dar­si degli immi­gra­ti irre­go­la­ri, e ren­de­re lega­le la loro pre­sen­za sul ter­ri­to­rio nazio­na­le per far fron­te all’esigenza di lavo­ra­to­ri per la rac­col­ta dei pro­dot­ti agri­co­li, come a riba­di­re anco­ra una vol­ta — una pro­po­sta ana­lo­ga è sta­ta avan­za­ta dal demo­cra­ti­co Bonac­ci­ni e dal­la leghi­sta Loren­zo­ni sui bene­fi­cia­ri del red­di­to di cit­ta­di­nan­za – che que­sto sia un lavo­ro desti­na­to a chi non può per­met­ter­si nean­che di sogna­re. Per­ché, si sa, poten­do sce­glie­re in pochi andreb­be­ro a spac­car­si la schie­na per alcu­ne cen­ti­na­ia di euro al mese.

Ana­liz­zan­do la boz­za di testo, si sco­pre che ci sono vin­co­li strin­gen­ti alla rego­la­riz­za­zio­ne: l’assunzione resta comun­que limi­ta­ta a un perio­do deter­mi­na­to, e così il rela­ti­vo per­mes­so di sog­gior­no, vin­co­la­to al rin­no­vo del­la pre­sta­zio­ne o alla sti­pu­la di un nuo­vo con­trat­to sem­pre a tem­po determinato. 

Per gli assun­ti tra­mi­te que­sto decre­to, inol­tre, sem­bra spa­ri­re il Com­ma 9 dell’Articolo 22 del T.U. del­le dispo­si­zio­ni con­cer­nen­ti la disci­pli­na del­l’im­mi­gra­zio­ne e nor­me sul­la con­di­zio­ne del­lo stra­nie­ro, secon­do il qua­le “la per­di­ta del posto di lavo­ro non costi­tui­sce moti­vo per pri­va­re il lavo­ra­to­re extra­co­mu­ni­ta­rio ed i suoi fami­lia­ri legal­men­te resi­den­ti del per­mes­so di sog­gior­no”. Anche se i pro­ce­di­men­ti di espul­sio­ne degli irre­go­la­ri tem­po­ra­nea­men­te rego­la­riz­za­ti per cau­se di for­za mag­gio­re, tut­te epi­de­mio­lo­gi­che, ven­go­no sospe­si per la dura­ta del con­trat­to nei sud­det­ti set­to­ri eco­no­mi­ci la cui pro­du­zio­ne è a rischio. 

Lo spi­ri­to del decre­to è que­sto: una vol­ta sal­va­ti i pro­fit­ti, le per­so­ne potran­no rien­tra­re nel­la clan­de­sti­ni­tà e potran­no esse­re nuo­va­men­te spe­di­te da dove sono arri­va­te. Chi se ne fre­ga del­la vita alla qua­le li con­dan­ne­re­mo. Addio, e gra­zie per tut­ta la frutta.

In tut­to que­sto, man­ca com­ple­ta­men­te un’analisi sui “per­ché”.

Per­ché nes­sun con­cit­ta­di­no tri­co­lo­re — fat­te le dovu­te ecce­zio­ni — si dichia­ra entu­sia­sta se chia­ma­to a svol­ge­re quel tipo di lavoro? 

Per­ché è sta­to così dif­fu­so, fino a ora, il ricor­so alla mano­do­pe­ra irre­go­la­re e al caporalato? 

Per­ché non si affron­ta il gran­de pro­ble­ma del­la crea­zio­ne di valo­re aggiun­to lun­go la filie­ra pro­dut­ti­va del set­to­re agricolo?

Non veni­te­ci a dire che que­sto decre­to è un’ottima noti­zia per le per­so­ne più debo­li. In que­sto caso, come mol­to spes­so, il meto­do eclis­sa il meri­to: pri­ma di tut­to per­ché si trat­ta di una rego­la­riz­za­zio­ne tem­po­ra­nea, stru­men­ta­le alle dif­fi­col­tà con­tin­gen­ti dell’ennesima lob­by pro­dut­ti­va; e poi per­ché, come inse­gna Machia­vel­li, il fine e il mez­zo sono intrin­se­ca­men­te con­nes­si: e non si può pre­scin­de­re dall’uno o dall’altro nell’analizzare una tale pro­po­sta poli­ti­ca. Soprat­tut­to se ci si ricor­da dei brac­cian­ti solo ora, dopo aver igno­ra­to per anni le con­di­zio­ni igie­ni­che e sani­ta­rie dei luo­ghi in cui lavo­ra­no, la loro sicu­rez­za, l’emergenza abi­ta­ti­va dei ghet­ti in cui vivono.

Ser­ve una rego­la­men­ta­zio­ne per­ma­nen­te degli stra­nie­ri attual­men­te irre­go­la­ri, che pre­scin­da dall’essere fun­zio­na­le all’arricchimento di chi in que­sti set­to­ri svol­ge atti­vi­tà di impre­sa, lun­go la stra­da indi­ca­ta dal rispet­to e dal­la tute­la dei lavo­ra­to­ri e dei dirit­ti uma­ni.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.