Salario minimo, la Direttiva UE è troppo morbida.

A par­ti­re dall’ottobre 2020 le isti­tu­zio­ni euro­pee han­no comin­cia­to a discu­ter­ne in manie­ra con­cre­ta su una nor­ma che rego­las­se la que­stio­ne sala­ria­le in Euro­pa e ieri si è arri­va­ti alla defi­ni­zio­ne di un testo con­di­vi­so. Non un vero e pro­prio sala­rio mini­mo euro­peo, ben­sì un qua­dro di rego­le intor­no alle qua­li i pae­si dell’Unione devo­no uniformarsi.

In par­te non è anda­ta come spe­ra­va­mo e vi spie­ghia­mo perché.

La pro­po­sta ini­zia­le è fina­liz­za­ta ad assi­cu­ra­re a tut­ti i lavo­ra­to­ri all’interno dell’Unione Euro­pea un’a­de­gua­ta retri­bu­zio­ne, che per­met­ta loro di vive­re in con­di­zio­ni digni­to­se, anche alla luce del prin­ci­pio secon­do cui «miglio­ri con­di­zio­ni di vita e di lavo­ro, anche attra­ver­so sala­ri mini­mi ade­gua­ti, appor­ta­no van­tag­gi sia ai lavo­ra­to­ri sia alle impre­se», oltre ad esse­re fon­da­men­ta­li per garan­ti­re «una cre­sci­ta inclu­si­va e soste­ni­bi­le», «il pro­gres­so eco­no­mi­co e socia­le e la con­ver­gen­za ver­so l’alto» e «una vita digni­to­sa», pro­teg­gen­do il red­di­to dei lavo­ra­to­ri svan­tag­gia­ti e com­bat­ten­do discri­mi­na­zio­ni, disu­gua­glian­ze e il diva­rio retri­bu­ti­vo e pen­sio­ni­sti­co di genere.

La diret­ti­va ave­va quin­di come obiet­ti­vo quel­lo di impe­gna­re gli Sta­ti a adot­ta­re tut­te le misu­re per garan­ti­re che la deter­mi­na­zio­ne e l’ag­gior­na­men­to dei sala­ri mini­mi lega­li sia­no basa­ti su cri­te­ri chia­ri e sta­bi­li (ossia il pote­re d’acquisto, il livel­lo gene­ra­le dei sala­ri lor­di, il tas­so di cre­sci­ta e l’andamento del­la pro­dut­ti­vi­tà, valu­ta­ti sem­pre attra­ver­so la par­te­ci­pa­zio­ne del­le par­ti socia­li) e pro­muo­ve­re con­di­zio­ni di vita e di lavo­ro digni­to­se e coe­sio­ne socia­le, nel pie­no rispet­to del­le legi­sla­zio­ni nazio­na­li. L’in­ten­to era quin­di quel­lo di crea­re un qua­dro rego­la­to­rio che per­met­tes­se la deter­mi­na­zio­ne di sala­ri mini­mi ade­gua­ti in tut­ta l’U­nio­ne, sen­za però voler for­za­re l’ar­mo­niz­za­zio­ne dei sala­ri mini­mi o la defi­ni­zio­ne di una soglia mini­ma ugua­le in tut­ta l’Eurozona.

Nel­la press con­fe­ren­ce suc­ces­si­va alla con­clu­sio­ne dei lavo­ri, però, sono emer­si i pri­mi aspet­ti critici.

La diret­ti­va, infat­ti, intende:

1. pro­muo­ve­re l’adeguamento del sala­rio mini­mo lega­le (dove esiste);

2. pro­muo­ve­re il ruo­lo del­la con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va in tut­ti gli Sta­ti membri;

3. Miglio­ra­re i mec­ca­ni­smi di con­trol­lo sul mer­ca­to del lavoro.

Pare dun­que che, nel cor­so del­le trat­ta­ti­ve, sia pre­val­sa la linea più con­ser­va­tri­ce e si sia opta­to per un siste­ma “a dop­pio bina­rio”, tra pae­si che pos­sie­do­no già un sala­rio mini­mo di leg­ge e quel­li che non lo pre­ve­do­no: i pri­mi saran­no tenu­ti ad ade­guar­ne l’importo e ren­der­lo più equo e com­mi­su­ra­to al costo del­la vita, al tas­so di pro­dut­ti­vi­tà e ai sala­ri medi (anche se, a quan­to pare, il rife­ri­men­to al valo­re del 60% del sala­rio media­no come obiet­ti­vo è rima­sto come mero para­me­tro di auto­va­lu­ta­zio­ne); gli altri pae­si, tra cui il nostro, dovran­no sola­men­te pro­muo­ve­re la con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va e garan­ti­re una coper­tu­ra ad un nume­ro suf­fi­cien­te di lavoratori .

Para­dos­sal­men­te, que­sta diret­ti­va par­reb­be impor­re mag­gio­ri obbli­ghi in capo agli Sta­ti che già sono dota­ti di un sala­rio mini­mo (obbli­go di ade­gua­men­to al costo del­la vita, par­te­ci­pa­zio­ne del­le par­ti socia­li nell’aggiornamento) rispet­to a quel­li che non ne sono dota­ti. E ren­de­re più one­ro­so il per­cor­so di attua­zio­ne del sala­rio mini­mo non age­vo­la il rav­vi­ci­na­men­to tra i diver­si siste­mi, aspet­to che una diret­ti­va dovreb­be ave­re tra gli sco­pi primari. 

Il testo non sem­bra tra l’altro con­tem­pla­re in modo ade­gua­to il con­te­sto ita­lia­no, fat­to di ampia coper­tu­ra con­trat­tua­le (alme­no sul­la car­ta) e alta per­cen­tua­le di wor­king poors (lavo­ra­to­ri in con­di­zio­ne di pover­tà, 11.8%).

In altre paro­le, rispet­to alle boz­ze ini­zia­li, si è giun­ti ad un com­pro­mes­so al ribas­so che, se non sna­tu­ra, ridi­men­sio­na mol­to la por­ta­ta inno­va­ti­va del­la direttiva.

Que­sta è comun­que una valu­ta­zio­ne pre­li­mi­na­re: la pro­po­sta del­la Com­mis­sio­ne dovrà anco­ra esse­re appro­va­ta dal Par­la­men­to e dal Con­si­glio, in segui­to gli Sta­ti mem­bri avran­no due anni per rece­pir­la. Occor­re­rà quin­di anco­ra tem­po per capi­re qua­le sarà il rea­le impat­to del­la diret­ti­va sull’Eurozona.

La dico­to­mia crea­ta dal­la diret­ti­va tra uno sche­ma rego­la­to dal sala­rio mini­mo lega­le e uno dal­la con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va è sem­pli­ce­men­te fal­sa. In alcu­ni pae­si dell’Unione, il mini­mo lega­le coe­si­ste con la con­trat­ta­zio­ne e, anzi, ne costi­tui­sce il pri­mo prin­ci­pa­le raf­for­za­men­to. Baste­reb­be inclu­de­re nel testo, come cri­te­rio vin­co­lan­te, la non com­pe­ti­zio­ne tra il mini­mo lega­le e le retri­bu­zio­ni pre­vi­ste dai con­trat­ti col­let­ti­vi. Una nor­ma mol­to sem­pli­ce che si tra­dur­reb­be nel­la pre­va­len­za dei CCNL quan­do que­sti pre­ve­do­no paghe supe­rio­ri al mini­mo lega­le. Lo abbia­mo scrit­to come pun­to fon­da­men­ta­le nel­la nostra pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re, che ora è anco­ra più impor­tan­te di pri­ma. Vi invi­tia­mo nuo­va­men­te a rilan­ciar­la, a soste­ner­la, a far­vi par­te atti­va nel­la rac­col­ta fir­me (bit.ly/salariominimofirma). Por­ta­re que­sto pun­to di vista in Par­la­men­to è fon­da­men­ta­le per cer­ca­re di schio­da­re il dibat­ti­to poli­ti­co e quin­di i sala­ri ita­lia­ni dal loro attua­le inde­cen­te livello.

Fabio Tum­mi­nel­lo

Sil­via Romano

Davi­de Serafin

Euro­pa Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?