Restate a casa, dicono

Sono più di 50.000 i senzatetto. Un esercito di invisibili che sfuggono ai controlli e a qualunque compassione. Tra loro, come vale per qualsiasi gruppo demografico, ci saranno persone in salute e persone che ricadono tra i soggetti a rischio. I più deboli, tra quelli che vengono già classificati come “fascia debole della popolazione”.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Lo scri­vo­no nero su bian­co, a mez­zo decre­to. #IoRe­stoA­Ca­sa. Ma per resta­re a casa, biso­gna aver­ne una.

La fase che stia­mo viven­do è dif­fi­ci­le, com­ples­sa e fati­co­sa per tut­te e tut­ti. Il virus, la qua­ran­te­na, l’isolamento: fan­no pau­ra. E lo sta­re rin­chiu­si in casa è una sfi­da dif­fi­ci­le per il nostro siste­ma ner­vo­so. 

Ma non è così per tut­ti. Non per chi una casa non ce l’ha. In Ita­lia, sono più di 50.000 i sen­za­tet­to (dati ISTAT, 2015). 

Un eser­ci­to di invi­si­bi­li che sfug­go­no ai con­trol­li e a qua­lun­que com­pas­sio­ne. Tra loro, come vale per qual­sia­si grup­po demo­gra­fi­co, ci saran­no per­so­ne in salu­te e per­so­ne che rica­do­no tra i sog­get­ti a rischio. I più debo­li, tra quel­li che ven­go­no già clas­si­fi­ca­ti come “fascia debo­le del­la popolazione”.

Ci unia­mo all’esposto indi­riz­za­to alla Sin­da­ca e alla pre­fet­tu­ra di Roma, con cui l’associazione di volon­ta­ria­to Bao­bab Expe­rien­ce ha denun­cia­to l’insostenibile situa­zio­ne in cui in trop­pi cer­ca­no di soprav­vi­ve­re. 

Han­no chie­sto di “Indi­vi­dua­re quan­to pri­ma loca­li pres­so i qua­li le per­so­ne sen­za fis­sa dimo­ra pos­sa­no esse­re accol­te; prov­ve­de­re a distri­bui­re loro masche­ri­ne pro­tet­ti­ve, disin­fet­tan­ti e ogni uti­le pre­si­dio medi­co sani­ta­rio e alla veri­fi­ca del­le loro con­di­zio­ni di salu­te; garan­ti­re la dispo­ni­bi­li­tà dei ser­vi­zi essen­zia­li di soprav­vi­ven­za per le per­so­ne in con­di­zio­ni di impos­si­bi­li­tà di prov­ve­de­re a sé stes­si, qua­li men­se, distri­bu­zio­ni di cibo e frui­zio­ne di doc­ce e bagni”.

Per­ché, come ricor­da­no, i sen­za­tet­to sono ora le per­so­ne più espo­ste al rischio di con­ta­gio, quel­li che cor­ro­no i mag­gio­ri rischi per loro stes­si, e per gli altri.

Chie­dia­mo, inol­tre, che que­ste richie­ste sia­no accol­te dal­le ammi­ni­stra­zio­ni loca­li sull’intero ter­ri­to­rio nazio­na­le, per garan­ti­re che la salu­te di tut­ta la popo­la­zio­ne sia tute­la­ta, a ini­zia­re dai più biso­gno­si. 

Per­ché la sicu­rez­za di tut­ti pas­sa dal­la pro­te­zio­ne di ognu­no.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.