Respingimenti a Chiasso: Possibile interroga Alfano

L'Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione (ASGI) ha denunciato le numerose violazioni della normativa vigente sui respingimenti che la Svizzera sta portando avanti ignorando tutti i trattati internazionali.

Abbia­mo pre­sen­ta­to un’in­ter­ro­ga­zio­ne urgen­te al Mini­stro del­l’In­ter­no Alfa­no su quan­to sta avve­nen­do alla fron­tie­ra di Chias­so e sul trat­ta­men­to inu­ma­no che Ita­lia e Sviz­ze­ra stan­no riser­van­do a cen­ti­na­ia di migranti.

Lo scor­so ago­sto l’Asso­cia­zio­ne Stu­di Giu­ri­di­ci sul­l’Im­mi­gra­zio­ne (ASGI) ha denun­cia­to le nume­ro­se vio­la­zio­ni del­la nor­ma­ti­va vigen­te sui respin­gi­men­ti che la Sviz­ze­ra sta por­tan­do avan­ti igno­ran­do tut­ti i trat­ta­ti inter­na­zio­na­li. I migran­ti che tor­na­no in Ita­lia sono tenu­ti in con­di­zio­ni uma­ni­ta­rie al limi­te e vie­ne siste­ma­ti­ca­men­te impe­di­to loro di fare richie­sta di asi­lo e di chie­de­re il ricon­giun­gi­men­to con i pro­pri fami­lia­ri in altri pae­si europei.

Nel rap­por­to si leg­ge che tra luglio e ago­sto sono sta­te effet­tua­te qua­si 7.000 riam­mis­sio­ni di cit­ta­di­ni stra­nie­ri irre­go­lar­men­te sog­gior­nan­ti dal­la Sviz­ze­ra all’I­ta­lia: di que­ste, alme­no 600 han­no riguar­da­to il tra­sfe­ri­men­to for­za­to di mino­ri non accom­pa­gna­ti.

I migran­ti attual­men­te cir­ca 500, tra i qua­li mol­ti mino­ri non accom­pa­gna­ti si sono accam­pa­ti nei pres­si del­la sta­zio­ne di Como dove vivo­no in con­di­zio­ni asso­lu­ta­men­te ina­de­gua­te e sen­za la neces­sa­ria assi­sten­za lega­le e di media­zio­ne lin­gui­sti­ca e cul­tu­ra­le. Altre per­so­ne respin­te, inve­ce, sono sta­te tra­sfe­ri­te da Chias­so ver­so loca­li­tà del sud Ita­lia ed in par­ti­co­la­re pres­so l’ho­tspot di Taran­to. Secon­do le testi­mo­nian­ze rac­col­te da alcu­ni volon­ta­ri e migran­ti pre­sen­ti a Como, dal 13 luglio 2016 que­sti tra­sfe­ri­men­ti for­za­ti avver­reb­be­ro due vol­te a set­ti­ma­na, con par­ten­za di due pull­man pri­va­ti accom­pa­gna­ti in gene­re da tre camio­net­te del­la poli­zia, sen­za infor­ma­re i migran­ti del­la desti­na­zio­ne e anche pro­vo­can­do la divi­sio­ne di mol­ti nuclei fami­lia­ri con pre­sen­za di minori.

Chie­dia­mo che il Gover­no si atti­vi imme­dia­ta­men­te per garan­ti­re, in ogni luo­go depu­ta­to a que­sto sco­po, la pre­sen­za di media­to­ri cul­tu­ra­li e di per­so­na­le com­pe­ten­te.

Giu­sep­pe Civa­ti, Andrea Mae­stri, Elly Schlein

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.