A quattro giorni dal voto, il segretario del PD mina la riforma del Premier

Siete sicuri che l’aver esteso anche alla Costituzione l’insana abitudine tipica della politica di dire tutto e il contrario di tutto in base alla convenienza del momento non sia in effetti l’unico vero cambiamento visto finora?

Un col­po a fred­do, del tut­to inat­te­so, quel­lo asse­sta­to al Pre­mier M Ren­zi a pochi gior­ni dal voto refe­ren­da­rio di dome­ni­ca. Il clas­si­co fuo­co ami­co di una sini­stra mai paga del suo taf­fa­zi­smo. L’autore del­lo sgam­bet­to è infat­ti nien­te­me­no che il segre­ta­rio del PD, Mat­teo R, che ha scel­to la vasta pla­tea dei social per mina­re irre­pa­ra­bil­men­te uno dei prin­ci­pi car­di­ne del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le pro­mos­sa dal gover­no Ren­zi: la non elet­ti­vi­tà del Senato.

Incu­ran­te dei moni­ti che negli anni il pre­mier ha lan­cia­to alla sua mag­gio­ran­za (e in par­ti­co­la­re al suo par­ti­to), che ha defi­ni­to “intoc­ca­bi­le” il prin­ci­pio di non eleg­gi­bi­li­tà del nuo­vo sena­to, il segre­ta­rio del PD ha det­to che i sena­to­ri ver­ran­no inve­ce scel­ti dai cit­ta­di­ni e si è spin­to fino a pre­sen­ta­re un fac­si­mi­le di sche­da elet­to­ra­le. Come gesti­rà que­sta enne­si­ma fai­da inter­na il pre­mier? Sce­glie­rà il pugno di fer­ro che lo ha reso cele­bre, o cer­che­rà di sal­va­re l’unità del suo par­ti­to a pochi gior­ni da una tor­na­ta elet­to­ra­le in cui avrà biso­gno di con­ta­re sull’aiuto di tut­ti, in par­ti­co­la­re del suo segretario?

No, non sto scher­zan­do. Non del tut­to, alme­no, per­ché la situa­zio­ne è gra­ve, ma non è seria. Quel­lo che ave­te appe­na let­to è un plau­si­bi­le esem­pio di rico­stru­zio­ne gior­na­li­sti­ca che potre­ste leg­ge­re oggi su uno dei prin­ci­pa­li quo­ti­dia­ni ita­lia­ni, non fos­se che i pro­ta­go­ni­sti del brac­cio di fer­ro in que­stio­ne, sta­vol­ta, sono la stes­sa persona.

E’ infat­ti lo stes­so Ren­zi che per anni ci ha rac­con­ta­to che la non eleg­gi­bi­li­tà dei sena­to­ri era uno degli ele­men­ti car­di­ne del­la sua rifor­ma costi­tu­zio­na­le, ad aver soste­nu­to ieri sera duran­te una del­le sue diret­te fiu­me sui social che il nuo­vo sena­to (sì, ave­te capi­to bene) sarà in real­tà scel­to dai cit­ta­di­ni, addi­rit­tu­ra tra­mi­te una sche­da apposita.

Ovvia­men­te di tut­to que­sto non c’è trac­cia nel­la rifor­ma, ma sap­pia­mo che que­sto non è mai sta­to un pro­ble­ma per il nostro pre­mier, per cui la real­tà dei fat­ti non è che un’inutile osses­sio­ne da pro­fes­so­ro­ni.

Cosa vole­te che sia il prin­ci­pio di non con­trad­di­zio­ne, per chi si tro­va ad affron­ta­re la madre di tut­te le bat­ta­glie, di chi ha assun­to su di sé l’onere di fer­ma­re con la sola impo­si­zio­ne del­le sue rifor­me il dilu­vio che altri­men­ti spaz­ze­reb­be via ogni bar­lu­me di civil­tà dal nostro pove­ro Paese?

Per un gover­no che ha usa­to più e più vol­te i mala­ti di can­cro e i bam­bi­ni dia­be­ti­ci come argo­men­to a pro­prio favo­re, che è riu­sci­to a col­le­ga­re a una revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le abbor­rac­cia­ta l’abbassamento del­le bol­let­te e per­si­no l’efficienza del siste­ma fer­ro­via­rio, che ha det­to che que­sta rifor­ma è al con­tem­po quel­la da sem­pre volu­ta da Ber­lu­sco­ni e quel­la che rac­co­glie l’eredità dell’Ulivo, che ha pro­mes­so che i rispar­mi (gene­ro­sa­men­te decu­pli­ca­ti per magia) deri­van­ti dal­la rifor­ma andreb­be­ro ai pove­ri, ma anche agli infer­mie­ri, ma anche ai ricer­ca­to­ri, cosa vole­te che sia dire ora che il sena­to sarà sia non elet­ti­vo che elettivo?

Mi per­met­to di rivol­ger­mi a quan­ti in buo­na fede stan­no pen­san­do di vota­re sì per­ché sen­to­no che il biso­gno di cam­bia­men­to sia supe­rio­re al peri­co­lo che que­sto cam­bia­men­to sia posi­ti­vo, e a quan­ti riten­go­no (pur non apprez­zan­do­lo) che Ren­zi sia al momen­to l’unico argi­ne allo tsu­na­mi popu­li­sta che sta inve­sten­do l’occidente.

Sie­te sicu­ri che l’aver este­so anche alla Costi­tu­zio­ne l’insana abi­tu­di­ne tipi­ca del­la poli­ti­ca di dire tut­to e il con­tra­rio di tut­to in base alla con­ve­nien­za del momen­to non sia in effet­ti l’unico vero cam­bia­men­to visto fino­ra? Sie­te sicu­ri che que­sta rifor­ma pen­sa­ta male e scrit­ta peg­gio non sia sem­pli­ce­men­te un pun­to da por­ta­re a casa per Ren­zi per non affron­ta­re dav­ve­ro nes­su­na del­le scel­te deci­si­ve in cui dav­ve­ro sareb­be richie­sto un cam­bio di pas­so? E che quan­do doman­de­re­mo il cam­bia­men­to vero non ci sen­ti­re­mo rispon­de­re: “Ehi, cosa pre­ten­de­te da me? Ho già por­ta­to a casa la rifor­ma del­le rifor­me, quel­la che aspet­ta­va­mo dai tem­pi del­le guer­re puni­che! Ma la pros­si­ma vol­ta, vedrete…”.

Sie­te sicu­ri che aval­la­re ogni nefan­dez­za e misti­fi­ca­zio­ne pas­si per la testa al pre­si­den­te del Con­si­glio per­ché “gli altri sono peg­gio” non sia un otti­mo modo per abi­tuar­ci pian pia­no al peg­gio? Sicu­ri che non si trat­ti in fon­do di una for­ma (nem­me­no tan­to) gra­dua­le del­lo stes­so popu­li­smo? Da anni ormai ci avvi­ci­nia­mo un pas­set­to (ver­so destra) alla vol­ta a quel­le stes­se poli­ti­che che cre­dia­mo di scongiurare.

Ci dico­no che sia­mo sull’orlo del bara­tro, e al con­tem­po che ci voglio­no far fare un pas­so avan­ti. Il risul­ta­to lo capi­te da soli.

Ecco, fer­mia­mo­ci, sia­mo anco­ra in tem­po. Dicia­mo no.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?