Prepariamo giorni migliori: ripulire il disastro lasciato dal bue che dà del cornuto a sé stesso

La cam­pa­gna refe­ren­da­ria è ormai entra­ta nel vivo, e come sem­pre acca­de, è pro­prio chi, come il bloc­co gover­na­ti­vo, accu­sa gli altri di voler per­so­na­liz­za­re il dibat­ti­to su Ren­zi per tener­lo fuo­ri dal meri­to del­la rifor­ma, a but­tar­la in cacia­ra, a per­so­na­liz­za­re, a non entra­re mai nel meri­to.

Sul cor­to­cir­cui­to del dibat­ti­to refe­ren­da­rio, sul­le mol­te men­zo­gne del fron­te del sì, sul bi-pen­sie­ro del par­ti­to del­la nazio­ne, ha scrit­to oggi sul suo blog il nostro segre­ta­rio Giu­sep­pe Civa­ti, in un post dal tito­lo “Il bue che dà del cor­nu­to a sé stes­so”.

Dice Civa­ti:

In tota­le sta­to con­fu­sio­na­le, il Pd del­le lar­ghe inte­se, il par­ti­to sedi­cen­te del­la nazio­ne e del­la «pro­fon­da sin­to­nia» del Naza­re­no, il Pd del tut­ti­den­tro, il Pd che gover­na abbrac­cia­to con Ver­di­ni (uffi­cia­liz­za­to il grup­po MaieA­la alla Came­ra, in dero­ga alle rego­le e con tota­le sprez­zo del­l’a­cro­ni­mo), il Pd che rac­co­glie espo­nen­ti già di Rifon­da­zio­ne misce­lan­do­li con tito­la­ri del mon­ti­smo, il Pd che salu­tò il gover­no Let­ta come se fos­se una rie­di­zio­ne del­l’in­te­sa Moro Ber­lin­guer (!), il Pd che ha poi sosti­tui­to Let­ta con Ren­zi per tra­sfor­ma­re un bien­nio di emer­gen­za in una inte­ra legi­sla­tu­ra basa­ta su un pat­to poli­ti­co con il ‘nuo­vo’ cen­tro­de­stra, il Pd che sta al gover­no con Alfa­no det­to Lodo, che attra­ver­sa i Loren­zin­days sen­za fare una pie­ga, che ha man­da­to via Lupi per un oro­lo­gio ma si tie­ne Stret­to il Pon­te, il Pd che ha teo­riz­za­to il tra­sver­sa­li­smo tra­sfor­mi­sta e futu­ri­sta come una ricet­ta di straor­di­na­ria saga­cia, se la pren­de con chi vote­rà No al refe­ren­dum per­ché lo schie­ra­men­to è vario. Per­ché ci sono espo­nen­ti di destra e di sinistra!

Un bloc­co di pote­re cini­co e spre­giu­di­ca­to che se la pren­de con chi non sta nel pro­prio bloc­co di pote­re. Come se que­sto schie­ra­men­to, ovvia­men­te, non dipen­des­se da come si sono schie­ra­ti loro.

Di fron­te allo sta­to con­fu­sio­na­le del bloc­co di pote­re che ci gover­na, il nostro è un mes­sag­gio chia­ro e sem­pli­ce:
pre­pa­ria­mo gior­ni miglio­ri, per­ché noi non fac­cia­mo pastic­ci e non abbia­mo inten­zio­ne di gover­na­re con il varie­ga­to fron­te del no, sap­pia­mo però che dopo il 4 dicem­bre, comun­que vada, pri­ma o poi qual­cu­no dovrà puli­re il disa­stro che il bue che dà del cor­nu­to a sé stes­so ha lascia­to, e pro­prio come per le stal­le di Augia (anche quel­lo un re tan­to spoc­chio­so quan­to pastic­cio­ne) sarà una fati­ca di Ercole.

Vota­re no, inve­ce, quel­lo non costa alcu­na fati­ca. In que­sta situa­zio­ne è la cosa più sem­pli­ce e natu­ra­le del mondo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.