Possibile, nelle piazze, in Parlamento e su e giù per l’Italia

In atte­sa del­l’as­sem­blea con­gres­sua­le, in pro­gram­ma per il pros­si­mo 21 novem­bre a Napo­li, Pos­si­bi­le sta por­tan­do avan­ti le sue bat­ta­glie tra il Par­la­men­to e le piaz­ze. Redu­ci dal­l’e­spe­rien­za refe­ren­da­ria non per­dia­mo l’a­bi­tu­di­ne del con­tat­to per­so­na­le, del­la poli­ti­ca por­ta a por­ta, e soprat­tut­to non chiu­dia­mo i nostri ban­chet­ti. Da una par­te sia­mo a fian­co di Max Fanel­li per la calen­da­riz­za­zio­ne del­la Lip sul “fine vita”, dal­l’al­tra in dife­sa del­la Costi­tu­zio­ne con dei veri e pro­pri pre­si­di per spie­ga­re i rea­li con­te­nu­ti del­la rifor­ma appro­va­ta e per illu­stra­re la pro­po­sta alter­na­ti­va. Sia­mo infat­ti sem­pre alla ricer­ca di “Vie Pos­si­bi­li” con il con­tri­bu­to dei nostri comi­ta­ti loca­li che andre­mo a sup­por­ta­re con i nostri par­la­men­ta­ri, Giu­sep­pe Civa­ti, Luca Pasto­ri­no, Bea­tri­ce Bri­gno­ne e Andrea Mae­stri, impe­gna­ti in que­ste set­ti­ma­ne in un entu­sia­sman­te “Road show” su e giù per l’I­ta­lia. Por­te­ran­no con loro que­ste e altre bat­ta­glie che elen­chia­mo qui di segui­to, e per rac­co­glie­re istan­ze loca­li, che pos­so­no diven­ta­re più for­ti e inci­si­ve nel­la con­nes­sio­ne con quel­le por­ta­te avan­ti da altri comi­ta­ti, altri territori.

#IOSTOCONMAX PER IL “FINE VITA” 

Sare­mo di nuo­vo in piaz­za nei pros­si­mi fine set­ti­ma­na, a fian­co di Max e di tut­ti colo­ro che voglio­no la calen­da­riz­za­zio­ne del­la Lip, leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re sul “Fine vita” per la liber­tà di scel­ta in uno sta­to lai­co, sot­to­scrit­ta da oltre 70mila per­so­ne. Al momen­to solo capo­grup­po di Sel, Artu­ro Scot­to, si è det­to favo­re­vo­le alla sua imme­dia­ta calen­da­riz­za­zio­ne. Lati­ta­no mol­ti altri e soprat­tut­to i capi­grup­po di mag­gio­ran­za. Ed è ovvio che se non ci sono i capi­grup­po di mag­gio­ran­za a dichia­rar­si a favo­re del­la calen­da­riz­za­zio­ne nell’ambito del­la con­fe­ren­za dei capi­grup­po, non si va da nes­su­na par­te, per­ché se non c’è la mag­gio­ran­za non ci sono i nume­ri. Così, dopo il tweet­bom­bing ai capi­grup­po con hash­tag #Calen­da­riz­za­te­la e un pri­mo wee­kend in piaz­za nel qua­le abbia­mo rac­col­to soli­da­rie­tà e par­te­ci­pa­zio­ne, nei pros­si­mi wee­kend tor­nia­mo con i nostri ban­chet­ti per rac­co­glie­re le fir­me sul­la peti­zio­ne che chie­de con urgen­za ai capi­grup­po di calen­da­riz­za­re la Lip.

COSTITUZIONE E COMITATI-PRESIDI DI POSSIBILE

«La rifor­ma costi­tu­zio­na­le ha fat­to un altro pas­so avan­ti, con l’ultima appro­va­zio­ne in Sena­to. Dove non c’è sta­to nes­sun miglio­ra­men­to del­la sostan­za del­la rifor­ma: rima­ne l’idea di sosti­tui­re al bica­me­ra­li­smo per­fet­to il bica­me­ra­li­smo impaz­zi­to», han­no scrit­to Bea­tri­ce Bri­gno­ne, Giu­sep­pe Civa­ti, Andrea Mae­stri e Luca Pasto­ri­no, invi­tan­do i comi­ta­ti di Pos­si­bi­le a tor­na­re nel­le piaz­ze, costi­tuen­do dei pre­si­di del­la Costi­tu­zio­ne «per spie­ga­re i rea­li con­te­nu­ti del­la rifor­ma appro­va­ta sen­za alcu­na discus­sio­ne di meri­to e per illu­stra­re la pro­po­sta alter­na­ti­va, con il con­tri­bu­to di noi par­la­men­ta­ri e degli esper­ti del Comi­ta­to scien­ti­fi­co». Un per­cor­so che accom­pa­gne­rà le ulti­me bat­tu­te par­la­men­ta­ri per poi pro­se­gui­re, se la rifor­ma venis­se appro­va­ta, nel­la cam­pa­gna refe­ren­da­ria. Una cam­pa­gna che non dovrà esse­re un ple­bi­sci­to nel­le mani del gover­no, ma uno stru­men­to «per l’opposizione all’esistente e l’apertura a una alter­na­ti­va per il futuro».

LEGGE DI POSSIBILITÀ

Nume­ro­se misu­re pre­vi­ste nel­la leg­ge di sta­bi­li­tà stan­no facen­do discu­te­re. Alcu­ne sono sem­pli­ce­men­te sba­glia­te, per­ché scom­met­to­no sul futu­ro dell’economia inter­na­zio­na­le (posti­ci­pa­zio­ne del­le clau­so­le di sal­va­guar­dia) amplia­no le disu­gua­glian­ze (misu­ra riguar­dan­te la tas­sa sul­la casa), favo­ri­sco­no i soli­ti noti (innal­za­men­to del­la soglia del con­tan­te). Il comi­ta­to scien­ti­fi­co di Pos­si­bi­le si è mes­so al lavo­ro per rea­liz­za­re un docu­men­to aper­to al con­tri­bu­to dei comi­ta­ti di Pos­si­bi­le e di tut­ti i cit­ta­di­ni. Un docu­men­to che ana­liz­za le scel­te sba­glia­te del gover­no Ren­zi e che – soprat­tut­to – deli­nea la pro­spet­ti­va di una “leg­ge di Pos­si­bi­li­tà”, vol­ta a ridur­re le disu­gua­glian­ze, a una mag­gio­re giu­sti­zia socia­le, alla ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca dell’economia, all’istruzione e alla ricer­ca. Il docu­men­to è dispo­ni­bi­le onli­ne.

VIE POSSIBILI: UN PROGETTO PER COMITATO

Si trat­ta di un per­cor­so di coin­vol­gi­men­to dei comi­ta­ti sul­le tema­ti­che loca­li e sul­le cam­pa­gne che stia­mo por­tan­do avan­ti. Pos­si­bi­le vuo­le infat­ti esse­re (anche e soprat­tut­to) l’hub del­le istan­ze pro­ve­nien­ti dai comi­ta­ti loca­li, che da un lato sono per­mea­te dal­le esi­gen­ze del ter­ri­to­rio nel qua­le insi­sto­no, e dall’altro sono por­ta­to­ri di temi specifici.

IL ROAD SHOW DI POSSIBILE

Nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne i nostri par­la­men­ta­ri e i mem­bri del comi­ta­to scien­ti­fi­co saran­no impe­gna­ti su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le in un tour infor­ma­ti­vo su tut­to ciò che riguar­da Pos­si­bi­le, dal­la for­ma orga­niz­za­ti­va, alle cam­pa­gne che Pos­si­bi­le sta por­tan­do avan­ti, oltre all’idea stes­sa di Pae­se che voglia­mo. Cia­scun even­to si apre con una ses­sio­ne rela­ti­va all’organizzazione, dai comi­ta­ti nazio­na­li ai comi­ta­ti loca­li, per pro­se­gui­re con le spe­ci­fi­che cam­pa­gne tema­ti­che, alcu­ne del­le qua­li sono lega­te alle cam­pa­gne por­ta­te avan­ti dagli stes­si comi­ta­ti dif­fu­si sul territorio.

QUESTIONE DISSESTO, TRA LA LIGURIA E BENEVENTO

Il nuo­vo “pia­no casa” pre­sen­ta­to dal pre­si­den­te del­la Ligu­ria, Gio­van­ni Toti, rischia di ave­re con­se­guen­ze deva­stan­ti sul ter­ri­to­rio ligu­re e per tut­ti i cit­ta­di­ni che lo abi­ta­no. Il suo­lo con­su­ma­to in pros­si­mi­tà di cor­si d’acqua tra La Spe­zia e Ven­ti­mi­glia cor­ri­spon­de al 19,2%, con­tro una media nazio­na­le del 5,2%: qua­si il 10% degli abi­tan­ti del­la Ligu­ria, di con­se­guen­za, vive con l’incubo che nuo­ve inon­da­zio­ni si abbat­ta­no sul­le pro­prie abi­ta­zio­ni. Il pia­no casa di Toti, attra­ver­so l’ampliamento del­le dero­ghe, la mor­ti­fi­ca­zio­ne dei pote­ri dei sin­da­ci di difen­de­re il ter­ri­to­rio e il man­ca­to con­tra­sto degli abu­si edi­li­zi, met­te­rà a repen­ta­glio la sicu­rez­za di trop­pe per­so­ne, apren­do feri­te in un ter­ri­to­rio già fra­gi­le e mar­to­ria­to. Va fer­ma­to imme­dia­ta­men­te, e pro­prio per que­sto Pos­si­bi­le ha già mes­so a dispo­si­zio­ne la sua piat­ta­for­ma digi­ta­le per rac­co­glie­re fir­me sul­la peti­zio­ne dispo­ni­bi­le onli­ne.

L’ORGANIZZAZIONE DI POSSIBILE

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.