Portare la follia del cambiamento dentro le stanze dell’Assemblea Regionale Siciliana

Quan­do pen­so alla mia vita pen­so sem­pre all’amo­re per la poli­ti­ca e al mio esse­re sici­lia­no. Due ele­men­ti appa­ren­te­men­te sepa­ra­ti, ma che in real­tà sono due fac­ce appic­ci­ca­te alla stes­sa meda­glia. Impos­si­bi­le fare poli­ti­ca sen­za scon­trar­si con­tro i mali che con­trad­di­stin­guo­no la Sici­lia.

Altret­tan­to dif­fi­ci­le, per me, limi­tar­mi a esse­re sici­lia­no, sen­za pro­va­re a cam­bia­re le cose.
È per que­sto moti­vo che l’ho sem­pre fat­ta, pri­ma a livel­lo uni­ver­si­ta­rio e poi come con­si­glie­re comu­na­le, nel pic­co­lo pae­se in cui vivo in pro­vin­cia di Cata­nia. Sono sta­ti anni di bat­ta­glie dure, logo­ran­ti in tut­ti i sen­si. Anni pas­sa­ti a com­bat­te­re con tut­te le for­ze, insie­me ai comi­ta­ti civi­ci, con­tro un mostro eco­lo­gi­co – l’enorme disca­ri­ca di Vala­ghe d’Inverno – che afflig­ge la nostra comu­ni­tà da trop­po tem­po. Più vol­te mi sono tro­va­to di fron­te a un bivio: anda­re avan­ti o mol­la­re, con­ti­nua­re a lan­cia­re l’assalto ai muli­ni a ven­to oppu­re arrendermi.

Nel 2014 poi, dopo aver per­so le ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve da can­di­da­to sin­da­co, la ten­ta­zio­ne di riti­ra­re i remi in bar­ca è sta­ta più for­te che mai. Eppu­re ho sem­pre deci­so di anda­re avan­ti, di tira­re drit­to per la mia stra­da, nono­stan­te tut­to, tra­sfor­man­do in vit­to­rie tut­te quel­le cose che agli occhi degli altri pote­va­no appa­ri­re come scon­fit­te. E con que­sto spi­ri­to sono arri­va­to fin qui, a quest’ultimo pas­sag­gio: la can­di­da­tu­ra alle ele­zio­ni regio­na­li sici­lia­ne nel­la lista “I cen­to pas­si”, per Fava Pre­si­den­te.

Anco­ra una vol­ta la mia sarà una can­di­da­tu­ra a bas­sis­si­mo bud­get, che pun­te­rà più sull’entusiasmo e l’appoggio dei sin­go­li, che non sugli slo­gan pub­bli­ci­ta­ri e i tito­lo­ni dei gior­na­li. Dal­la mia par­te non ho gran­di spon­sor impren­di­to­ria­li, né appa­ra­ti buro­cra­ti­ci, né soste­ni­to­ri a tavo­li­no. Così come alle ammi­ni­stra­ti­ve di tre anni fa, la cam­pa­gna elet­to­ra­le che voglio por­ta­re avan­ti pog­ge­rà sul­la fati­ca, sul lavo­ro e sul­le lot­te con­dot­te in que­sti anni. Ma soprat­tut­to, farà leva su due ele­men­ti, secon­do me, impor­tan­tis­si­mi: la fidu­cia nei pro­pri valo­ri e la coerenza.

La coe­ren­za di chi, in tut­to que­sto tem­po, ha cer­ca­to di rima­ne­re sem­pre lì, dal­la stes­sa par­te; quel­la degli ulti­mi, degli abban­do­na­ti, degli emar­gi­na­ti, dei ripu­dia­ti. Di chi ha sem­pre cer­ca­to, con tut­te le for­ze, di tra­sfor­ma­re l’intima bat­ta­glia di ognu­no nel­la lot­ta di tutti.

Men­tre i valo­ri di cui par­lo sono gli stes­si che han­no ani­ma­to ogni mia azio­ne poli­ti­ca: la lega­li­tà, la cor­ret­tez­za, il rispet­to per le rego­le e le isti­tu­zio­ni.

In fon­do, le cose che spe­ro di poter por­ta­re all’Ars le tro­vo guar­dan­do indie­tro più che in avan­ti. Sono tut­te cose che ho già fat­to e già vis­su­to. Sono la pas­sio­ne e la deter­mi­na­zio­ne con cui, in pas­sa­to, ho scrit­to mozio­ni e inter­ro­ga­zio­ni con la stes­sa velo­ci­tà con cui si sro­to­la uno stri­scio­ne duran­te le mani­fe­sta­zio­ni di piaz­za. La grin­ta con cui ho affron­ta­to ogni sfi­da, fino in fon­do, ad ogni costo. Sono i miei idea­li di sini­stra; di una sini­stra vera, al ser­vi­zio del­la col­let­ti­vi­tà, dei dispe­ra­ti e dei dise­re­da­ti, con­tro i sopru­si e le ingiu­sti­zie. Sono il corag­gio e la voglia di non far­mi inti­mi­di­re da nessuno.

E poi, insie­me a tut­to que­sto, vor­rei por­ta­re con me all’Ars ogni sor­ri­so, ogni abbrac­cio, ogni pez­zo di vita incon­tra­to lun­go il cam­mi­no. Per­ché sono que­ste le cose, che più di ogni altra, mi han­no reso chi sono.

In mol­ti mi dico­no che que­sta can­di­da­tu­ra è una fol­lia. E io spe­ro fer­ma­men­te che sia così. Per­ché, come soste­ne­va qual­cu­no più gran­de di me, «solo quel­li che sono abba­stan­za fol­li da pen­sa­re di cam­bia­re il mon­do, lo cam­bia­no dav­ve­ro». Nel­la poli­ti­ca, come nel­la scien­za, non c’è spa­zio per chi accet­ta pas­si­va­men­te lo sta­to del­le cose, per chi si accon­ten­ta del­la sem­pli­ce pras­si. E sono con­vin­to che que­sto sia anco­ra più vero per chi ambi­sce a fare poli­ti­ca in Sici­lia, la ter­ra sot­to­po­sta all’eterna dit­ta­tu­ra dell’impossibile. Dove tut­to è immu­ta­bi­le e cam­bia solo per rima­ne­re com’è.

Spe­ro solo che ci sia­no sici­lia­ni a suf­fi­cien­za che, come me, voglia­no por­ta­re la fol­lia del cam­bia­men­to den­tro le stan­ze dell’Assemblea regio­na­le. È con loro che voglio pro­ce­de­re nel mio per­cor­so, met­ten­do un pas­so die­tro l’altro, fino al cen­te­si­mo, con liber­tà, gio­ia e coscien­za.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.