Playa Punta Canna: non lasciamo proliferare il neofascismo

Presenteremo in Parlamento un'interrogazione per denunciare l'enclave neofascista di Playa Punta Canna
#

Playa Punta Canna a Chioggia è uno stabilimento balneare in cui il proprietario ha istituito una vera e propria enclave fascista: simboli, immagini, slogan inneggiano a totalitarismo, regime, violenza, razzismo. Una cosa simile, ostentata e pubblicizzata, non è lecita e rende doveroso l’intervento delle istituzioni, che fino ad oggi forse si erano distratte.

Si violano patentemente, alla luce del sole, la legge Scelba e la legge Mancino, si fa apologia di reato e si inneggia a un regime di ieri che oggi si ripresenta nel sempre più diffuso neofascismo sul web e nelle parate di gruppi e partiti.

Come minimo va revocata la concessione demaniale, come minimo vanno sanzionati penalmente i responsabili attivi e omissivi (chi doveva controllare e non lo ha fatto?) di ciò che accade e continua ad accadere in quel luogo.

Possibile accende l’ennesimo faro e lancia l’ennesima doverosa denuncia con un’interrogazione che depositeremo già domani alla Camera. L’indifferenza generale e la colpevole inerzia delle istituzioni sta lasciando proliferare la mala pianta dell’odio razziale, della violenza fascista e dell’intolleranza. Occorre mobilitarsi.

  • 3.7K
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati