Perché la pace è una scelta politica: complimenti a ICAN!

Con immenso piacere apprendiamo la notizia dell'assegnazione del premio Nobel per la Pace a ICAN, l'organizzazione che da anni si batte, a livello internazionale, per la messa al bando delle armi nucleari.
#

Con immenso piacere apprendiamo la notizia dell’assegnazione del premio Nobel per la Pace a ICAN, l’organizzazione che da anni si batte, a livello internazionale, per la messa al bando delle armi nucleari. E con ICAN, l’affiliata italiana “Rete italiana per il disarmo”, con la quale da tempi insospettabili ci confrontiamo e collaboriamo.

Grazie anche al loro impegno, l’ONU ha adottato lo scorso luglio il “Trattato sulla proibizione delle armi nucleari”, che dal 20 settembre è aperto alla firma degli Stati e entrerà in vigore alla cinquantesima sottoscrizione. Un tema di strettissima attualità, data la facilità con cui si evoca il disastro nucleare lungo la direttissima Washington – Pyongyang. Non è un caso se sin da subito quaranta paesi hanno scelto di aderire.

Tra questi non rientra l’Italia che, anzi, non si è distinta affatto nel processo che ha portato all’approvazione del trattato, di fatto non sostenendolo.

Il Nobel di oggi non può che portarci a chiedere nuovamente che l’Italia ratifichi in tempi rapidi il trattato e si impegni in una più ampia azione per il disarmo, cominciando dal blocco all’export di armamenti verso l’Arabia Saudita.

Complimenti ancora a ICAN. Un grande risultato. Andiamo avanti.

  • 29
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati