Per una sana e giusta alimentazione — #WFD2019

E mentre per i paesi in via di sviluppo, dove la povertà la fa da padrona, esistono programmi volti allo sradicamento della fame e al miglioramento della qualità della vita, gli occidentali si gongolano nella loro sempre-meno-scontata-opulenza e - sebbene vedano i pericoli a cui vanno incontro - tirano dritto, non curanti delle distorsioni causate da scelte individuali, che si traducono in stili di vita pericolosi una volta aggregati al livello globale.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ogni 16 Otto­bre, per il pro­prio com­plean­no, L’Organizzazione Mon­dia­le per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) cele­bra il World Food Day, ovve­ro la gior­na­ta mon­dia­le dell’alimentazione. 

O meglio, per una sana alimentazione.

O meglio anco­ra, per una sana e giu­sta alimentazione. 

Giu­sta, come la giustizia. 

Quel­la socia­le, quel­la che si fa cari­co del­le dif­fi­col­tà e com­bat­te le disu­gua­glian­ze, o alme­no ci pro­va, in un mon­do dove il dise­qui­li­brio regna sovra­no, dove pochi han­no trop­po e trop­pi han­no trop­po poco. 

E se i riflet­to­ri, da sem­pre e per ovvie ragio­ni, sono pun­ta­ti sui pae­si in via di svi­lup­po, i cosid­det­ti pae­si svi­lup­pa­ti non sono cer­ta­men­te esen­ti da pro­ble­mi lega­ti alla man­can­za di una sana e giu­sta alimentazione.

E non si trat­ta solo del­le fasce debo­li del­la popo­la­zio­ne, quel­le che han­no limi­ta­te pos­si­bi­li­tà di sod­di­sfa­re i pro­pri “biso­gni pri­ma­ri”: la sicu­rez­za ali­men­ta­re è un pro­ble­ma anche per chi ha trop­po, per chi con­su­ma trop­po, per chi spre­ca trop­po

E men­tre per i pae­si in via di svi­lup­po, dove la pover­tà la fa da padro­na, esi­sto­no pro­gram­mi vol­ti allo sra­di­ca­men­to del­la fame e al miglio­ra­men­to del­la qua­li­tà del­la vita, gli occi­den­ta­li si gon­go­la­no nel­la loro sem­pre-meno-scon­ta­ta-opu­len­za e — seb­be­ne veda­no i peri­co­li a cui van­no incon­tro — tira­no drit­to, non curan­ti del­le distor­sio­ni cau­sa­te da scel­te indi­vi­dua­li, che si tra­du­co­no in sti­li di vita peri­co­lo­si una vol­ta aggre­ga­ti al livel­lo globale.

Per la pre­ci­sio­ne, si sti­ma che ogni anno cir­ca ⅓, un’enormità, del­la pro­du­zio­ne tota­le di cibo desti­na­to al con­su­mo ali­men­ta­re uma­no vada spre­ca­to, e que­sto spre­co rap­pre­sen­ta una man­ca­ta oppor­tu­ni­tà di redi­stri­bu­zio­ne per chi ha fame e, con­tem­po­ra­nea­men­te, gene­ra impat­ti su cli­ma, acqua, ter­ra e bio­di­ver­si­tà

Que­sto deter­mi­na ele­va­te per­di­te di valo­re lun­go tut­ta la filie­ra agro-alimentare.

Grot­te­sco, se si pen­sa che que­ste pro­ble­ma­ti­che ten­de­reb­be­ro a spa­ri­re se solo si riu­scis­se a modi­fi­ca­re alcu­ni limi­ta­ti aspet­ti del­la vita quo­ti­dia­na: si trat­ta di fare la spe­sa gior­no per gior­no, da pro­dut­to­ri loca­li, pre­di­li­gen­do la filie­ra cor­ta e evi­tan­do alle­va­men­ti e col­ti­va­zio­ni di tipo inten­si­vo, maga­ri recan­do­si in quei fan­ta­sti­ci nego­zi dove si può com­pra­re tut­to sfu­so (libe­ri di deci­de­re quan­to com­pra­re, con­tri­buen­do così a ridur­re anche il con­su­mo di plastica).

Sem­bra faci­le, addi­rit­tu­ra bana­le, ma non lo è: scar­di­na­re deter­mi­na­ti model­li socia­li su lar­ga sca­la è una vera e pro­pria rivo­lu­zio­ne, è un lavo­ro di sen­si­bi­liz­za­zio­ne che richie­de tem­po e risor­se.

Nell’attesa di una pre­sa di coscien­za col­let­ti­va, le cose pos­so­no cam­bia­re a par­ti­re da sin­go­li indi­vi­dui e fami­glie, attra­ver­so la ridu­zio­ne degli spre­chi e la redi­stri­bu­zio­ne del­le ecce­den­ze (un esem­pio è la pro­po­sta dei fri­go­ri­fe­ri soli­da­li, di cui abbia­mo par­la­to in passato). 

Il ruo­lo del­la poli­ti­ca è faci­li­ta­re e pren­de­re spun­to da tan­te bel­lis­si­me ini­zia­ti­ve spon­ta­nee che già esi­sto­no, crean­do model­li ripro­du­ci­bi­li per un miglio­ra­men­to dif­fu­so del­la qua­li­tà del­la vita. 

Ma la Poli­ti­ca deve anche ricor­dan­do­si che la fame, la pover­tà e la giu­sti­zia socia­le sono sue pre­ci­se respon­sa­bi­li­tà, che non pos­so­no né devo­no esse­re dele­ga­te alla buo­na volon­tà di sin­go­li indi­vi­dui o, come spes­so acca­de, all’associazionismo.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.