Per una politica locale virtuosa e al servizio dei cittadini

Comuni-Virtuosi-Res-1170x490

C’è una guer­ra in cor­so di cui qua­si nes­su­no par­la. E’ una guer­ra sub­do­la per­ché invi­si­bi­le. Non pre­ve­de eser­ci­ti in cam­po in cam­pi di guer­ra. Nien­te bom­bar­da­men­ti rumo­ro­si e deva­stan­ti. Tan­te, tan­tis­si­me vit­ti­me sen­za nome, o rappresentanza.

Nel men­tre di una nar­ra­zio­ne ven­ten­na­le le cui paro­le d’ordine sono sta­te fede­ra­li­smo e delo­ca­liz­za­zio­ne è suc­ces­so qual­co­sa di incre­di­bi­le, e deci­sa­men­te ver­go­gno­so. I comu­ni, le isti­tu­zio­ni a km zero dei cit­ta­di­ni, sono sta­ti svuo­ta­ti di risor­se, capa­ci­tà deci­sio­na­le, gestio­ne diret­ta di beni e ser­vi­zi. Il tut­to sacri­fi­ca­to all’altare del mer­ca­to e del “pri­va­to è meglio”. Nell’indifferenza dei più e nell’ottusa ubria­ca­tu­ra (anche) del­le for­ze di sini­stra, che nei vari livel­li isti­tu­zio­na­li in cui han­no gover­na­to si sono chi­na­te supi­na­men­te al ricat­to del qua­lun­qui­smo e del­la dema­go­gia per­ma­nen­ti. Il pub­bli­co fa schi­fo, i poli­ti­ci ruba­no, le isti­tu­zio­ni arran­ca­no som­mer­se da buro­cra­zia e clien­te­le. Ergo, ser­ve pri­va­tiz­za­re, sven­de­re, valorizzare…

A far­ne le spe­se sono sta­te, nien­te­me­no, le comu­ni­tà loca­li. Inte­se come cit­ta­di­ni (meno risor­se signi­fi­ca meno ser­vi­zi, anco­ra più essen­zia­li in un momen­to di cri­si e di pas­sag­gio come que­sto) e come con­te­sto (meno risor­se signi­fi­ca un ter­ri­to­rio di cui nes­su­no si pren­de più cura, cosa che sareb­be anco­ra più impor­tan­te in uno sce­na­rio di cemen­ti­fi­ca­zio­ne sel­vag­gia come quel­lo che abbia­mo attraversato).

In vista dell’appuntamento con “L’Italia pos­si­bi­le” allo­ra, ecco alcu­ni spun­ti e pro­po­ste per inver­ti­re final­men­te la rot­ta e ripor­ta­re al cen­tro del­la discus­sio­ne poli­ti­ca nazio­na­le i comu­ni ita­lia­ni, orfa­ni di una rap­pre­sen­tan­za che ten­ga con­to del­la loro indi­scu­ti­bi­le cen­tra­li­tà. E che con­sen­ta di intro­dur­re cri­te­ri di pre­mia­li­tà e soste­gno per chi la poli­ti­ca loca­le la fa a favo­re dei cit­ta­di­ni, non del­la pro­pria car­rie­ra nel­le isti­tu­zio­ni repubblicane…

  • Sbloc­co del pat­to di sta­bi­li­tà inter­no per quei comu­ni che pro­muo­vo­no azio­ni con­cre­te di effi­cien­te­men­to ener­ge­ti­co, mes­sa in sicu­rez­za del patri­mo­nio edi­li­zio e del ter­ri­to­rio, inve­sti­men­ti lega­ti all’autoproduzione di ener­gia da fon­ti rin­no­va­bi­li, rimo­zio­ne amian­to dal­le super­fi­ci coper­te degli edi­fi­ci pub­bli­ci ed incen­ti­vi per i sog­get­ti privati;
  • Pre­mia­li­tà vir­tuo­sa nei tra­sfe­ri­men­ti dal­lo Sta­to (esem­pio: i comu­ni che supe­ra­no la soglia di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta mini­ma ven­go­no pre­mia­ti con mag­gio­ri tra­sfe­ri­men­ti, le risor­se ven­go­no repe­ri­te sot­traen­do­le ai comu­ni che non fan­no bene la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta; idem per quei comu­ni che tute­la­no pae­sag­gio e ter­ri­to­rio evi­tan­do nuo­ve cemen­ti­fi­ca­zio­ni e rinun­cian­do agli one­ri di urba­niz­za­zio­ne; e così via);
  • Ope­ra­zio­ne veri­tà: coor­di­na­ta da Mini­ste­ro dell’Ambiente e da ANCI, pro­muo­ve­re una map­pa­tu­ra capil­la­re ed esau­sti­va del­le buo­ne pra­ti­che in cam­po ambien­ta­le spe­ri­men­ta­te in giro per l’Italia, con con­se­guen­te valo­riz­za­zio­ne e con­di­vi­sio­ne degli stru­men­ti (atti pub­bli­ci, siner­gie pub­bli­co pri­va­to, testi­mo­nian­ze pro­ta­go­ni­sti) per favo­ri­re una loro dif­fu­sio­ne sul ter­ri­to­rio. Fac­cia­mo­le diven­ta­re la rego­la, non l’eccezione;
  • Sbu­ro­cra­tiz­za­zio­ne del buon sen­so: favo­ri­re quei comu­ni che inten­do­no inve­sti­re nel­la soste­ni­bi­li­tà per­se­guen­do gli obiet­ti­vi fis­sa­ti in mate­ria dal­la Comu­ni­tà Euro­pea, toglien­do il più pos­si­bi­le tut­ti gli osta­co­li e gli impe­di­men­ti buro­cra­ti­ci e nor­ma­ti­vi che pos­so­no incon­tra­re lun­go il cam­mi­no, pre­ve­nen­do cor­sie pre­fe­ren­zia­li per tipo­lo­gie di appal­to che con­sen­ta­no di rag­giun­ge­re gli obiet­ti­vi (finan­zia­men­to tra­mi­te ter­zi, con­trat­to di mes­sa in dispo­ni­bi­li­tà, esco, gpp, ecc.).

Ai sin­da­ci one­sti, di buon sen­so, soste­ni­bi­li e soli­da­li, sia data final­men­te l’opportunità di agi­re age­vol­men­te nel gover­no del ter­ri­to­rio. Poten­do sce­glie­re da che par­te anda­re. Met­ten­do un’opzione, e non un’ipoteca, su un futu­ro diver­so e dav­ve­ro possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.