Partecipare è Possibile: la nostra piattaforma

La piat­ta­for­ma per la par­te­ci­pa­zio­ne rea­liz­za­ta da Pos­si­bi­le per i suoi iscrit­ti segna un dop­pio risul­ta­to, uno poli­ti­co e uno tec­ni­co: quel­lo poli­ti­co con­si­ste nel por­ta­re per la pri­ma vol­ta un par­ti­to e i suoi ade­ren­ti a usu­frui­re di uno stru­men­to che per­met­ta loro di espri­mer­si in modo rapi­do, snel­lo, assi­duo, infor­ma­to, e inol­tre sem­pli­ce, in linea insom­ma con i pro­gres­si che han­no inte­res­sa­to tut­ta la nostra vita tran­ne, fino­ra, pro­prio le orga­niz­za­zio­ni politiche.

Pos­si­bi­le con­ti­nua a ripe­te­re ciò che ha det­to e pra­ti­ca­to con i suoi mili­tan­ti sin dallini­zio: la poli­ti­ca è con­tat­to, è rela­zio­ne tra le per­so­ne, è fre­quen­ta­zio­ne. E su que­sta pra­ti­ca con­ti­nue­re­mo a insi­ste­re, di per­so­na per­so­nal­men­te, sen­za però rinun­cia­re (e per­ché mai dovrem­mo?) alla pos­si­bi­li­tà di uti­liz­za­re stru­men­ti aggior­na­ti ed effi­ca­ci per orga­niz­zar­ci, scam­biar­ci infor­ma­zio­ni e pren­de­re deci­sio­ni


A que­sto tra­guar­do Pos­si­bi­le, un sog­get­to appe­na nato, soste­nu­to solo da lavo­ro volon­ta­rio e sot­to­scri­zio­ni volon­ta­rie, sen­za finan­zia­men­to pub­bli­co, arri­va pri­mo, in Ita­lia: ci per­met­tia­mo di esser­ne mol­to fieri.
Nel­le pros­si­me ore par­ti­ran­no miglia­ia e miglia­ia di mail, con­te­nen­ti le cre­den­zia­li di acces­so — per­so­na­li per ogni sin­go­lo iscrit­to — alla piat­ta­for­ma su cui, per la pri­ma vol­ta, dal­le 00:00 di dome­ni­ca 20 si potrà ini­zia­re a vota­re.
 
Per chi si occu­pa di que­sto gene­re di cose, la piat­ta­for­ma è una custo­miz­za­zio­ne del pro­get­to svi­lup­pa­to con­giun­ta­men­te dal­la Fon­da­zio­ne RCM — Rete Civi­ca di Mila­no (FRCM) e dal Labo­ra­to­rio di Infor­ma­ti­ca Civi­ca (LIC) deno­mi­na­to Open­DCN, i cui codi­ci sor­gen­ti sono pub­bli­ci (qui le licen­ze). Open­DCN Pos­si­bi­le è rea­liz­za­to prin­ci­pal­men­te in PHP, uti­liz­zan­do il fra­mework di svi­lup­po Cake­PHP e il moto­re di tem­pla­te Smar­ty. Inol­tre, Open­DCN è sta­to rila­scia­to con licen­za open sour­ce, e più pre­ci­sa­men­te: il fra­mework di svi­lup­po è sta­to rila­scia­to con licen­za MIT; l’ap­pli­ca­zio­ne è sot­to­po­sta a licen­za GPL.
Il risul­ta­to, Open­DCN Pos­si­bi­le, è in gra­do sin da subi­to di offri­re sup­por­to alla par­te­ci­pa­zio­ne e alla deli­be­ra­zio­ne onli­ne. In que­sto nostro pri­mo anno di atti­vi­tà costi­tui­ta, su qua­si 5mila iscrit­ti — tut­ti rea­liz­za­ti onli­ne e trac­cia­ti, sen­za pos­si­bi­li­tà di crea­re filie­re o signo­ri del­le tes­se­re — abbia­mo sco­per­to l’esistenza di un’utenza pari a cir­ca il 10 per cen­to del tota­le pri­va anche solo di un pro­prio indi­riz­zo mail (non di rado, in cop­pie di una cer­ta età in cui se ne usa uno solo “di fami­glia”). Nel cor­so dei mesi, abbia­mo lavo­ra­to per fare in modo di for­ni­re il più pos­si­bi­le a tut­ti i nostri iscrit­ti un’identità digi­ta­le per­so­na­le e uni­vo­ca, ridu­cen­do gran­de­men­te quel­la per­cen­tua­le ini­zia­le. In que­sto lavo­ro sono sta­ti di gran­de aiu­to i por­ta­vo­ce, che sono sta­ti e riman­go­no faci­li­ta­to­ri con fun­zio­ni di sup­por­to, anche quan­do nel­la secon­da fase del nostro con­gres­so attual­men­te in cor­so si svol­ge­ran­no le riu­nio­ni di comi­ta­to, che a loro vol­ta pre­ve­de­ran­no il voto onli­ne anche sul posto.
Di sup­por­to, però, ma non di gestio­ne uten­ze, e anche que­sto è un ele­men­to impor­tan­te, anzi fon­da­men­ta­le ai fini del­la serie­tà del pro­ces­so: 
i mec­ca­ni­smi di sicu­rez­za stu­dia­ti dagli svi­lup­pa­to­ri impe­di­sco­no un con­trol­lo ex post che lede­reb­be la segre­tez­za del voto (che vie­ne per l’ap­pun­to garan­ti­ta dal pro­ces­so di con­sul­ta­zio­ne cer­ti­fi­ca­ta pre­sen­te in piat­ta­for­ma). Il voto è quin­di per­so­na­le e segre­to, e inac­ces­si­bi­le a chiun­que, anche a Possibile.
L’i­stan­za custo­miz­za­ta di Qui­vis (che resta a con­trol­lo con­giun­to del LIC e di Pos­si­bi­le) risie­de sui ser­ver in gestio­ne a Pos­si­bi­le per moti­vi di sicu­rez­za del pro­ces­so e segre­tez­za del­la gran­de mole di dati per­so­na­li coin­vol­ti di cui Pos­si­bi­le è il respon­sa­bi­le pri­va­cy e di cui di con­se­guen­za rispon­de penalmente.
 
La deli­be­ra­zio­ne diret­ta — il voto, insom­ma — è però solo la pri­ma fun­zio­na­li­tà atti­va­ta nel­la piattaforma. 
Nei pros­si­mi mesi ver­ran­no spe­ri­men­ta­ti su sca­la nazio­na­le anche il resto dellampia gam­ma di stru­men­ti che con­sen­to­no di rea­liz­za­re un ambien­te onli­ne costi­tui­to da spa­zi di com­mu­ni­ty, discus­sio­ne infor­ma­ta, segna­la­zio­ni, rac­col­ta di pro­ble­mi e pro­po­ste, peti­zio­ni e brain­stor­ming. Open­DCN Pos­si­bi­le sarà l’im­pian­to cen­tra­le su cui si andran­no ad inne­sta­re le varie fun­zio­na­li­tà, pri­ma fra tut­te Le vie Pos­si­bi­li, che saran­no il vero stru­men­to di col­le­ga­men­to tra l’iniziativa e le pro­po­ste degli iscrit­ti e dei comi­ta­ti, e il lavo­ro del Comi­ta­to Scientifico.

Gra­zie alla col­la­bo­ra­zio­ne con il 
Labo­ra­to­rio di Infor­ma­ti­ca Civi­ca di Mila­no, spe­ria­mo poi di poter intra­pren­de­re un per­cor­so che per­met­ta una evo­lu­zio­ne con­ti­nua del­la piat­ta­for­ma per esse­re sem­pre più sicu­ra ed aggior­na­ta con le ulti­me tec­no­lo­gie. Paral­le­la­men­te, in fase di aper­tu­ra del nuo­vo anno di tes­se­ra­men­to, lan­ce­re­mo un gran­de cen­si­men­to del­le com­pe­ten­ze, la cui rac­col­ta ser­vi­rà a popo­la­re il lavo­ro coor­di­na­to dal Comi­ta­to Scien­ti­fi­co di costru­zio­ne del­le nostre pro­po­ste per il Paese.
Infi­ne, ricor­dan­do di nuo­vo che l’esistenza di Pos­si­bi­le è dovu­ta al lavo­ro di tan­ti volon­ta­ri e alle sot­to­scri­zio­ni dei sin­go­li (pote­te effet­tua­re la vostra clic­can­do qui), sen­za spon­sor occul­ti, è dove­ro­so sot­to­li­nea­re come tut­to que­sto non sareb­be mai sta­to pos­si­bi­le sen­za l’in­cre­di­bi­le lavo­ro che il nostro Mau­ri­zio Mari­ni e Leo­nar­do Son­nan­te del­la Fon­da­zio­ne RCM — Rete Civi­ca di Mila­no si sono sob­bar­ca­ti duran­te que­sti mesi. A loro va il nostro più sen­ti­to ringraziamento.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.