Di che parla Matteo Renzi quando parla di accoglienza?

«Non possiamo accogliere tutti». Questa volta lo scivolamento a destra del Partito Democratico e del governo avviene direttamente per opera del segretario e presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

«Non pos­sia­mo acco­glie­re tut­ti». Que­sta vol­ta lo sci­vo­la­men­to a destra del Par­ti­to Demo­cra­ti­co e del gover­no avvie­ne diret­ta­men­te per ope­ra del segre­ta­rio e pre­si­den­te del Con­si­glio, Mat­teo Ren­zi. 

La doman­da è: tut­ti chi?

E’ sicu­ra­men­te il caso di ricor­da­re che in Ita­lia sono pre­sen­ti cit­ta­di­ni stra­nie­ri in una pro­por­zio­ne (8,3%) infe­rio­re rispet­to a diver­si sta­ti euro­pei, tra i qua­li figu­ra­no Ger­ma­nia (9%) e Spa­gna (9,5%).

Lo stes­so discor­so vale per le doman­de di asi­lo: su 1,37 milio­ni di richie­ste d’a­si­lo avan­za­te nel 2015, 476mila sono sta­te fat­te in Ger­ma­nia, 175mila in Unghe­ria, 161mila in Sve­zia, 87mila in Austria, 83mila in Ita­lia, 75mila in Fran­cia, 48mila in Bel­gio. E ricor­dia­mo che 1,37milioni di per­so­ne che richie­do­no asi­lo cor­ri­spon­do­no allo 0,27% del­la popo­la­zio­ne euro­pea: stia­mo par­lan­do di deci­ma­li, soprat­tut­to se pen­sia­mo che i pro­fu­ghi nel mon­do sono 65 milio­ni, che la Tur­chia ne ospi­ta 1,6 milio­ni, e anche il Liba­no oltre un milione.

Tut­ti chi, quin­di? Di che cifre sta par­lan­do Mat­teo Renzi?

Lo stes­so pre­mier si è inol­tre lan­cia­to nel più clas­si­co dei ritor­nel­li sal­vi­nia­ni, ma sen­za paro­lac­ce e insul­ti: «il cit­ta­di­no che vede uno bighel­lo­na­re dal­la mat­ti­na alla sera non è feli­ce e ha ragio­ne». Per­ché è que­sto il pro­ble­ma di Mat­teo Ren­zi: che il cit­ta­di­no si scan­da­liz­zi, non che la gestio­ne del­l’ac­co­glien­za sia effet­tua­ta per l’80% in emer­gen­za, attra­ver­so strut­tu­re “straor­di­na­rie” — ma che sono diven­ta­te ordi­na­ris­si­me - gesti­te da enti spes­so non pre­pa­ra­ti, su cui rica­do­no obbli­ghi di ren­di­con­ta­zio­ne ridicoli.

La secon­da doman­da è: di chi è la respon­sa­bi­li­tà di un siste­ma peren­ne­men­te “straor­di­na­rio”, se non del governo?

«Tu c’hai idea quan­to ce gua­da­gno sugli immi­gra­ti? Il traf­fi­co di dro­ga ren­de meno», dichia­ra­va Sal­va­to­re Buz­zi nel 2014Due­mi­la­quat­tor­di­ci! Sono pas­sa­ti due anni, due anni di Ren­zi e di Alfa­no, due anni di «emer­gen­za immi­gra­zio­ne» (qua­le emer­gen­za?) stril­la­ta sui gior­na­li, e anco­ra oggi Ren­zi dichia­ra «ci stia­mo lavo­ran­do con il mini­stro del­l’In­ter­no e la prefettura».

Un po’ di ver­go­gna, mai?

Ricor­dia­mo che pra­ti­che vir­tuo­se di acco­glien­za esi­sto­no già, spes­so sono inse­ri­te nel­la rete SPRAR (il 20% di gestio­ne non straor­di­na­ria), e per­met­to­no di rea­liz­za­re un’ot­ti­ma inclu­sio­ne, attra­ver­so il lavo­ro di ope­ra­to­ri spe­cia­liz­za­ti e la rea­liz­za­zio­ne di per­cor­si for­ma­ti­vi e di inse­ri­men­to lavo­ra­ti­vo. Nel­la nostra inda­gi­ne abbia­mo tro­va­to sin­da­ci che ci han­no let­te­ral­men­te det­to che «sono i migran­ti che ci aiu­ta­no a casa nostra», per­ché per­met­to­no il ripo­po­la­men­to di pic­co­li bor­ghi e la nasci­ta di pic­co­le eco­no­mie.

Ed ecco­ci così all’ar­go­men­to defi­ni­ti­vo uti­liz­za­to da Ren­zi: «biso­gna aiu­tar­li a casa loro». E sia­mo d’ac­cor­do, ci man­che­reb­be, ma nel sen­so che il pri­mo dirit­to dovreb­be esse­re quel­lo a non dover abban­do­na­re la pro­pria casa e i pro­pri cari. Pec­ca­to che l’ap­proc­cio pro­mos­so dal cosid­det­to «migra­tion com­pact» più che inter­ve­ni­re sul­le ragio­ni del­le migra­zio­ni for­za­te (guer­ra, fame, cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, ecce­te­ra) inter­ven­ga sul­le fron­tie­re, finan­zian­do i gover­ni dei pae­si di par­ten­za affin­ché trat­ten­ga­no le per­so­ne chiu­den­do i con­fi­ni in usci­ta. Per­ché non vie­ta­re le migra­zio­ni per decre­to, a que­sto pun­to? Maga­ri ina­spren­do la Bos­si — Fini, nor­ma­ti­va che il gover­no non ha supe­ra­to nono­stan­te espres­sa dele­ga, ormai sca­du­ta, rice­vu­ta dal Par­la­men­to.

Dichia­ra­zio­ni come que­ste por­ta­no a una con­se­guen­za, facil­men­te intui­bi­le: ali­men­ta­no il con­flit­to tra i pove­ri, che sia­no ita­lia­ni o che sia­no stra­nie­ri. Per risol­ve­re que­sto con­flit­to — pen­sa­te che sco­per­ta — ser­vo­no misu­re per i pove­ri, tut­ti, non affer­ma­zio­ni cam­pa­te per aria. E per affron­ta­re i flus­si migra­to­ri ser­vo­no poli­ti­che intel­li­gen­ti, coor­di­na­te a livel­lo euro­peo, che agi­sca­no sul­le cau­se pri­me, che inter­ven­ga­no sul­le emer­gen­ze e che faci­li­ti­no l’in­clu­sio­ne: tut­te assieme.

Ste­fa­no Cato­ne, Giu­sep­pe Civati

[LEGGI E DIFFONDI “I NODI DA SCIOGLIERE — MANIFESTO PER LA PACE E IL DIRITTO A VIVERE UNA VITA DEGNA”].

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?