Parità salariale: la direttiva europea è un grande passo avanti ma in Italia non ne parla nessuno

Il Parlamento europeo ha adottato la propria posizione sulla proposta di direttiva che mira a rafforzare l’applicazione del principio della parità retributiva di genere attraverso la trasparenza delle retribuzioni.

Il Par­la­men­to euro­peo ha adot­ta­to la pro­pria posi­zio­ne sul­la pro­po­sta di diret­ti­va che mira a raf­for­za­re l’applicazione del prin­ci­pio del­la pari­tà retri­bu­ti­va di gene­re attra­ver­so la tra­spa­ren­za del­le retri­bu­zio­ni. Nel­la stes­sa sede, i depu­ta­ti han­no deci­so di dare avvio ai nego­zia­ti inte­ri­sti­tu­zio­na­li, quin­di l’ultima tap­pa pri­ma dell’adozione fina­le del­la diret­ti­va, che dovrà poi esse­re rece­pi­ta a livel­lo nazio­na­le com­por­tan­do degli ade­gua­men­ti del­le nor­ma­ti­ve ita­lia­ne (inclu­sa la recen­te leg­ge 162/21). 

Ci si aspet­te­reb­be quin­di che il tema venis­se affron­ta­to nel dibat­ti­to pub­bli­co, con­si­de­ra­to che fra l’altro il diva­rio sala­ria­le è una del­le prio­ri­tà tra­sver­sa­li del PNRR ita­lia­no, che mira a “rea­liz­za­re una pie­na pari­tà di acces­so eco­no­mi­ca e socia­le del­la don­na met­ten­do la pari­tà di gene­re come cri­te­rio di valu­ta­zio­ne di tut­ti i pro­get­ti (gen­der main­strea­ming)”. E che la diret­ti­va euro­pea per alcu­ni aspet­ti pone degli obiet­ti­vi più ambi­zio­si rispet­to a quel­li del­la leg­ge 162/21.

Cosa pre­ve­de la diret­ti­va e qua­li sono i pun­ti chia­ve dei nego­zia­ti tra Par­la­men­to e Consiglio? 

La posi­zio­ne del Par­la­men­to si spin­ge più lon­ta­no rispet­to alla pro­po­sta del­la Com­mis­sio­ne europea. 

Per quan­to riguar­da il cam­po di appli­ca­zio­ne del­le nuo­ve rego­le, il Par­la­men­to pro­po­ne di allar­ga­re l’obbligo di ren­de­re pub­bli­ca­men­te dispo­ni­bi­li le infor­ma­zio­ni sul diva­rio retri­bu­ti­vo tra lavo­ra­to­ri di ses­so fem­mi­ni­le e di ses­so maschi­le, ai dato­ri di lavo­ro di orga­niz­za­zio­ni con alme­no 50 lavo­ra­to­ri, anzi­ché con 250 lavo­ra­to­ri come nel­la pro­po­sta del­la Com­mis­sio­ne e soste­nu­to dal Consiglio. 

Nel­la pro­po­sta del­la Com­mis­sio­ne, qua­lo­ra in un’azienda emer­ga una dispa­ri­tà del­la retri­bu­zio­ne media tra lavo­ra­to­ri di ses­so fem­mi­ni­le e di ses­so maschi­le pari ad alme­no il 5 % tra lavo­ra­to­ri che svol­go­no lo stes­so lavo­ro o un lavo­ro di pari valo­re, il dato­re di lavo­ro è tenu­to ad effet­tua­re una valu­ta­zio­ne del­le retri­bu­zio­ni, a giu­sti­fi­ca­re le dif­fe­ren­ze di retri­bu­zio­ne (com­pre­se quel­le infe­rio­ri alla soglia sta­bi­li­ta), e a por­re rime­dio alla situa­zio­ne. Nel testo adot­ta­to dal Par­la­men­to, l’obbligo di effet­tua­re la valu­ta­zio­ne del­le retri­bu­zio­ni scat­te­reb­be già di fron­te ad un diva­rio del 2,5%.

I lavo­ra­to­ri potran­no acce­de­re alle infor­ma­zio­ni neces­sa­rie per valu­ta­re se a pari lavo­ro, sia­no retri­bui­ti in modo discri­mi­na­to­rio o meno rispet­to ai lavo­ra­to­ri del­la stes­sa azien­da. Inol­tre i dato­ri di lavo­ro, avran­no l’obbligo di indi­ca­re il livel­lo retri­bu­ti­vo ini­zia­le, già nel­l’av­vi­so di posto vacan­te o comun­que pri­ma del col­lo­quio di lavo­ro, in modo tale che i can­di­da­ti dispon­ga­no di tut­te le infor­ma­zio­ni per nego­zia­re in modo equi­li­bra­to ed equo la pro­pria retri­bu­zio­ne sin dall’inizio.

Infi­ne, si raf­for­za il tra­sfe­ri­men­to del­l’o­ne­re del­la pro­va a cari­co del dato­re di lavo­ro: nei casi in cui si può ragio­ne­vol­men­te pre­su­me­re che vi sia sta­ta discri­mi­na­zio­ne, spet­te­rà al dato­re di lavo­ro di pro­va­re l’in­sus­si­sten­za del­la vio­la­zio­ne del prin­ci­pio di pari­tà retri­bu­ti­va. Cio’ dovreb­be age­vo­la­re il lavo­ra­to­re nel­l’e­ser­ci­zio del pro­prio dirit­to alla pari­tà retri­bu­ti­va, e allo stes­so tem­po for­ni­re un ulte­rio­re incen­ti­vo per i dato­ri di lavo­ro a rispet­ta­re gli obbli­ghi in mate­ria di trasparenza. 

Riu­sci­rà la nuo­va diret­ti­va euro­pea a far pro­gre­di­re le nor­ma­ti­ve nazio­na­li ver­so una mag­gio­re pari­tà retri­bu­ti­va? 

Se rispet­to alla media UE del diva­rio di remu­ne­ra­zio­ne ora­ria tra uomo e don­na è del 13%, l’Italia risul­ta tra i pae­si più vir­tuo­si con un diva­rio del 4,2% (dati Euro­stat, mar­zo 2022), è ben noto che pren­den­do in con­si­de­ra­zio­ne i fat­to­ri di svan­tag­gio del­le don­ne nel mer­ca­to del lavo­ro, il nostro pae­se si piaz­za tra i peg­gio­ri pae­si euro­pei: bas­so tas­so di occu­pa­zio­ne (in Ita­lia lavo­ra meno di una don­na su due), alta per­cen­tua­le di con­trat­ti part time (49,8%), man­ca­ta pos­si­bi­li­tà di car­rie­ra (solo il 28% dei mana­ger sono don­na), e tan­to altro. Soprat­tut­to, se guar­dia­mo al set­to­re pri­va­to il diva­rio retri­bu­ti­vo in Ita­lia arri­va fino al 16,5%.

Per que­sto restia­mo con­vin­ti che sia impor­tan­te tene­re alta l’attenzione sul­le discri­mi­na­zio­ni che per­si­sto­no nel­la nostra socie­tà e ali­men­ta­re il dibat­ti­to pub­bli­co sul­le poli­ti­che e legi­sla­zio­ni rivol­te a com­bat­ter­le, in par­ti­co­la­re lad­do­ve i prin­ci­pi san­ci­ti dal­la costi­tu­zio­ne (art. 37) e dai trat­ta­ti euro­pei (art.157 TFUE) ven­go­no cal­pe­sta­ti. Pro­prio in que­st’ot­ti­ca, con Pos­si­bi­le por­tia­mo avan­ti la pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re per intro­dur­re un sala­rio mini­mo in Ita­lia, dove le don­ne e soprat­tut­to le più gio­va­ni, sono tra i sog­get­ti mag­gior­men­te espo­sti al rischio di lavo­ra­re in pover­tà. La pro­po­sta si può fir­ma­re nei ban­chet­ti in giro per l’Italia oppu­re onli­ne tra­mi­te spid: https://bit.ly/salariominimofirma .

 

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.