Ottavio Navarra con Claudio Fava: tutta un’altra storia per la Sicilia

Otta­vio Navar­ra, can­di­da­to all’As­sem­blea Regio­na­le Sici­lia­na alle ele­zio­ni del 5 novem­bre, si pre­sen­ta e ci par­la dei moti­vi del­la sua can­di­da­tu­ra a soste­gno di Clau­dio Fava.

Sono Otta­vio Navar­ra, ho 52 anni, vivo a Paler­mo e svol­go la pro­fes­sio­ne di edi­to­re. Sono spo­sa­to con Maria Ele­na, magi­stra­to pres­so il Tri­bu­na­le di Paler­mo e ho un figlio ado­le­scen­te, Rumen. (Tra tan­ti difet­ti), la miglio­re qua­li­tà che mi vie­ne rico­no­sciu­ta e che voglio met­te­re a dispo­si­zio­ne del­la comu­ni­tà sici­lia­na con il mio impe­gno poli­ti­co è la capa­ci­tà di ascol­to. Tro­vo che que­st’ul­ti­ma qua­li­tà, sem­pre più rara nel­la poli­ti­ca attua­le, sia pre­sup­po­sto del­la costru­zio­ne di un “noi poli­ti­co”, di una comu­ni­tà. Ed è que­sto “noi poli­ti­co” che spe­ro di poter rap­pre­sen­ta­re al Par­la­men­to Sici­lia­no per soste­ne­re le ragio­ni del­l’u­gua­glian­za, del dirit­to allo stu­dio e alla ricer­ca, del con­tra­sto alla pover­tà, del­la cura del ter­ri­to­rio e dell’ambiente.

Sarà per defor­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le, sarà che l’a­na­gram­ma del mio nome è “nar­ra­va”, ma mi è sem­pre pia­ciu­to sia ascol­ta­re che raccontare.

La sto­ria che, inve­ce, non vor­rei dav­ve­ro più sen­ti­re è quel­la di una Sici­lia mar­to­ria­ta e impo­ve­ri­ta cul­tu­ral­men­te ed eco­no­mi­ca­men­te. Non vor­rei più sen­ti­re la sto­ria dei tan­ti ragaz­zi che emi­gra­no (all’e­ste­ro o al nord) per stu­dia­re, fare ricer­ca o lavo­ra­re, nè quel­la dram­ma­ti­ca che ci dice che qua­si un sici­lia­no su quat­tro è disoc­cu­pa­to e qua­si uno ogni due se il sici­lia­no è gio­va­ne. La sto­ria che non vor­rem­mo più sen­ti­re è anche quel­la di infra­strut­tu­re fati­scen­ti e di lavo­ri pub­bli­ci inter­mi­na­bi­le che, ad esem­pio, ci costrin­go­no a viag­gia­re per più di 3 ore per per­cor­re­re i 127 km che sepa­ra­no Agri­gen­to e Paler­mo. (Altro che pon­te sul­lo stretto!)

Quel­la che vor­rei nar­ras­si­mo assie­me è, come direb­be il com­pian­to Pino Danie­le, tut­ta n’a­ta sto­ria. Tut­t’al­tra sto­ria in cui si intrec­cia­no pas­sa­to (il mio), pre­sen­te (di tan­ti soste­ni­to­ri e mili­tan­ti che si stan­no impe­gnan­do con me per que­ste ele­zio­ni regio­na­li) e futu­ro (di tut­ti colo­ro che han­no il pia­ce­re di vive­re in que­sta bel­lis­si­ma terra).

La mia storia

Sono nato a Castel­ve­tra­no il sei luglio del 1965, da una cop­pia di com­mer­cian­ti di tes­su­ti di Gibel­li­na. A soli tre anni, la mia fami­glia per­se tut­to nel ter­ri­bi­le ter­re­mo­to del Beli­ce e fu costret­ta a rifu­giar­si a Petro­si­no, dove sono cre­sciu­to assie­me con mio fra­tel­lo Pao­lo e dove ho ini­zia­to a col­ti­va­re l’impegno poli­ti­co e socia­le che con­trad­di­stin­gue­rà gli anni a veni­re. La pas­sio­ne per la poli­ti­ca mi ha por­ta­to a diven­ta­re, appe­na diciot­ten­ne, cor­ri­spon­den­te da Mar­sa­la del gior­na­le “L’Ora” di Paler­mo dove mi tra­sfe­rì, una vol­ta fini­te le scuo­le, per iscri­ver­mi alla facol­tà di Giurisprudenza.

Negli anni uni­ver­si­ta­ri sono sta­to pro­ta­go­ni­sta di mol­te bat­ta­glie tra gli stu­den­ti ed elet­to a rap­pre­sen­tar­li sia nel Con­si­glio di Facol­tà che nel Con­si­glio di Ammi­ni­stra­zio­ne dell’Università degli Stu­di di Paler­mo. Nell’autunno del 1989 gli stu­den­ti paler­mi­ta­ni dan­no vita alla Pan­te­ra, il movi­men­to uni­ver­si­ta­rio desti­na­to, in pochi mesi, ad esten­der­si a tut­ti i prin­ci­pa­li ate­nei ita­lia­ni. In quei mesi, diven­tai uno dei lea­der del­la pro­te­sta, ani­man­do e gui­dan­do le bat­ta­glie socia­li. Nel 1992, anno cru­cia­le per la sto­ria ita­lia­na e paler­mi­ta­na in par­ti­co­la­re, appe­na lau­rea­to, fui elet­to segre­ta­rio regio­na­le del­la Sini­stra Gio­va­ni­le. Nel perio­do di rilan­cio civi­le del­la Pri­ma­ve­ra Sici­lia­na, come gio­va­ne e appas­sio­na­to mili­tan­te, mi impe­gnai nel vei­co­la­re un mes­sag­gio di spe­ran­za, sem­pre orien­ta­to al per­se­gui­men­to dei valo­ri del­la sini­stra e all’at­tua­zio­ne del pro­get­to costi­tu­zio­na­le, con par­ti­co­la­re riguar­do alla garan­zia dei dirit­ti socia­li. A soli ven­tot­to anni, nel 1994, fui elet­to con i Demo­cra­ti­ci di Sini­stra alla Came­ra dei Depu­ta­ti.

Nel 1996 il Par­la­men­to fu sciol­to anti­ci­pa­ta­men­te e mi can­di­dai all’Assemblea Regio­na­le Sici­lia­na, ritor­nan­do ad occu­par­mi più da vici­no dei pro­ble­mi del­la mia ter­ra d’o­ri­gi­ne. A tren­tun anni fui elet­to depu­ta­to regio­na­le a gran­de mag­gio­ran­za, con 10.064 voti di pre­fe­ren­za nel col­le­gio di Tra­pa­ni. Nel 2003 fon­dai a Mar­sa­la la casa edi­tri­ce che por­ta il mio nome, Navar­ra Edi­to­re, e “Mar­sa­la c’è”, uni­co esem­pio di quo­ti­dia­no cit­ta­di­no free press di impe­gno socia­le. Nel 2005 la casa edi­tri­ce si tra­sfe­ri­sce a Paler­mo e ini­zia a occu­par­si solo di edi­to­ria libra­ria, pub­bli­can­do nar­ra­ti­va e sag­gi­sti­ca di impe­gno civi­le e diven­tan­do una del­le real­tà più inte­res­san­ti del pano­ra­ma libra­rio ita­lia­no indi­pen­den­te. Dal 2011, sono tra i pro­mo­to­ri di Una mari­na di libri, festi­val dell’editoria indi­pen­den­te che si can­di­da a far diven­ta­re Paler­mo il ter­zo polo edi­to­ria­le ita­lia­no. La mili­tan­za poli­ti­ca e la pas­sio­ne civi­le, mai tra­mon­ta­ta in me, mi han­no spin­to negli ulti­mi anni a pro­muo­ve­re e soste­ne­re ini­zia­ti­ve di per­so­ne che cre­do­no nell’impegno per­so­na­le a favo­re del­la col­let­ti­vi­tà. Pro­prio da que­sta atten­zio­ne per l’iniziativa col­let­ti­va nasce nel 2015 l’esperienza di Per il pane e le rose, una comu­ni­tà che vuo­le risco­pri­re il valo­re di un impe­gno poli­ti­co vero e appas­sio­na­to par­ten­do dal­le persone.

2) Il Presente
Mol­ti anni dopo il mio ulti­mo impe­gno atti­vo nel­la poli­ti­ca isti­tu­zio­na­le, il 29 luglio 2017 l’as­sem­blea “Di Sini­stra e Civi­ca”, com­po­sta da sin­go­li cit­ta­di­ni, movi­men­ti civi­ci par­ti­ti (tra cui Pos­si­bi­le), mi ha pro­po­sto la can­di­da­tu­ra di alla Pre­si­den­za del­la Regio­ne Sici­lia­na. Accet­to, dun­que, il man­da­to di gui­da­re il polo del­la sini­stra alter­na­ti­va al Par­ti­to Demo­cra­ti­co, riser­van­do­mi di rinun­cia­re alla can­di­da­tu­ra a Pre­si­den­te nel caso in cui il mio nome fos­se risul­ta­to osta­ti­vo rispet­to ad una pro­po­sta uni­ta­ria di tut­ta la sini­stra. In vir­tù di ciò, una vol­ta con­sta­ta una sostan­zia­le con­ver­gen­za pro­gram­ma­ti­ca con Sini­stra Ita­lia­na e al MDP — Art. 1, il 4 set­tem­bre 2017, con una nota con­giun­ta fir­ma­ta assie­me a Clau­dio Fava, comu­ni­co di esse­re dispo­ni­bi­le a riti­rar­mi dal­la cor­sa alla Pre­si­den­za a favo­re di quest’ultimo, scel­to come can­di­da­to del­la sini­stra uni­ta. Nel cor­so dell’assemblea regio­na­le del­le for­ze poli­ti­che e dei movi­men­ti che sosten­go­no la can­di­da­tu­ra di Clau­dio Fava per la pre­si­den­za del­la Regio­ne Sici­lia­na, svol­ta­si il 10 set­tem­bre 2017 a Paler­mo, Clau­dio Fava mi indi­ca come can­di­da­to alla vice­pre­si­den­za del­la Regio­ne.

3) Il Futuro
Con il vostro soste­gno e le vostre idee, spe­ro di poter costrui­re un futu­ro diver­so per que­sta ter­ra e, in par­ti­co­la­re, per i più debo­li. Vor­rei riu­scis­si­mo ad accen­de­re la spe­ran­za e a rap­pre­sen­ta­re le istan­ze di chi lavo­ra nel mon­do del­l’ar­te, del­la musi­ca e del­la cul­tu­ra e di chi svi­lup­pa for­me di impre­sa loca­le, soste­ni­bi­le e soli­da­le, di pre­ca­ri, gio­va­ni disoc­cu­pa­ti, pen­sio­na­ti, migran­ti e agri­col­to­ri. Il pro­gram­ma attor­no al qua­le chie­do il vostro soste­gno tro­va la pro­pria stel­la pola­re in pochi e coe­ren­ti con­cet­ti chia­ve da cui la Sici­lia dovreb­be ripar­ti­re. Innan­zi­tut­to, asso­lu­ta­men­te prio­ri­ta­rio è pro­ce­de­re all’abbat­ti­men­to del­le disu­gua­glian­ze di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le che, limi­tan­do di fat­to la liber­tà e l’e­gua­glian­za dei cit­ta­di­ni, impe­di­sco­no il pie­no svi­lup­po del­la per­so­na uma­na e l’ef­fet­ti­va par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti i sici­lia­ni all’or­ga­niz­za­zio­ne poli­ti­ca, eco­no­mi­ca e socia­le del Pae­se (art. 3 del­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na). In que­sto sen­so, si dovrà comin­cia­re dal finan­zia­men­to di una “Pia­no di con­tra­sto alla pover­tà” che sia in gra­do di libe­ra­re dal biso­gno 300.000 fami­glie che ver­sa­no in sta­to di pover­tà assoluta.

In secon­do luo­go, cre­do sia prio­ri­ta­rio inve­sti­re nei nostri gio­va­ni, i qua­li rap­pre­sen­ta­no non solo il futu­ro ma soprat­tut­to il pre­sen­te di que­st’i­so­la. Per que­sta ragio­ne, pro­por­re­mo il cospi­cuo finan­zia­men­to al dirit­to allo stu­dio e alla ricer­ca: è neces­sa­rio alme­no rad­dop­pia­re il nume­ro di bor­se di stu­dio ERSU per gli stu­den­ti uni­ver­si­ta­ri e di bor­se di dot­to­ra­to e post-dot­to­ra­to. In Euro­pa si par­la tan­to di emer­gen­za immi­gra­zio­ne, noi cre­dia­mo che la vera emer­gen­za a cui por­re rime­dio sia quel­la del­l’e­mi­gra­zio­ne e che, per que­sto, ser­va finan­zia­re il “bigliet­to di ritor­no” dei nostri tan­ti gio­va­ni (tra cui oltre il 20% dei lau­rea­ti) che han­no abban­do­na­to que­sta ter­ra per tro­va­re altro­ve for­tu­ne, lavo­ro e riconoscimenti.

Infi­ne, cre­do fer­ma­men­te in una visio­ne stra­te­gi­ca che lega in manie­ra siner­gi­ca la pro­mo­zio­ne del turi­smo soste­ni­bi­le con lo svi­lup­po e il finan­zia­men­to del­l’ar­te, del­la musi­ca e del­la cul­tu­ra sici­lia­na. Sono con­vin­to che una seria pro­gram­ma­zio­ne di ini­zia­ti­ve musi­ca­li, arti­sti­che e cul­tu­ra­li, non solo sia essen­zia­le per valo­riz­za­re le nostre radi­ci e for­ma­re le coscien­ze cri­ti­che dei sici­lia­ni ma pos­sa anche fare da vola­no all’in­cre­men­to dei flus­si turi­sti­ci e del­la loro qua­li­tà. Come dice la bel­lis­si­ma scrit­ta del Tea­tro Mas­si­mo di Paler­mo: “L’ar­te rin­no­va i Popo­li e ne rive­la la vita. Vano del­le sce­ne è il dilet­to ove non miri a pre­pa­rar l’av­ve­ni­re”.

Otta­vio Navarra

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.