Note per un nuovo vocabolario, dalla prima #Leopolda al #Politicamp

La ricer­ca di un mes­sag­gio chia­ro e com­pren­si­bi­le a tut­ti è la vera sfi­da del­la poli­ti­ca con­tem­po­ra­nea. Abbia­mo biso­gno di paro­le che rie­sca­no a rap­pre­sen­tar­ti, a dire quel­lo che sei, quel­lo che fai e dove vuoi anda­re. Paro­le che diven­ta­no sined­do­che. Par­ti per il tut­to. Sono le paro­le a defi­ni­re la nostra azio­ne poli­ti­ca. Non solo per­ché sono impor­tan­ti, come dice­va quel tale. Ma anche per­ché è attra­ver­so le paro­le che riu­scia­mo a costrui­re il mon­do in cui voglia­mo vive­re. Per que­sto costrui­re un nuo­vo voca­bo­la­rio è fon­da­men­ta­le. Ed era l’aspetto for­se più inte­res­san­te ed inno­va­ti­vo del­la pri­ma Leo­pol­da, quel­lo che ne cat­tu­ra­va in pie­no lo spi­ri­to (quel­lo del­la Pros­si­ma Ita­lia, quel­lo del­la nostra Ita­lia Pos­si­bi­le).

dictionary

Le paro­le nuo­ve. Nuo­ve soprat­tut­to nel modo, nell’uso e nel signi­fi­ca­to. Per­ché è faci­le usa­re le paro­le e ren­der­le vuo­te, ren­der­le vacue e usar­le solo per­ché sono di moda, per­ché suo­na­no bene, per­ché ci con­so­la­no. Non si trat­ta di tro­va­re lo slo­gan giu­sto — per­ché da paro­le vuo­te deri­va­no azio­ni vuo­te — ma di costrui­re un nuo­vo signi­fi­ca­to. Le poli­ti­ca deve esse­re il labo­ra­to­rio del­le paro­le pos­si­bi­li per­ché non si fac­cia­no tan­to paro­le nuo­ve (per quan­to Andrea Baja­ni, nel suo La scuo­la non ser­ve a nien­te ci dica che dall’invenzione di paro­le nuo­ve spes­so nasca­no nuo­vi modi di rac­con­ta­re la real­tà), quan­to una rac­col­ta che defi­ni­sca il nostro per­cor­so. E non si par­la, qui, solo di poli­ti­ca, per­ché non esi­sto­no com­par­ti­men­ti sta­gni e tut­to è dia­lo­gan­te e inter­con­nes­so. Per­ché è faci­le usa­le paro­le di ten­den­za che però non ser­vo­no a nien­te, così come è faci­le usa­re paro­le sto­ri­che che ci con­so­la­no per­ché ci fan­no sen­ti­re a casa sal­vo poi sor­pri­re che quel­la casa non è poi quel por­to sicu­ro dove pen­sa­va­mo di esse­re. Soprat­tut­to per­ché le paro­le sto­ri­che, se usa­te sen­za una pro­spet­ti­va futu­ra, sono disin­ne­sca­te, sono inno­cue, sono inu­ti­le. Dob­bia­mo met­te­re in discus­sio­ne anche que­sto. Il rifu­gio, la consolazione.

Un nuo­vo voca­bo­la­rio per la sini­stra nasce anche dal fat­to che non pos­sia­mo più usa­re sini­stra come anti­do­to con­tro i mali del mon­do. Anche sini­stra, se usa­ta come pla­ce­bo, diven­ta una paro­la inu­ti­le o, anco­ra peg­gio, disin­ne­sca­ta. Sap­pia­mo di esse­re di sini­stra per­ché fac­cia­mo cose di sini­stra, non per­ché dicia­mo di esse­re di sini­stra (sono cose diver­se). Ma è pro­prio re-inne­scan­do il sen­so del­le paro­le sto­ri­che — come sini­stra, appun­to — che pos­sia­mo rico­strui­re quel nuo­vo voca­bo­la­rio che diven­ta la nostra nuo­va agen­da e segna il nostro nuo­vo per­cor­so. Per­ché le paro­le pos­so­no esse­re usa­te in modo stru­men­ta­le e misti­fi­ca­to­rio, lo dice­va Ste­fa­no Bar­tez­za­ghi nel suo inter­ven­to al Poli­ti­camp di Livor­no. E allo­ra tut­to diven­ta ugua­le a tut­to per­ché per­de il suo sen­so. E noi, in que­sta fase poli­ti­ca che si va ricon­fi­gu­ran­do, biso­gno di paro­le che abbia­mo un sen­so. Vero. Anche nuo­vo, ma auten­ti­co. Ma soprat­tut­to, abbia­mo biso­gno di un senso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.