Non morire, grazie alla cannabis

In questi 25 anni in cui mi sono occupato di legalizzazione della cannabis ne ho sentite veramente di ogni tipo, persone che arrivano ad accusare la cannabis di ogni male esistente al mondo e, come contrappasso, coloro che credevano che questa pianta avrebbe potuto risolvere gran parte dei mali che affliggono i nostri tempi.

In que­sti 25 anni in cui mi sono occu­pa­to di lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis ne ho sen­ti­te vera­men­te di ogni tipo, per­so­ne che arri­va­no ad accu­sa­re la can­na­bis di ogni male esi­sten­te al mon­do e, come con­trap­pas­so, colo­ro che cre­de­va­no che que­sta pian­ta avreb­be potu­to risol­ve­re gran par­te dei mali che afflig­go­no i nostri tem­pi (dal can­cro alla fame nel mon­do, e non sto scher­zan­do). Per que­sti moti­vi sono sostan­zial­men­te scet­ti­co quan­do esce qual­sia­si nuo­va noti­zia rela­ti­va­men­te alla can­na­bis e ten­do ad appro­fon­di­re, veri­fi­ca­re la fon­te del­la noti­zia, e cer­ca­re alme­no una dop­pia con­fer­ma, pri­ma di commentare.

Ma la noti­zia di que­sti gior­ni ripor­ta­ta dall’edi­zio­ne euro­pea di New­sweek lascia vera­men­te poco spa­zio ai dub­bi, a par­ti­re dal tito­lo : “Negli sta­ti in cui si uti­liz­za la mar­jua­na medi­ca le mor­ti da anti­do­lo­ri­fi­ci sono dimi­nui­te del 25%”. Cioè un quar­to del­le per­so­ne che pre­ce­den­te­men­te mori­va­no per cau­se col­le­ga­te all’assunzione di medi­ci­ne (lega­li e pre­scrit­te da medi­ci) ades­so soprav­vi­vo­no gra­zie alla can­na­bis. Maga­ri pen­se­re­te che sia­no pochi casi all’anno, ma sem­bra inve­ce che sia­no 46 al gior­no, e che que­sto nume­ro sia tri­pli­ca­to negli ulti­mi 25 anni.

Le facol­tà antin­fiam­ma­to­rie e anti­do­lo­ri­fi­che del­la can­na­bis sono note da mil­len­ni, e sono sta­te codi­fi­ca­te nel­la medi­ci­na moder­na da mol­tis­si­mi anni: ricer­can­do “can­na­bis” nel data­ba­se mon­dia­le più gran­di di stu­di medi­ci ( ubmed) si tro­va­no oltre 15.000 stu­di cor­re­la­ti ed è ampia­men­te dimo­stra­to come gli effet­ti col­la­te­ra­li del­la can­na­bis sia­no incre­di­bil­men­te meno peri­co­lo­si di quel­li degli oppia­cei, da cui ricor­dia­mo deri­va­no la mag­gior par­te degli antidolorifici.

Anco­ra una vol­ta quin­di ci tro­via­mo a doman­dar­ci: per­ché gli oppia­cei sì e la can­na­bis no? Che cosa avrà fat­to que­sta pian­ta ai legi­sla­to­ri di tut­to il mon­do per esse­re così odia­ta e repres­sa? Cer­to, vie­ne il dub­bio che, vista la pos­si­bi­li­tà di col­ti­var­si auto­no­ma­men­te le pian­te in casa (che con il papa­ve­ro da oppio non è pos­si­bi­le), le case far­ma­ceu­ti­che pos­sa­no vede­re in qual­che modo dimi­nui­re la ven­di­ta dei pro­pri pro­dot­ti anti­do­lo­ri­fi­ci.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.