Nessun Paese è un’isola — L’Ungheria e tutti i muri che stiamo costruendo

Appuntamento con la newsletter della campagna "Nessun Paese è un'isola". Parliamo degli esiti del referendum ungherese e di tutti i muri (soprattutto politici e diplomatici) che l'Europa sta costruendo. E chiudiamo con una bellissima storia che arriva da Aleppo.

COSA SUCCEDE DOPO IL REFERENDUM UNGHERESE

Il refe­ren­dum unghe­re­se che avreb­be potu­to san­ci­re il riget­to del­le poli­ti­che euro­pee in mate­ria di asi­lo non ha rag­giun­to il quo­rum: si sono reca­ti alle urne il 43,9% degli aven­ti dirit­to. E’ sicu­ra­men­te una buo­na noti­zia, ma sia­mo sicu­ri che ci sia moti­vo di esul­ta­re? No, non c’è moti­vo di esul­ta­re: il “no” al pia­no euro­peo di distri­bu­zio­ne dei rifu­gia­ti ha infat­ti otte­nu­to il 98% dei voti espres­si, il che apre a un inter­ro­ga­ti­vo enor­me: quan­to a lun­go potrà reg­ge­re l’approccio difen­si­vo e secu­ri­ta­rio dell’Unione euro­pea? Cosa deve suc­ce­de­re per­ché si apra a una nuo­va sta­gio­ne fon­da­ta su acco­glien­za e dirit­ti, tra i qua­li il dirit­to a chie­de­re asi­lo in manie­ra lega­le e sicu­ra? Già, per­ché al momen­to non esi­ste un meto­do per chie­de­re legal­men­te asi­lo in Euro­pa, ren­den­do neces­sa­ri i famo­si viag­gi del­la spe­ran­za nel­le mani di criminali.

Orban ha riven­di­ca­to il risul­ta­to: «il gover­no ha rice­vu­to un chia­ro man­da­to per riget­ta­re le quo­te impo­ste dall’Unione euro­pea ed è esat­ta­men­te quel che fare­mo, se neces­sa­rio modi­fi­can­do la car­ta costi­tu­zio­na­le», ha dichia­ra­to. Ma il pri­mo mini­stro unghe­re­se ne esce effet­ti­va­men­te raf­for­za­to? I nume­ri dico­no che comun­que i 3.250.000 voti rac­col­ti sono supe­rio­ri al risul­ta­to otte­nu­to da Fidesz, il par­ti­to di Orban, alle ele­zio­ni del 2014(2.135.891 voti, 44,5%): un sac­co di gen­te ha vota­to per una pro­po­sta inu­ma­na e con­tro l’idea di Unio­ne euro­pea solidale.

Il con­fi­ne ungherese.

Nel frat­tem­po, migran­ti costret­ti a rima­ne­re in Ser­bia si sono mes­si in mar­cia da Bel­gra­do ver­so il con­fi­ne unghe­re­se, men­tre Amne­sty Inter­na­tio­nal ha dif­fu­so un rap­por­to nel qua­le denun­cia «che miglia­ia di richie­den­ti asi­lo — com­pre­si mino­ri non accom­pa­gna­ti — subi­sco­no vio­len­ze, respin­gi­men­ti ille­ga­li e deten­zio­ni arbi­tra­rie da par­te del­le auto­ri­tà unghe­re­si, che han­no appron­ta­to un siste­ma pale­se­men­te desti­na­to a sco­rag­giar­li». Le 143 per­so­ne inter­vi­sta­te «han­no rife­ri­to che duran­te i respin­gi­men­ti i richie­den­ti asi­lo sono sta­ti pre­si a cal­ci, pic­chia­ti e minac­cia­ti coi cani». Tra gli inter­vi­sta­ti, un 17enne non accom­pa­gna­to fer­ma­to dal­la poli­zia 10 chi­lo­me­tri all’in­ter­no del­l’Un­ghe­ria che ha dichia­ra­to: «uno del nostro grup­po è sta­to pre­so a cal­ci sui pie­di fino a quan­do glie­ne han­no frat­tu­ra­to uno». Lo stes­so discor­so lo si può fare per quan­to riguar­da la con­di­zio­ne dei mino­ri in Bul­ga­ria.

E non è suf­fi­cien­te. Il Washing­ton Post scri­ve che il gover­no unghe­re­se ha lan­cia­to un pro­gram­ma per reclu­ta­re 3.000 “cac­cia­to­ri di con­fi­ne”, con il fine di raf­for­za­re anco­ra di più le maglie del­la pro­pria fron­tie­ra, ren­den­do impos­si­bi­le il suo supe­ra­men­to anche al migran­te più determinato.

Ma nel­la reto­ri­ca gover­na­ti­va (di tut­ti i gover­ni) la rot­ta bal­ca­ni­ca è chiu­sa e, insom­ma, va bene così.

 

I MURI NON SONO SOLO QUELLI DI FILO SPINATO

Come dice­va­mo, nul­la cam­bia dal pun­to di vista occi­den­ta­le. L’idea rima­ne quel­la di chiu­de­re più fron­tie­re pos­si­bi­le, a qual­sia­si costo. Tre esem­pi, tre:

  1. The Guar­dian ha sco­va­to un docu­men­to redat­to dal Con­si­glio dell’Unione euro­pea nel qua­le si minac­cia una dimi­nu­zio­ne degli aiu­ti all’Afghanistan nel caso in cui il pae­se non si ren­da dispo­ni­bi­le ad accet­ta­re 80mila rim­pa­tri. L’accordo avreb­be dovu­to esse­re rag­giun­to duran­te un mee­ting appe­na tenu­to­si a Bru­xel­les tra il gover­no afgha­no e le prin­ci­pa­li poten­ze inter­na­zio­na­li. Pare si sia anda­ti ben oltre le inten­zio­ni ori­gi­na­li, pre­ve­den­do il rim­pa­trio per qual­sia­si cit­ta­di­no afgha­no (com­pre­se don­ne e bam­bi­ni) al qua­le non sia sta­to rico­no­sciu­to asi­lo in Euro­pa e che non voglia ade­ri­re volon­ta­ria­men­te. Gli afgha­ni sono nume­ri­ca­men­te la secon­da nazio­na­li­tà ad aver chie­sto asi­lo in Euro­pa nel 2015, e scap­pa­no da un pae­se in cui vige una situa­zio­ne di vio­len­za dif­fu­sa ed endemica.
  2. Ricor­da­te la sto­ria dei suda­ne­si rim­pa­tria­ti dall’Italia? Il Tavo­lo nazio­na­le asi­lo è tor­na­to a denun­cia­re il rim­pa­trio: «È il risul­ta­to del “memo­ran­dum di inte­sa” di poli­zia fir­ma­to il 4 ago­sto tra i gover­ni ita­lia­no e suda­ne­se mai rati­fi­ca­to dal Par­la­men­to e il cui testo è segre­to. Un accor­do ille­git­ti­mo, con un pae­se che vio­la i dirit­ti fon­da­men­ta­li, dove i cri­stia­ni sono per­se­gui­ta­ti. L’Italia si ren­de com­pli­ce di que­ste vio­la­zio­ni. Sono sta­te mes­se in atto azio­ni in pie­no con­tra­sto sia col Testo uni­co sull’immigrazione che con la Con­ven­zio­ne euro­pea sui dirit­ti dell’uomo». Alle accu­se ha rispo­sto il capo del­la Poli­zia, Fran­co Gabriel­li: «quel memo­ran­dum non ha nul­la di segre­to. Come tut­ti gli altri 267 che l’I­ta­lia ha fir­ma­to con altri pae­si, è uno stru­men­to di coo­pe­ra­zio­ne di poli­zia e non neces­si­ta di un pas­sag­gio in Par­la­men­to. Inol­tre, come gli altri, è sta­to scrit­to nel­l’am­bi­to del­la rela­zio­ni inter­na­zio­na­li del nostro Pae­se e cer­ti­fi­ca­to dal mini­ste­ro degli Este­ri». E’ curio­so, però, che lo stes­so Gabriel­li dica che i rim­pa­tria­ti era­no 40 e non 48, «e que­sto per­ché 8 di loro all’ul­ti­mo istan­te han­no chie­sto la pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria, a dif­fe­ren­za del­la mag­gio­ran­za dei suda­ne­si che non vuo­le acce­de­re al siste­ma di pro­te­zio­ne ita­lia­no per­ché vuo­le anda­re in altri pae­si». E chis­sà come mai avran­no chie­sto pro­te­zio­ne, dato che il pre­si­den­te del Sudan è sta­to col­pi­to da un man­da­to di cat­tu­ra inter­na­zio­na­le ed è accu­sa­to di geno­ci­dio, cri­mi­ni con­tro l’umanità e cri­mi­ni di guer­ra.
  3. Nel­la scor­sa new­slet­ter abbia­mo par­la­to dei rim­pa­tri (volon­ta­ri) ope­ra­ti dal­la Sviz­ze­ra ver­so l’Eritrea. Ecco, sem­pre The Guar­dian ha ospi­ta­to il rac­con­to di un gior­na­li­sta eri­treo che descri­ve il suo pae­se come uno “sta­to pri­gio­ne”. Nono­stan­te que­ste ripe­tu­te denun­ce, c’è chi (in que­sto caso un sena­to­re del­la Repub­bli­ca ita­lia­na) auspi­ca «un inten­si­fi­car­si anche dei nostri rap­por­ti con il gover­no eri­treoin modo tale da resti­tui­re all’I­ta­lia, inter­lo­cu­to­re sto­ri­ca­men­te natu­ra­le del­l’E­ri­trea, un pre­sti­gio­so ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta nel bila­te­ra­le». Ciò per­ché con­vin­to «che per meglio com­pren­de­re e soprat­tut­to risol­ve­re l’e­mer­gen­za migra­to­ria, non è più suf­fi­cien­te affron­ta­re il pro­ble­ma solo nel­la sua fase ter­mi­na­le, e cioè all’ar­ri­vo dei richie­den­ti asi­lo nel nostro pae­se, ma che risul­ta sem­pre più evi­den­te la neces­si­tà di appro­fon­di­re le ragio­ni del feno­me­no attra­ver­so una cono­scen­za diret­ta del con­te­sto geo­po­li­ti­co in cui que­sto matu­ra, e se del caso pro­muo­ve­re visi­te e mis­sio­ni da par­te del nostro Gover­no da anni assen­ti. La auto­re­vo­le rispo­sta del mini­stro — alla nota invia­ta­gli, con­clu­de —  non si è fat­ta atten­de­re e a giu­di­ca­re dai suoi con­te­nu­ti pos­so affer­ma­re con sod­di­sfa­zio­ne che anche il nostro Mini­ste­ro degli Affa­ri Este­ri sta dimo­stran­do un impor­tan­te cam­bia­men­to di rot­ta nei con­fron­ti dell’approccio a tema­ti­che del­la mas­si­ma impor­tan­za per il futu­ro del­le nostre rela­zio­ni diplomatiche».

I muri, anche quel­li poli­ti­ci e diplo­ma­ti­ci, spes­so ser­vo­no dav­ve­ro a poco. Qui si dimo­stra dati alla mano come repli­ca­re l’accordo UE-Tur­chia (prio­ri­tà di Ange­la Mer­kel) con l’Egit­to a) non limi­te­reb­be la pres­sio­ne sul­la rot­ta bal­ca­ni­ca e b) pro­ba­bil­men­te indi­riz­ze­reb­be mol­to per­so­ne di nuo­vo ver­so la Libia, dato che la rot­ta egi­zia­na è di fat­to alter­na­ti­va a quel­la libica.

Tor­nan­do ai muri veri, non pos­sia­mo che tor­na­re a Calais. Nell’accampamento la noti­zia del­la costru­zio­ne del muropare abbia avu­to rica­du­te psi­co­lo­gi­che gra­vis­si­me sui mino­ri. I mino­ri non accom­pa­gna­ti pre­sen­ti nel cam­po sono cir­ca mil­le. Mol­ti sono in atte­sa di ricon­giun­gi­men­to con paren­ti che si tro­va­no nel Regno Uni­to, ma i pes­si­mi risul­ta­ti otte­nu­ti fino­ra (abbi­na­ti all’impegno di Hol­lan­de nel distrug­ge­re il cam­po) han­no por­ta­to nume­ro­si bam­bi­ni a com­pie­re atti di vio­len­za su loro stes­si, arri­van­do anche a minac­cia­re il sui­ci­dio.

 

#3OTTOBRE

Il 3 otto­bre si è cele­bra­ta per la pri­ma vol­ta la Gior­na­ta nazio­na­le in memo­ria del­le vit­ti­me del­l’im­mi­gra­zio­ne. La data coin­ci­de con quel­la del tra­gi­co nau­fra­gio avve­nu­to al lar­go di Lam­pe­du­sa nel 2013. Pur­trop­po, da allo­ra nul­la è cam­bia­to nel­le poli­ti­che dei gover­ni euro­pei: 3.500 per­so­ne sono mor­te nel Medi­ter­ra­neo nel 2014, 3.771 nel 2015, 3.500 nel 2016. Come abbia­mo det­to più vol­te, è tem­po che l’Unione euro­pea per­met­ta un effet­ti­vo eser­ci­zio del dirit­to di asi­lo, garan­ten­do vie di acces­so sicu­re e legali.

Ed è sta­to esat­ta­men­te il 3 otto­bre scor­so che Guar­dia Costie­ra, Mari­na Mili­ta­re e ONG han­no trat­to in sal­vo al lar­go del­le coste ita­lia­ne oltre 5.600 migran­ti, tra i qua­li 200 mino­ri, mol­ti dei qua­li non accom­pa­gna­ti.

Fuo­coam­ma­re.

 

BAD NEWS

Vener­dì scor­so è sta­ta sgom­be­ra­ta dal­le for­ze dell’ordine via Cupa, a Roma, la via dove sor­ge­va un cam­po infor­ma­le all’esterno del cen­tro Bao­bab, chiu­so ora­mai mesi fa. I tran­si­tan­ti sono sta­ti in par­te por­ta­ti in Que­stu­ra (per esse­re iden­ti­fi­ca­ti per l’ennesima vol­ta), in par­te in cen­tri di acco­glien­za, in par­te abban­do­na­ti a loro stes­si. «L’amministrazione e la sin­da­ca Rag­gi non sono riu­sci­ti a met­te­re a pun­to una stra­te­gia e un dibat­ti­to sul tema dell’accoglienza, in una cit­tà che è la capi­ta­le d’Italia e ospi­ta cir­ca 8000 richie­den­ti asi­lo sul suo ter­ri­to­rio», han­no denun­cia­to i volon­ta­ri. Anche il gior­no suc­ces­si­vo si sono regi­stra­te ten­sio­ni, dato che le per­so­ne cui non è sta­ta data altra alter­na­ti­va han­no fat­to ritor­no in via Cupa, come pre­ve­di­bi­le. Tut­ta la vicen­da è descrit­ta qui.

Lo sgom­be­ro in via Cupa.

A Caglia­ri è suc­ces­sa una cosa brut­tis­si­ma che puz­za di raz­zi­smo e apar­theid. Per due bam­bi­ni stra­nie­ri, in segui­to alla pro­te­sta di alcu­ni geni­to­ri, è sta­to appron­ta­to un bagno sepa­ra­to all’interno del­la scuo­la che fre­quen­ta­no, gesti­ta dal­le Figlie del­la Mer­ce­de. La noti­zia è arri­va­ta anche sul­la stam­pa inter­na­zio­na­le.

In Dani­mar­ca il par­ti­to di destra Dan­sker­nes Par­ti ha distri­bui­to bom­bo­let­te di “spray anti-immi­gra­to” per­ché i cit­ta­di­ni dane­si pos­sa­no proteggersi.

 

GOOD NEWS

La buo­na noti­zia del­la set­ti­ma­na arri­va da Alep­po. Qual­che set­ti­ma­na fa vi rac­con­tai la sto­ria del gat­ti­le e del gat­ta­ro di Alep­po, Alaa, che oltre a soc­cor­re­re ani­ma­li si occu­pa di soc­cor­re­re per­so­ne vit­ti­me dei bom­bar­da­men­ti. Uti­liz­za un’ambulanza e altri stru­men­ti che sono sta­ti acqui­sta­ti attra­ver­so dona­zio­ni desti­na­te al gat­ti­le: gra­zie ai gat­ti si è mes­sa in moto una straor­di­na­ria mac­chi­na di soli­da­rie­tà, che dall’Italia si è dif­fu­sa un po’ ovun­que nel mon­do. Il tut­to vie­ne gesti­to attra­ver­so un grup­po Face­book che al momen­to con­ta oltre 7mila iscrit­ti. Dal gat­ti­le si è svi­lup­pa­to uno spin-off altret­tan­to degno di nota: per alle­sti­re il gat­ti­le e l’annesso par­co gio­chi per bam­bi­ni, i gesto­ri si rivol­ge­va­no a un fio­ri­sta, Abu Ward, l’ultimo rima­sto nel­la zona di Alep­po sot­to asse­dio, e che col­ti­va­va il pro­prio giar­di­no assie­me al figlio Ibra­him. A fine ago­sto il fio­ri­sta è sta­to ucci­so da un ordi­gno. In segui­to alla mor­te di Abu Ward si pen­sa­va che non ci sareb­be sta­to un futu­ro per il giar­di­no e i suoi fio­ri e soprat­tut­to per Ibra­him e i suoi fra­tel­li. E inve­ce Alaa è riu­sci­to a inter­cet­ta­re Ibra­him, a por­ta­re da subi­to aiu­ti di base e a pro­get­ta­re insie­me a lui una pic­co­la riven­di­ta di fio­ri che apri­rà a bre­ve. Una bel­la sto­ria nel nome di un fio­re, che poi sareb­be la tra­du­zio­ne di “Ward” in arabo.

Ibra­him, con sorel­le e fratello.

MUST READ

Come se la pas­sa­no i rifu­gia­ti e i migran­ti in Tur­chia? Un docu­men­ta­rio a cura di Deli­zia Flac­ca­van­to.

Inter­vi­sta a Ceci­lia Stra­da: fare la pace è più con­ve­nien­te che fare la guer­ra, in sintesi.

 

Dopo la riu­sci­tis­si­ma pre­sen­ta­zio­ne di Nes­sun Pae­se è un’isola a Elmas (Caglia­ri) que­sta set­ti­ma­na fac­cia­mo tap­pa al Festi­val del­le Comu­ni­tà del Cam­bia­men­to orga­niz­za­to da RENA, a Mila­no. Inter­ver­rò in par­ti­co­la­re al tavo­lo “Emer­gen­za ordi­na­ria: oltre gli ossi­mo­ri del­le migra­zio­ni”, in pro­gram­ma saba­to 8 dal­le 16.45 alle 18.30.

Come sem­pre, l’invito è a dif­fon­de­re la new­slet­ter, a segna­la­re il link per iscri­ver­si (qui:https://goo.gl/forms/W6TQ236H3ABSBUuu2) e a scri­ver­mi, per cri­ti­che, sug­ge­ri­men­ti, doman­de, pre­sen­ta­zio­ni del libro.

(E gra­zie dav­ve­ro, sie­te ogni gior­ni più numerosi).

ste­fa­no

nessunpaeseeunisola@gmail.com

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.