Max Fanelli: «Basta! Ho interrotto le cure per la SLA»

Rice­via­mo e pub­bli­chia­mo il comu­ni­ca­to invia­to da Max Fanel­li agli orga­ni di informazione.

Men­tre pas­sa­no le set­ti­ma­ne, per tut­ti noi, mala­ti ter­mi­na­li di pato­lo­gie incu­ra­bi­li e pro­gres­si­ve, i disa­gi psi­co­fi­si­ci aumen­ta­no e devi riu­sci­re ad adat­tar­ti o a sop­por­ta­re i nuo­vi dolo­ri, le nuo­ve incapacità.

Io ad esem­pio, rima­sto con un occhio solo e l’u­di­to fun­zio­nan­ti, ho appe­na avu­to una con­giun­ti­vi­te e ho subì­to un’ulteriore semi para­li­si del­la pal­pe­bra del­lo stes­so occhio e sono costret­to a far­me­lo inu­mi­di­re ogni 15 minu­ti. Per scri­ve­re 3 righe con il pc a con­trol­lo ocu­la­re, ci ho impie­ga­to anche due ore. Tut­to que­sto per 20 giorni.

Oltre ai disa­gi deri­van­ti dal­la pato­lo­gia, sto gra­da­ta­men­te per­den­do l’udito a cau­sa di un accu­mu­lo di secre­zio­ni all’interno del­l’o­rec­chio, oltre.

Insie­me a tan­te altre situa­zio­ni come la mia, incre­di­bil­men­te, i dirit­ti dei moren­ti  sono costan­te­men­te tra­scu­ra­ti dai capi­grup­po di Came­ra e Sena­to che igno­ra­no com­ple­ta­men­te ogni appel­lo a legi­fe­ra­re in tal sen­so, da ovun­que esso provenga.

A nul­la sono val­se la leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re sul fine vita depo­si­ta­ta a set­tem­bre 2013 dall’Associazione Luca Coscio­ni, gli innu­me­re­vo­li appel­li di mala­ti e fami­lia­ri, i nostri due appel­li ad occu­par­si del pro­ble­ma, accom­pa­gna­ti dal­le fir­me di 82 depu­ta­ti e sena­to­ri, l’in­vi­to a legi­fe­ra­re del­la Pre­si­den­te del­la Came­ra Lau­ra Bol­dri­ni e dell’ex Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca Ser­gio Napolitano.

Nel nul­la sono fini­ti i nostri appel­li sia scrit­ti che video­re­gi­stra­ti al Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la ed al Papa. É inac­cet­ta­bi­le che ven­ga­no trat­ta­ti in que­sto modo miglia­ia di mala­ti ter­mi­na­li, costret­ti dall’assenza di una leg­ge sul fine vita a subi­re dolo­ri e sof­fe­ren­ze con­di­vi­se sia dal mala­to che dal­la fami­glia. É incre­di­bi­le che cada­no nell’oblio cosi velo­ce­men­te le nostre richie­ste, quel­le del movi­men­to #iosto­con­max e quel­le di miglia­ia di cit­ta­di­ni ita­lia­ni o per­so­nag­gi famo­si e poli­ti­ci che si sono fat­ti foto­gra­fa­re con la nostra car­to­li­na spe­cia­le, invia­ta­mi poi a casa e con­se­gna­ta a luglio, tra­mi­te la Bol­dri­ni, nel­le loro mani, sci­vo­lan­do nel­la tota­le indif­fe­ren­za dei capi­grup­po di Came­ra e Senato.

Noi par­lia­mo di Dolo­re, di Malat­tia, di Morenti. 

Noi riven­di­chia­mo il dirit­to alla Liber­tà ed alla Digni­tà, di tutti.

CARO STATO, SE NON MI DAI LA LIBERTÀ E LA DIGNITÀ, TIENITI PURE LE MEDICINE PER LA SLA!

Mas­si­mo ‘Max’ Fanelli

“Io sto con Max”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.