Lavoro: di misure tampone muore un’economia

C’era una volta la legge 407 del 1990, che stabiliva che per le assunzioni a tempo indeterminato di soggetti disoccupati o beneficiari di trattamento di integrazione guadagni da più di 24 mesi, il datore di lavoro avrebbe potuto usufruire di una riduzione del costo Inps del 50%, elevata al 100% per le imprese del mezzogiorno. Il tutto per un periodo pari a 36 mesi.

La legge, quindi, favoriva il reinserimento dei disoccupati nel mondo del lavoro, abbassando il costo per le imprese. E funzionava. Aveva un solo difetto: era “vecchia” e quindi rottamabile.

Così nel 2015 è stata abrogata e sostituita da una nuova forma di agevolazione: la decontribuzione al 100% per 36 mesi per tutte le assunzioni a tempo indeterminato di soggetti privi di un lavoro a tempo indeterminato (e quindi dipendente) da almeno 6 mesi, per una durata di 36 mesi. Una riduzione del costo del lavoro dipendente a tempo indeterminato che, accompagnata dalla soppressione di forme contrattuali autonome come l’associazione in partecipazione e le collaborazioni a progetto, ha favorito il passaggio al lavoro dipendente di lavoratori non autenticamente autonomi.

Si tratta comunque di una agevolazione transitoria, dato che già nel 2016 è passata al 40% per un periodo di 24 mesi, e che scompare definitivamente con la legge di Bilancio 2017.

E così rimane ben poco delle agevolazioni a sostegno delle assunzioni e, in altri termini, delle misure volte a ridurre il costo del lavoro in un momento di difficoltà economica e finanziaria delle nostre imprese, soprattutto medio-piccole.

Dalla decontribuzione si passa ai bonus occupazionali che la finanziaria, approvata proprio in questi giorni, riconosce alle assunzioni di giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni, sia a tempo indeterminato che determinato.

La logica sottesa è però sempre quella: un bonus che incentiva provvisoriamente l’assunzione dei giovani senza una vera prospettiva di lungo periodo. Una misura “tampone”.

Niente, insomma, che abbia a vedere con una vera politica del lavoro, che sappia premiare e incentivare le aziende che decidono di investire sulla “risorsa lavoro”. Niente che “faccia passare il messaggio” che il lavoro è una risorsa sulla quale investire per il miglioramento della nostra economia, per il futuro dei nostri giovani, per la sopravvivenza nel lungo periodo delle nostre imprese, e non un merce usa e getta o in sconto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati