La sfida di Possibile spiegata bene

E’ stato un anno vissuto pericolosamente, il nostro. In cui abbiamo cominciato a scrivere questa storia, una bozza dopo l’altra, tra mille difficoltà. Ma siamo ancora qui per raccontarla, e non in molti ci avrebbero scommesso. E’ ora di farla sentire a tutti.

Poco più di un anno, que­sto è il tem­po tra­scor­so da quel pri­mo gior­no d’estate del 2015 in cui ci sia­mo ritro­va­ti ai Pini Spet­ti­na­ti.

Un anno in cui una doman­da sopra ogni altra è rie­cheg­gia­ta nel­le nostre orec­chie: “a cosa ser­ve un altro partito?!?”.

In quel­la cal­da e asso­la­ta gior­na­ta roma­na ci sia­mo volu­ti dare un com­pi­to ambi­zio­sis­si­mo: rispon­de­re a quel­la doman­da, dimo­stra­re che nel nostro Pae­se un’alternativa è Possibile.

Ambi­zio­sis­si­mo, per­ché in tota­le con­tro­ten­den­za con quan­to offri­va (e offre) il pano­ra­ma poli­ti­co italiano.
Posto che non abbia già scel­to la xeno­fo­bia da oste­ria in cui si è con­fi­na­ta la destra ita­lia­na, chi si affac­cia al discor­so pub­bli­co del­la nostra peni­so­la sem­bra tro­var­si davan­ti solo due opzio­ni, che si scon­tra­no fero­ce­men­te ogni gior­no, e però appa­io­no il rifles­so l’una dell’altra.

Un’Atene e una Spar­ta alquan­to improv­vi­sa­te. La pri­ma pochis­si­mo illu­mi­na­ta, se non dal fuo­co dell’ambizione e del­la fret­ta del suo lea­der, che ricor­da Peri­cle solo nel­la pre­oc­cu­pa­zio­ne per il con­sen­so imme­dia­to, e che alla lega di Delo ha pre­fe­ri­to un’alleanza con i peg­gio­ri satra­pi per­sia­ni. La secon­da tan­to pugna­ce quan­to incer­ta nel­la stra­te­gia, inca­pa­ce di risol­ve­re il con­flit­to tra le cor­ren­ti dei suoi due aspi­ran­ti re, che rele­ga al Tai­ge­to ogni voce dif­for­me, e sem­bra inca­pa­ce di sfrut­ta­re per azio­ni con­cre­te il tan­to con­sen­so raccolto.

Anche a sini­stra non si rac­con­ta una sto­ria miglio­re. Come nel­la miglio­re tra­di­zio­ne mar­xia­na, la tra­ge­dia dei Set­te con­tro Tebe si ripe­te in far­sa, con cam­pio­ni stan­chi che difen­do­no le por­te di una cit­tà fan­ta­sma, in appa­ren­za fra­tel­li, ma con­ten­den­do­si aspra­men­te un tro­no di macerie.

Di fron­te a que­sta tri­ste e impre­ci­sa rap­pre­sen­ta­zio­ne del pas­sa­to, noi 15 mesi fa abbia­mo scel­to di vol­ge­re lo sguar­do al futu­ro, a un nuo­vo mondo.

Un mon­do ispi­ra­to a una cul­tu­ra di gover­no, fon­da­to su un pro­get­to cre­di­bi­le, radi­ca­le sen­za esse­re estre­mi­sta, raf­for­za­to dal con­sen­so infor­ma­to di chi lo abita.

Un pro­get­to appa­ren­te­men­te fuo­ri­mo­da, ma che è in real­tà al di là del­le mode, per­ché le mode cam­bia­no, e alla svelta.

E nel tea­tro tar­do-elle­ni­sti­co mes­so in sce­na dal­le com­pa­gnie di cui sopra, si reci­ta su un cano­vac­cio che fino a poco fa face­va il tut­to esau­ri­to, e ora è tal­men­te liso da esse­re ridot­to a bran­del­li.

Chi ave­va scel­to la fret­ta, ral­len­ta improvvisamente.

Chi si era but­ta­to all’arrembaggio, per ora è scivolato.

Chi ha scel­to l’ambiguità per rac­co­glie­re più con­sen­so, ora non sa che farsene.

Chi ha fat­to pat­ti col dia­vo­lo, sco­pre che Fau­st ha per­so la sua scom­mes­sa con Mefistofele.

C’è quin­di più che mai biso­gno di rac­con­ta­re un’altra storia. 

E’ sta­to un anno vis­su­to peri­co­lo­sa­men­te, il nostro. In cui abbia­mo comin­cia­to a scri­ve­re que­sta sto­ria, una boz­za dopo l’altra, tra mil­le dif­fi­col­tà. Ma sia­mo anco­ra qui per rac­con­tar­la, e non in mol­ti ci avreb­be­ro scommesso.

E’ ora di far­la sen­ti­re a tutti.

Pri­ma di tut­to a noi stes­si, per esse­re final­men­te la comu­ni­tà che abbia­mo sogna­to e per cui abbia­mo lavo­ra­to. Nei mol­ti comi­ta­ti che han­no arric­chi­to i loro ter­ri­to­ri di ini­zia­ti­ve e di pro­po­ste nel deser­to del­la poli­ti­ca, e che ora devo­no fare un sal­to di qua­li­tà. Nel­la piat­ta­for­ma che è appe­na nata e che ora dob­bia­mo far cre­sce­re tut­ti assie­me, per­ché sia dav­ve­ro la nostra casa, il nostro luo­go di con­fron­to ed ela­bo­ra­zio­ne, dai temi più alti che inve­sto­no la nostra socie­tà, ai pro­ble­mi quo­ti­dia­ni che si tro­va­no ad affron­ta­re i nostri ammi­ni­stra­to­ri e cui meglio rispon­de­re­mo met­ten­do in rete le nostre mol­te espe­rien­ze e competenze.

E poi all’esterno, nel­le piaz­ze e nel­le stra­de che fin dal­la nostra nasci­ta abbia­mo scel­to di abi­ta­re, sta­vol­ta per par­la­re ai nostri con­cit­ta­di­ni di una nuo­va e diver­sa poli­ti­ca eco­no­mi­ca, basa­ta sui fat­ti e sull’analisi del­la real­tà, un pro­get­to acqua e sapo­ne da oppor­re al pesan­te maquil­la­ge con il cui il gover­no cer­ca di copri­re i suoi fal­li­men­ti. Un pro­get­to di gover­no pre­ci­so, com­pren­si­bi­le, nel segno dell’uguaglianza, che per noi con­ti­nua ad esse­re il vero moto­re del cam­bia­men­to del­la nostra socie­tà.

Un pro­get­to radi­cal­men­te dal­la par­te dei mol­ti con­tro i pochi, che non ha biso­gno di esse­re estre­mi­sta, per­ché aggre­di­sce le men­zo­gne di chi vuo­le met­te­re gli stes­si inte­res­si gli uni con­tro gli altri.

Un pro­get­to con­di­vi­so, par­te­ci­pa­to e che si rivol­ge a ogni cit­ta­di­no e non alle lob­by e ai gran­di e pic­co­li poten­ta­ti, ma sen­za l’ambiguità di chi per aver i voti di tut­ti non è in gra­do di accon­ten­ta­re nessuno.

Per poter por­ta­re avan­ti que­sto pro­get­to, la pri­ma cam­pa­gna che dob­bia­mo por­ta­re avan­ti è quel­la per il No al refe­ren­dum costituzionale.

Una cam­pa­gna che voglia­mo il più capil­la­re pos­si­bi­le, è che per que­sto inten­dia­mo basa­re sul ribal­ta­men­to dell’azzardo ren­zia­no: sare­mo noi a per­so­na­liz­za­re que­sto refe­ren­dum, ma lo fare­mo tut­ti, di per­so­na e personalmente.

Una cam­pa­gna basa­ta sul vero tema di que­sta rifor­ma, sul­le real issues direb­be qual­cu­no, per far par­la­re le per­so­ne di Costi­tu­zio­ne. E per far­lo non solo nel­la piaz­ze rea­li e vir­tua­li, che già da mesi occu­pia­mo con il nostro Tour RiCo­sti­tuen­te, ma nel­le case, nei con­do­mi­ni, nei bar.

In cui sin dal nostro pri­mo mes­sag­gio (IoVoto.No), abbia­mo invi­ta­to tut­ti a esse­re cia­scu­no il suo comi­ta­to per il NO, un mes­sag­gio che ora voglia­mo decli­na­re nel­le for­me più sva­ria­te e fan­ta­sio­se, fino ad arri­va­re con le nostre idee là dove nes­su­no è mai giun­to prima.

Non le cene da mil­le euro coi gran­di finan­zia­to­ri, ma le cene con ami­ci e cono­scen­ti, per rac­con­ta­re loro cosa pro­po­nia­mo e con­fron­tar­ci con le loro aspirazioni.

Non i ban­chet­ti del­le amba­scia­te stra­nie­re e dei gran­di grup­pi inter­na­zio­na­li, ma i ban­co­ni dei bar, dove con­di­vi­de­re la nostra idea di socie­tà davan­ti a una bir­ra o un bic­chie­re di vino.

Un arco rico­sti­tuen­te che vada da Ber­nie a Ben­ni, insom­ma.

Per­ché un altro par­ti­to? Per fare tut­to que­sto, e per far­lo ora.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?