La nuova normalità

In questi giorni in cui si sta immaginando il ritorno alla “normalità di prima”, molte istituzioni, a partire dalle regioni, stanno approvando tutta una serie di delibere e di atti che, appunto, ci faranno tornare alla “normalità di prima”. Ma se la normalità di prima era il problema, perché ci si continua a muovere lungo lo stesso solco che sappiamo bene dove ci ha condotto?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]L’origine del­la recen­te pan­de­mia, così come la cri­si cli­ma­ti­ca e la per­di­ta di bio­di­ver­si­tà, sono la con­se­guen­za diret­ta dell’attività uma­na. Di fron­te agli innu­me­re­vo­li dan­ni ambien­ta­li e socia­li veri­fi­ca­ti­si negli ulti­mi anni e, soprat­tut­to, anche a fron­te del­la pan­de­mia che stia­mo viven­do, ci si aspet­te­reb­be un cam­bio radi­ca­le nel­le scel­te di pro­gram­ma­zio­ne e di gestio­ne di un ter­ri­to­rio. Che si trat­ti di scel­te quo­ti­dia­ne com­piu­te da un sin­go­lo, di un pic­co­lo pae­se o di una regio­ne, tut­te que­ste scel­te com­por­ta­no del­le conseguenze.

In que­sti gior­ni in cui si sta imma­gi­nan­do il ritor­no alla “nor­ma­li­tà di pri­ma”, mol­te isti­tu­zio­ni, a par­ti­re dal­le regio­ni, stan­no appro­van­do tut­ta una serie di deli­be­re e di atti che, appun­to, ci faran­no tor­na­re alla “nor­ma­li­tà di pri­ma”. Ma se la nor­ma­li­tà di pri­ma era il pro­ble­ma, per­ché ci si con­ti­nua a muo­ve­re lun­go lo stes­so sol­co che sap­pia­mo bene dove ci ha condotto?

Per­ché le deci­sio­ni poli­ti­che che si pren­do­no a ogni livel­lo non stan­no andan­do nel­la dire­zio­ne di impe­di­re il sor­ge­re di nuo­ve pan­de­mie, non cer­ca­no di limi­ta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e maga­ri tute­la­re la biodiversità?

Pren­dia­mo il caso di due regio­ni, come la Lom­bar­dia e l’Emilia Roma­gna, che in que­ste set­ti­ma­ne han­no appro­va­to il calen­da­rio vena­to­rio. La cac­cia, oltre a esse­re una pra­ti­ca asso­lu­ta­men­te inu­ti­le e bar­ba­ra, non può esse­re con­si­de­ra­ta in alcun modo una del­le atti­vi­tà neces­sa­rie o fon­da­men­ta­li per ripar­ti­re. Il man­tra secon­do il qua­le «dob­bia­mo ripren­de­re, ma atten­zio­ne, nien­te sarà più come pri­ma» che ci sia­mo sen­ti­ti ripe­te­re sin dai pri­mi gior­ni del­la pan­de­mia non tro­va alcu­na appli­ca­zio­ne nel­la disci­pli­na dell’attività vena­to­ria: tut­to vie­ne auto­riz­za­to come pri­ma e, anzi, alcu­ne Regio­ni con­ce­do­no anco­ra più liber­tà di spa­ra­re.

L’Emilia Roma­gna ha deci­so di allar­ga­re i tem­pi, pre­ve­den­do l’ad­de­stra­men­to cani e la pre­cac­cia tra ago­sto e set­tem­bre. Ma soprat­tut­to l’E­mi­lia Roma­gna ha igno­ra­to tut­te le indi­ca­zio­ni for­ni­te da ISPRA a tute­la del­le spe­cie anco­ra oggi cac­cia­bi­li ma che sono in uno sta­to di con­ser­va­zio­ne sfa­vo­re­vo­le. Inol­tre, come cilie­gi­na sul­la tor­ta è sta­ta aggiun­ta una nuo­va nor­ma defi­ni­ta “abbat­ti­men­to accer­ta­to”, già dichia­ra­ta inco­sti­tu­zio­na­le nel 2018 per la nor­ma­ti­va del­la Regio­ne Ligu­ria e nel 2019 per la Regio­ne Lom­bar­dia. Ven­go­no inol­tre con­fer­ma­te nel­le stes­se for­me la cac­cia “ col­let­ti­va” al cin­ghia­le, cioè le più impat­tan­ti e rischio­se dal pun­to di vista di con­te­ni­men­to del­l’e­pi­de­mia. Infi­ne si auto­riz­za­no gli agricoltori/cacciatori a fare cac­cia libe­ra agli ungu­la­ti nel pro­prio ter­re­no, met­ten­do a rischio la sicu­rez­za dei cittadini.

In Lom­bar­dia la fan­ta­sia degli ammi­ni­stra­to­ri supe­ra di gran lun­ga il buon sen­so. Inve­ce di strin­ge­re le maglie per tute­la­re la fau­na sel­va­ti­ca, que­ste ven­go­no siste­ma­ti­ca­men­te allar­ga­te e ciò nono­stan­te le pro­ce­du­re di infra­zio­ne aper­te dal­la Com­mis­sio­ne Euro­pea. L’assessore leghi­sta Rol­fi sta con­fe­zio­nan­do del­le nor­me che andran­no ad allar­ga­re l’attività vena­to­ria “uffi­cia­le” ma che ine­vi­ta­bil­men­te favo­ri­ran­no il brac­co­nag­gio. Imma­gi­na­te que­sta sce­na: un brac­co­nie­re inten­to ad abbat­te­re spe­cie pro­tet­te che vede arri­va­re da lon­ta­no un guar­dia­cac­cia con indos­so un giub­bot­to aran­cio­ne fluo… Ecco qual è la pro­po­sta del­l’as­ses­so­re leghi­sta. Ma non solo, un ulte­rio­re rega­lo potreb­be esse­re il via libe­ra ai mez­zi di cac­cia non con­sen­ti­ti, come ad esem­pio i viso­ri not­tur­ni per la cac­cia col­let­ti­va al cin­ghia­le. Cac­cia che sarà con­sen­ti­ta 365 gior­ni all’an­no, in pale­se con­tra­sto con la nor­ma­ti­va nazio­na­le che inve­ce la limi­ta in perio­di ben definiti.

Inol­tre, igno­ran­do i pare­ri e le indi­ca­zio­ni scien­ti­fi­che di ISPRA si con­ti­nua a pro­por­re di poter cat­tu­ra­re uccel­li a fini di richia­mo vivo e, soprat­tut­to, si con­ti­nua a con­sen­ti­re la cac­cia in dero­ga ai pic­co­li uccel­li migra­to­ri tute­la­ti e pro­tet­ti dal­le nor­ma­ti­ve europee.

Que­sti sono gli esem­pi rela­ti­vi alla non tute­la del­la bio­di­ver­si­tà, ma pos­sia­mo allun­ga­re la lista di quel­le pra­ti­che anti­e­co­lo­gi­che che stan­no per diven­ta­re leg­gi regio­na­li o lo sono diven­ta­te nel­le scor­se settimane.

Pen­sia­mo al con­su­mo di suo­lo lega­to alle infra­strut­tu­re stra­da­li e auto­stra­da­li inu­ti­li e non neces­sa­rie per lo svi­lup­po soste­ni­bi­le di un ter­ri­to­rio. Pen­sia­mo agli svi­lup­pi aero­por­tua­li spar­si qua e là lun­go lo sti­va­le che si vor­reb­be­ro rea­liz­za­re. 

Impos­si­bi­le non rile­va­re che solo a gen­na­io Bonac­ci­ni è sta­to rie­let­to con una coa­li­zio­ne costi­tui­ta anche da chi si dice eco­lo­gi­sta, che a que­sto pun­to vie­ne rele­ga­to a buon voca­bo­lo per il sim­bo­lo e per la cam­pa­gna elet­to­ra­le: nei fat­ti la ripar­ten­za più che green sem­bra alquan­to gri­gia, un bel gri­gio asfal­to di auto­stra­de e piste d’atterraggio.

Le foto del­le acque del fiu­me Sar­no tor­na­te lim­pi­de negli ulti­mi mesi, con l’inizio del­la fase2 han­no ripre­so il colo­re nero per col­pa degli sca­ri­chi ille­ga­li, così come le foci di alcu­ni fiu­mi in mare han­no ripre­so colo­ri di “mor­te” e non di vita.

E’ que­sta la nor­ma­li­tà a cui voglia­mo tornare?

Noi sia­mo con­vin­ti inve­ce che ci sia un for­te biso­gno di una “nuo­va nor­ma­li­tà”, che esca da vec­chi sche­mi fal­li­men­ta­ri e che ripar­ta da tut­ti quel­li aspet­ti “dimen­ti­ca­ti e tra­scu­ra­ti” nel cor­so di que­sti anni: dirit­ti dei lavo­ra­to­ri e con­di­zio­ni di lavo­ro, pari oppor­tu­ni­tà, ugua­glian­za, la scuo­la, una sani­tà pub­bli­ca per tut­ti, svi­lup­po soste­ni­bi­le, futu­ro vivibile.

Wal­ter Girardi

Chia­ra Bertogalli

Comi­ta­to Scien­ti­fi­co di Pos­si­bi­le[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491269035420{margin-top: 20px !impor­tant;}”]

TITOLO

[/vc_column_text][vc_column_text]Testo articolo…[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.