La luna, il dito e la libertà di circolazione in Europa

Dopo l’atten­ta­to sul tre­no ad alta velo­ci­tà Amster­dam-Pari­gi del­la scor­sa set­ti­ma­na, in mol­ti met­to­no sot­to accu­sa, anco­ra una vol­ta, l’Unio­ne euro­pea per l’inefficacia del­le sue poli­ti­che pre­ven­ti­ve e repres­si­ve nei con­fron­ti del ter­ro­ri­smo inter­na­zio­na­le. Nel frat­tem­po, l’esercito di quel­li che chie­do­no una riva­lu­ta­zio­ne del­la liber­tà di cir­co­la­zio­ne all’in­ter­no del­lo spa­zio Schen­gen ingros­sa le sue fila di gior­no in giorno.

Per l’ennesima vol­ta, si guar­da il dito ma non la luna. Il dito è col­pi­re Schen­gen. La luna è dare final­men­te vita ad un siste­ma di intel­li­gen­ce europeo.

Schen­gen è sta­ta una gran­de con­qui­sta nel pro­ces­so d’in­te­gra­zio­ne euro­pea, è il sim­bo­lo del­l’Eu­ro­pa uni­ta sen­za fron­tie­re. Far­vi par­te o meno non ha mai dimo­stra­to nes­sun lega­me diret­to con l’in­ten­si­tà del­l’at­ti­vi­tà ter­ro­ri­sti­ca in un deter­mi­na­to Paese.

Se, da una par­te, le rego­le pre­ve­do­no l’abolizione dei con­trol­li siste­ma­ti­ci alle fron­tie­re inter­ne degli Sta­ti mem­bri, dall’altra, pre­ve­do­no l’obbli­ga­to­rie­tà di quel­li alle fron­tie­re esterne.

Met­te­re in discus­sio­ne il siste­ma Schen­gen è dan­no­so e inef­fi­ca­ce. Dan­no­so per­ché con­sen­te ai ter­ro­ri­sti di cam­bia­re il nostro sti­le di vita, facen­do­ci rinun­cia­re alle nostre con­qui­ste di liber­tà. Inef­fi­ca­ce per­ché non saran­no i mag­gio­ri con­trol­li di fron­tie­ra all’interno dell’UE (peral­tro, già inu­til­men­te spe­ri­men­ta­ti in un recen­te pas­sa­to) a fer­ma­re i ter­ro­ri­sti in un deter­mi­na­to Pae­se, visto che pos­so­no con­ta­re su un net­work di soste­gno mol­to ben orga­niz­za­to.

Sem­mai, Schen­gen andreb­be uti­liz­za­to di più e meglio.

Non fun­zio­na il Siste­ma Infor­ma­ti­vo Schen­gen (il Sis, poten­zia­to nel 2013, ora Sis II), che lascia agli Sta­ti mem­bri l’esclusiva respon­sa­bi­li­tà di uti­liz­zar­lo e imple­men­tar­lo e all’Unione euro­pea (alla Com­mis­sio­ne) il mero ruo­lo di faci­li­ta­to­re nei ten­ta­ti­vi di mag­gio­re coordinamento.

Non fun­zio­na­no i con­trol­li alle fron­tie­re ester­ne, il vero anel­lo debo­le del siste­ma Schen­gen: come è pos­si­bi­le che i ter­ro­ri­sti (spes­so già sot­to osser­va­zio­ne da par­te dei ser­vi­zi segre­ti) par­ta­no e tor­ni­no indi­stur­ba­ti dal­la Siria — dove noto­ria­men­te non si va per turi­smo -, sen­za che nes­su­no sia in gra­do di con­trol­lar­li e fermarli?

Oltre a un mag­gio­re sfor­zo nel coin­vol­gi­men­to del­le comu­ni­tà musul­ma­ne euro­pee — in gran­dis­si­ma par­te paci­fi­che -, per iso­la­re i vio­len­ti, quel­lo che ser­vi­reb­be dav­ve­ro è la crea­zio­ne di un siste­ma auten­ti­ca­men­te sovra­na­zio­na­le di intel­li­gen­ce.

Insom­ma, col­pi­re l’Unione euro­pea e col­pi­re Schen­gen signi­fi­ca sem­pli­ce­men­te fare un rega­lo alla destra popu­li­sta di Sal­vi­ni &Co. Signi­fi­ca distrar­re l’attenzione dal­la vera que­stio­ne, che chia­ma in cau­sa diret­ta­men­te la respon­sa­bi­li­tà poli­ti­ca dei Gover­ni europei.

La Com­mis­sio­ne, lo scor­so apri­le, ha pre­sen­ta­to un pac­chet­to di misu­re per affron­ta­re il tema del­la lot­ta al ter­ro­ri­smo lega­to alla pres­sio­ne migra­to­ria. Tra le pro­po­ste si pre­ve­de il raf­for­za­men­to di Euro­pol (l’a­gen­zia di coor­di­na­men­to del­le poli­zie nazio­na­li), attra­ver­so l’istituzione di un nuo­vo cen­tro euro­peo del con­tro-ter­ro­ri­smo. Lode­vo­le, pec­ca­to che il man­da­to di que­sto “nuo­vo” cen­tro non pre­ve­da nul­la di nuo­vo rispet­to all’esistente: coor­di­na­re lo scam­bio di infor­ma­zio­ni tran­sfron­ta­lie­re tra Sta­ti mem­bri, sen­za la pos­si­bi­li­tà di effet­tua­re arresti.

È legit­ti­mo doman­dar­si come mai non ci sia sta­ta l’ambizione di anda­re oltre, ma la rispo­sta, con buo­na pace di Sal­vi­ni e dei suoi acco­li­ti, è finan­che trop­po semplice.

Per gli Sta­ti la sicu­rez­za rap­pre­sen­ta l’ultimo baluar­do del­la sovra­ni­tà nazio­na­le, soprat­tut­to in que­sta con­giun­tu­ra che vede i popu­li­sti alla Sal­vi­ni spo­po­la­re nei son­dag­gi in tut­te le lati­tu­di­ni del Con­ti­nen­te. La Com­mis­sio­ne, per evi­ta­re la boc­cia­tu­ra del­le sue pro­po­ste da par­te dei Gover­ni, ha dovu­to adot­ta­re un approc­cio “mini­ma­li­sta”, pre­fe­ren­do una som­ma di stru­men­ti nazio­na­li (che con­sen­ti­ran­no ad ogni Alfa­no in giro per l’Europa di inte­star­se­ne il meri­to davan­ti all’opinione pub­bli­ca del pro­prio Pae­se) alla nasci­ta di un’azione sovra­na­zio­na­le (senz’altro più effi­ca­ce, visto che il feno­me­no non è cir­co­scri­vi­bi­le ai con­fi­ni del­le rispet­ti­ve patrie, ma meno ven­di­bi­le elettoralmente).

Al pros­si­mo ver­ti­ce euro­peo d’emergenza su immi­gra­zio­ne e anti­ter­ro­ri­smo, pro­ba­bil­men­te, ci faran­no ascol­ta­re l’ennesima dichia­ra­zio­ne comu­ne sul­la neces­si­tà di aumen­ta­re il coor­di­na­men­to nel­lo scam­bio di infor­ma­zio­ni; pro­ba­bil­men­te, ci infor­me­ran­no di un ecce­zio­na­le stan­zia­men­to di fon­di nazio­na­li o euro­pei per poten­zia­re i con­trol­li sul­le linee dell’alta velo­ci­tà (dan­do quin­di la pos­si­bi­li­tà ai ter­ro­ri­sti di spo­sta­re la loro atten­zio­ne su altri obiet­ti­vi incu­sto­di­ti, come metro­po­li­ta­ne o linee fer­ro­via­rie regio­na­li); pro­ba­bil­men­te, ci annun­ce­ran­no una nuo­va cro­cia­ta con­tro la liber­tà del­la rete — poten­zia­le stru­men­to di dif­fu­sio­ne d’odio e vio­len­za -, per giu­sti­fi­ca­re la richie­sta di una mag­gio­re capil­la­ri­tà nei con­trol­li. Sicu­ra­men­te, dovre­mo aspet­ta­re anco­ra pri­ma che si rie­sca a guar­da­re la luna.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.