La campagna di Jeremy Corbyn e la leadership del Partito Laburista

Jeremy-Corbyn-he-d-bring-bacLa Gran Bre­ta­gna sta viven­do un momen­to mol­to signi­fi­ca­ti­vo per la sto­ria recen­te del­la sini­stra ingle­se. La scon­fit­ta del Par­ti­to Labu­ri­sta alle ele­zio­ni poli­ti­che del mag­gio 2015 e le con­se­guen­ti dimis­sio­ni del suo lea­der Ed Mili­band, han­no dato luo­go al pro­ces­so di ele­zio­ne del nuo­vo lea­der, pro­ces­so che per la pri­ma vol­ta uti­liz­za una meto­do­lo­gia tipo “pri­ma­rie”.

Ina­spet­ta­ta­men­te, Jere­my Cor­byn, il can­di­da­to che espri­me una posi­zio­ne mar­ca­ta­men­te di sini­stra rispet­to agli altri tre can­di­da­ti, è il favo­ri­to nel­la corsa.

La stam­pa ingle­se si inter­ro­ga in que­sto perio­do sul per­ché un uomo di 66 anni, cre­sciu­to in seno alla sini­stra del par­ti­to scon­fit­to negli anni ’80 pri­ma dall’ala mode­ra­ta di Kin­nock e poi dal New Labour di Blair, riscuo­ta un suc­ces­so tale da ren­de­re la sua vit­to­ria probabile.

Sen­za pre­te­sa di rispon­de­re a que­sto que­si­to, cre­do che ci sia­no tre aspet­ti fon­da­men­ta­li da sot­to­li­nea­re, che, inol­tre, pos­so­no esse­re d’interesse anche per un pub­bli­co non inglese.

Il pri­mo riguar­da la natu­ra del soste­gno a Cor­byn. Nono­stan­te pro­ven­ga dal­la sini­stra “sto­ri­ca” del par­ti­to (che ha come pun­ti di rife­ri­men­to figu­re come Michael Foot e Tony Benn), il soste­gno alla sua can­di­da­tu­ra vie­ne in manie­ra sor­pren­den­te dai gio­va­ni. Si par­la aper­ta­men­te di una stra­na “Cor­byn-mania”. Agli incon­tri pub­bli­ci vie­ne accol­to da fol­le, spes­so com­pren­den­ti mol­ti gio­va­ni, riem­pien­do le sale a tal pun­to da esse­re obbli­ga­to a par­la­re anche fuo­ri dai luo­ghi pre­fis­sa­ti, in piaz­ze o stra­de vici­ne. Già l’entusiasmo e l’energia degli incon­tri pub­bli­ci rap­pre­sen­ta un fat­to nuo­vo per la poli­ti­ca ingle­se, dove que­sto tipo di poli­ti­ca “face to face” è sta­to in gran par­te abban­do­na­to addi­rit­tu­ra da qual­che decen­nio, sosti­tui­to da una comu­ni­ca­zio­ne poli­ti­ca qua­si tut­ta incen­tra­ta sui media. Que­sta onda­ta di entu­sia­mo è sta­ta tra­dot­ta anche in un aumen­to ver­ti­gi­no­so del­le iscri­zio­ni al par­ti­to, gli iscrit­ti sono sono aumen­ta­ti a dismi­su­ra nel­le ulti­me set­ti­ma­ne qua­si tri­pli­can­do i nume­ri degli anni pre­ce­den­ti e arri­van­do a cir­ca 600,000 iscrit­ti com­ples­si­vi. In que­sto con­te­sto vie­ne qual­che vol­ta invo­ca­to l’esempio del­la vit­to­ria di Oba­ma alle pri­ma­rie demo­cra­ti­che negli Sta­ti Uni­ti e il suo slo­gan “Yes We Can”. Le pri­ma­rie, insom­ma, pro­ces­so volu­to da Ed Mili­band stes­so con l’obiettivo di gal­va­niz­za­re un par­ti­to in dif­fi­col­tà, han­no avu­to un risul­ta­to for­te e impre­ve­di­bi­le come, fra l’altro, anche in Ita­lia in diver­se occa­sio­ni. La loro fun­zio­ne di coin­vol­ge­re per­so­ne e fare cre­sce­re l’interesse è indub­bia, ma por­ta­no con sé tal­vol­ta il suc­ces­so ina­spet­ta­to di outsi­ders (non­ché anche, di con­se­guen­za, accu­se di infiltrazioni).

Il secon­do aspet­to riguar­da il mes­sag­gio poli­ti­co por­ta­to avan­ti da Cor­byn. “Mes­sag­gio” per­ché il suo suc­ces­so non puo’ esse­re spie­ga­to da pro­po­ste poli­ti­che par­ti­co­la­ri, quan­to piut­to­sto dall’emergere di una nuo­va voce radi­ca­le, di una nuo­va nar­ra­ti­va poli­ti­ca, di una nuo­va visio­ne poli­ti­ca rispet­to alla per­ce­zio­ne di un’essenziale con­ti­nui­tà fra Con­ser­va­to­ri e New Labour.

In due orien­ta­men­ti in par­ti­co­la­re, Cor­byn si dif­fe­ren­zia in modo for­te dei suoi con­cor­ren­ti e dal lasci­to poli­ti­co di Blair nel par­ti­to labu­ri­sta. La sua posi­zio­ne sull’economia è for­te­men­te con­tra­ria al neo-libe­ri­smo che è diven­ta­to ormai l’ortodossia dei gover­ni con­ser­va­to­ri e labu­ri­sti sin dai tem­pi del­la That­cher, quell’ortodossia che ha anti­ci­pa­to le poli­ti­che di auste­ri­tà dell’Unione Euro­pea e del­la “troi­ka” e che recen­te­men­te ha det­ta­to leg­ge alla Gre­cia di Tsi­pras. Cor­byn dichia­ra di voler aumen­ta­re gli inve­sti­men­ti pub­bli­ci per sti­mo­la­re la cre­sci­ta e per con­trol­la­re le infra­strut­tu­re chia­ve del pae­se (in par­ti­co­la­re con il con­trol­lo pub­bli­co del siste­ma fer­ro­via­rio) e pro­met­te quin­di una svol­ta neo-keyn­sia­na nel­le poli­ti­che eco­no­mi­che. Biso­gna aggiun­ge­re a que­sto pro­po­si­to che spic­ca la tota­le, o qua­si, assen­za di qual­sia­si rife­ri­men­to al con­te­sto euro­peo, a ripro­va dell’isolamento cul­tu­ra­le e poli­ti­co del­la sini­stra ingle­se e del discor­so poli­ti­co ingle­se in generale.

In secon­do luo­go, Cor­byn por­ta avan­ti una posi­zio­ne di for­te oppo­si­zio­ne alla poli­ti­ca este­ra ingle­se incen­tra­ta sull’acquiscienza allo stra­po­te­re sta­tu­ni­ten­se. Que­sto vale in par­ti­co­la­re con rife­ri­men­to al Medio orien­te e alla guer­ra con­tro l’Iraq, por­ta­ta avan­ti con for­za dai gover­ni labu­ri­sti di Tony Blair e dal suo suc­ces­so­re Gor­don Bro­wn ma ormai for­te­men­te cri­ti­ca­ta anche da alcu­ne com­po­nen­ti dal par­ti­to labu­ri­sta stes­so. Cor­byn, però, oltre a poter van­ta­re la sua oppo­si­zio­ne for­te e atti­va con­tro la guer­ra fin dall’inizio (a dif­fe­ren­za, ad esem­pio, degli altri can­di­da­ti, che han­no soste­nu­to l’entrata in guer­ra) ha dichia­ra­to che se doves­se diven­ta­re pre­mier chie­de­reb­be scu­sa sia agli ira­che­ni che al popo­lo ingle­se. Una posi­zio­ne che lo pone in for­te con­tra­sto con la lea­der­ship del par­ti­to da Blair in poi e che spic­ca per il suo carat­te­re net­to e deci­so in un pae­se che per mol­ti ver­si evi­ta intro­spe­zio­ni radi­ca­li riguar­do al suo ruo­lo impe­ria­le, neo-impe­ria­le e marziale.

Il for­te taglio di orien­ta­men­to poli­ti­co rispet­to alle poli­ti­che domi­nan­ti spie­ga anche il ter­zo aspet­to di spic­co del­la cam­pa­gna por­ta­ta avan­ti da Cor­byn. Le pre­vi­sio­ni di una sua vit­to­ria (l’ultimo son­dag­gio gli da’ un 53% con un distac­co del 32% rispet­to al suo riva­le piu’ vici­no, Andy Bur­n­ham) han­no sol­le­ci­ta­to una raf­fi­ca di attac­chi da par­te di qua­si tut­ti i pro­ta­go­ni­sti del New Labour, da Tony Blair stes­so a Gor­don Bro­wn, da Jack Straw a David Blun­kett, David Mili­band e altri. Que­sti attac­chi, sono incen­tra­ti su una pre­sun­ta “ine­leg­gi­bi­li­tà” di Cor­byn alle ele­zio­ni poli­ti­che, sul­la base del ricor­do dell’ultimo ten­ta­ti­vo fal­li­to del­la sini­stra del par­ti­to, sot­to Michael Foot, nel­le ele­zio­ni del 1983, e sull’isolamento del­la Gran Bre­ta­gna dai tavo­li di pote­re inter­na­zio­na­li, nel caso di una sua vit­to­ria. Gli attac­chi che rice­ve dimo­stra­no il diva­rio dav­ve­ro incol­ma­bi­le fra Cor­byn e la gerar­chia del par­ti­to, in gran par­te anco­ra domi­na­to dal New Labour. E dimo­stra­no, altre­sì, l’iso­la­men­to di que­sta gerar­chia poli­ti­ca da un movi­men­to nuo­vo che inclu­de l’adesione di mol­ti gio­va­ni impe­gna­ti per la pri­ma vol­ta nel­la sfe­ra pub­bli­ca. Gli attac­chi dall’interno del suo stes­so par­ti­to sono sta­ti accom­pa­gna­ti da veri ten­ta­ti­vi di “smear” (infan­ga­re) la sua can­di­da­tu­re nei media, ad esem­pio, svian­do l’attenzione su pre­sun­ti lega­mi (in veri­tà solo la pre­sen­za con­tem­po­ra­nea ad even­ti poli­ti­ci) con grup­pi estre­mi­sti pale­sti­ne­si non­ché con negazionisti.

Le posi­zio­ni poli­ti­che di Cor­byn, quin­di, soprat­tut­to in mate­ria eco­no­mi­ca e negli affa­ri este­ri, rap­pre­sen­ta­no un taglio net­to agli orien­ta­men­ti gene­ra­li del New Labour ma anche rispet­to al qua­dro di con­sen­si del­la clas­se poli­ti­ca ingle­se sia con­ser­va­tri­ce sia laburista.

Si trat­ta in real­tà di uno scom­bus­so­la­men­to del­la poli­ti­ca già pre­an­nun­cia­to, però: pri­ma dal suc­ces­so ina­spet­ta­to del par­ti­to UKIP (UK Inde­pen­den­ce Par­ty) nel­le ele­zio­ni euro­pee (non con­fer­ma­to, però, nel­le ele­zio­ni poli­ti­che) e poi dall’affermazione del­lo SNP (Scot­tish Natio­nal Par­ty) con il refe­ren­dum per l’indipendenza e nel­le ele­zio­ni politiche.

La cam­pa­gna di Cor­byn apre nuo­vi sce­na­ri e sfi­da la per­ce­zio­ne del­la poli­ti­ca come sfe­ra di ammi­ni­stra­zio­ne entro para­me­tri eco­no­mi­ci e poli­ti­ci già pre­de­fi­ni­ti. Que­sto può con­tri­bui­re a spie­ga­re l’entusiasmo e l’impegno fra i gio­va­ni che sosten­go­no una poli­ti­ca for­te con una nar­ra­ti­va ben defi­ni­ta di spe­ran­za che va oltre alla costri­zio­ni dell’austerità in mate­ria eco­no­mi­ca e al con­sen­so ame­ri­ca­no in poli­ti­ca estera.

La cam­pa­gna di Cor­byn, quin­di, rap­pre­sen­ta già un even­to poli­ti­co di spic­co nel pano­ra­ma ingle­se, para­go­na­bi­le all’emergere dell’UKIP e alla cre­sci­ta del movi­men­to di indi­pen­den­za scoz­ze­se oppu­re, per quan­to riguar­da I par­ti­ti tra­di­zio­na­li, alla vit­to­ria del that­che­ri­smo nel par­ti­to con­ser­va­to­re e a quel­la di Blair e del New Labour nel par­ti­to laburista.

Le pre­vi­sio­ni sono per una vit­to­ria net­ta di Cor­byn in set­tem­bre, ma aldi­là del risul­ta­to, ciò indi­ca una novi­tà nel­la poli­ti­ca ingle­se da guar­da­re con gran­de atten­zio­ne.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.