La bandiera ammainata dell’europeista tattico

facebook-renzi-solo-italia

L’elezione di Donald Trump a Pre­si­den­te degli Sta­ti Uni­ti scon­quas­sa lo sce­na­rio poli­ti­co occi­den­ta­le. La ven­ta­ta di nazio­na­li­smo del miliar­da­rio new­yor­ke­se ha già con­ta­gia­to il nostro Pae­se, sem­pre pron­tis­si­mo a pri­meg­gia­re nel­le clas­si­fi­che di pro­vin­cia­li­smo.

Ecco, infat­ti, che all’indomani del­le ele­zio­ni USA il nostro pri­mo mini­stro si pre­sen­ta in diret­ta Face­book dal suo stu­dio con sul­lo sfon­do una sfil­za di ban­die­re ita­lia­ne, e nes­su­na ban­die­ra dell’Europa.

For­se è solo un caso, for­se qual­che com­mes­so ha dimen­ti­ca­to di riti­ra­re la ban­die­ra dal­la lavan­de­ria, o for­se, come dico­no, si trat­ta di un gesto deli­be­ra­to, pare su con­si­glio del suo guru del momen­to, Jim Messina.

Il pun­to è che la cosa, se non altro, è appar­sa vero­si­mi­le alla gran par­te del­la stam­pa ita­lia­na, e que­sto già dovreb­be dir­la lunga.

Ma sor­vo­lia­mo per un atti­mo sull’eleganza e sul­la rea­le effi­ca­cia di que­sto ten­ta­ti­vo, che ci appa­re alquan­to dispe­ra­to, di fare appeal a quel­la che i com­men­ta­to­ri defi­ni­sco­no atro­ce­men­te come “la pan­cia del Pae­se”.

Quel­lo che ci pia­ce­reb­be capi­re è qua­le sia la stra­te­gia di fon­do di Ren­zi rispet­to ai nostri rap­por­ti con il resto dei pae­si euro­pei e con le isti­tu­zio­ni comunitarie.

Uno degli argo­men­ti prin­ci­pe del Pre­si­den­te del Con­si­glio Mat­teo Ren­zi, infat­ti, è che la sua rifor­ma del­la Costi­tu­zio­ne ser­vi­reb­be a dare mag­gio­re auto­re­vo­lez­za all’Italia in Europa.

Ora, posto che noi ci per­met­te­rem­mo di avan­za­re dei dub­bi rispet­to al cre­di­to di auto­re­vo­lez­za che l’abolizione del CNEL o l’elezione al Sena­to di qual­che con­si­glie­re regio­na­le e di qual­che sin­da­co com­por­te­reb­be­ro, la doman­da che sor­ge spon­ta­nea è: a che gio­co stia­mo (sta­te) giocando?

L’autorevolezza in Euro­pa si acqui­si­sce toglien­do la ban­die­ra euro­pea dai pro­pri uffi­ci? Si acqui­si­sce con i con­ti­nui stra­li con­tro l’Europa dei tec­no­cra­ti che non si inte­res­sa del­le vere que­stio­ni che stan­no care agli ita­lia­ni (che a quan­to pare sono i finan­zia­men­ti in defi­cit del­le man­ce elet­to­ra­li)?

In que­sto come in altri fran­gen­ti, sem­bra piut­to­sto che le stra­te­gie del Pre­si­den­te Ren­zi stia­no mostran­do diver­se cre­pe.

Det­ta sem­pli­ce­men­te, fal­li­to il ten­ta­ti­vo di tro­va­re una spon­da oltre­ma­ni­ca con l’amato Came­ron immo­la­to­si sull’altare del­la bre­xit, fal­li­to il ten­ta­ti­vo di accre­di­tar­si come il più fede­le allea­to degli Sta­ti Uni­ti pun­tan­do tut­to su una nuo­va vit­to­ria dei demo­cra­ti­ci, ritro­va­to­si con pochi spa­zi nel con­te­sto euro­peo aven­do ina­spri­to il dia­lo­go con le can­cel­le­rie fran­ce­si e tede­sche e anco­ra di più con la Com­mis­sio­ne Euro­pa, il nostro pre­mier si ritro­va alquan­to iso­la­to, e sem­bra non sape­re più che pesci pigliare.

Come già det­to, però, quest’ultima tro­va­ta dif­fi­cil­men­te darà gran­di frut­ti: c’è già in Ita­lia chi sa gio­ca­re mol­to meglio di lui la par­ti­ta del nazio­na­li­smo e dell’anti­eu­ro­pei­smo.

Que­sto con­ti­nuo voler spa­ri­glia­re le car­te sta ritor­cen­do­si sem­pre più con­tro il gran­de comu­ni­ca­to­re, che oltre all’autorevolezza in Euro­pa, rischia di gio­car­si anche quel­la rima­sta­gli in Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.