I deboli, il jobs act e “l’opzione aziendale”

È dav­ve­ro diver­ten­te fare poli­ti­ca in Ita­lia nel 2014. Può capi­ta­re ad esem­pio di discu­te­re di una rifor­ma, il cosid­det­to “jobs act”, appro­va­ta in sena­to con voto di fidu­cia, che però con­ti­nua a cam­bia­re, riser­van­do sor­pre­se e novità.

L’ultima del­la serie è emer­sa da un’inter­vi­sta del respon­sa­bi­le eco­no­mi­co del PD Filip­po Tad­dei, nel­la qua­le si con­fer­ma che, este­so il rein­te­gro a casi spe­ci­fi­ci (tut­ti da indi­vi­dua­re ovvia­men­te e con un esem­pio piut­to­sto infe­li­ce) di licen­zia­men­to disci­pli­na­re, fra le scel­te in cam­po c’è anche quel­la del­la cosid­det­ta “opzio­ne azien­da­le”, cioè, come da pre­ci­sa doman­da, la pos­si­bi­li­tà che, “in caso di rein­te­gro, l’a­zien­da pos­sa dire di no pagan­do un inden­niz­zo più alto”.

Ora, anche al let­to­re più disin­for­ma­to appa­re evi­den­te che una simi­le “opzio­ne”, se anco­ra ce ne fos­se biso­gno visto lo svuo­ta­men­to sostan­zia­le del­la tute­la rea­le con la pos­si­bi­li­tà di licen­zia­men­to ille­git­ti­mo libe­ro se adot­ta­to con moti­va­zio­ne eco­no­mi­ca, met­te defi­ni­ti­va­men­te la paro­la fine su qual­sia­si pos­si­bi­li­tà di rein­te­gro, si ricor­da, sem­pre in caso di licen­zia­men­to illegittimo.

Ma per capi­re meglio la por­ta­ta, soprat­tut­to socia­le e poli­ti­ca, del­la novi­tà biso­gna fare un velo­ce ripas­so del­la materia.

Pri­ma dei cor­ret­ti­vi appor­ta­ti dal­la cosid­det­ta rifor­ma For­ne­ro, a gran­di linee la disci­pli­na dei licen­zia­men­ti, nel com­bi­na­to dispo­sto del­la leg­ge n. 604/66 e n. 300/70 (Sta­tu­to dei Lavo­ra­to­ri), e suc­ces­si­ve modi­fi­ca­zio­ni, fun­zio­na­va più o meno così. Il Legi­sla­to­re ave­va divi­so le impre­se in pic­co­le, e medio gran­di, con il discri­mi­ne dei 15 dipen­den­ti nel­le sin­go­le uni­tà pro­dut­ti­ve e dei 60 nel complesso.

Tut­ta­via, nono­stan­te si par­li sem­pre di liber­tà di licen­zia­men­to da par­te del­le pic­co­le impre­se, in real­tà l’art. 8 del­la L. 604/66 dispo­ne­va che l’imprenditore, accer­ta­ta da un giu­di­ce l’illegittimità del licen­zia­men­to, doves­se pro­ce­de­re alla rias­sun­zio­ne del dipen­den­te oppu­re potes­se in alter­na­ti­va paga­re un’indennità eco­no­mi­ca. La scel­ta, quin­di l’opzione, spet­ta­va in quel caso al dato­re di lavoro.

Inve­ce, per le impre­se medio gran­di, l’art. 18 del­lo Sta­tu­to pre­ve­de­va, sem­pre in caso di accer­ta­ta ille­git­ti­mi­tà del licen­zia­men­to, la rein­te­gra­zio­ne nel posto di lavo­ro, oltre al risar­ci­men­to del dan­no, con un mini­mo di 5 men­si­li­tà. Tut­ta­via il lavo­ra­to­re pote­va opta­re per la riso­lu­zio­ne del rap­por­to, rice­ven­do una ulte­rio­re inden­ni­tà di 15 mensilità.

In que­sto con­te­sto è arri­va­ta la rifor­ma For­ne­ro, che ha ridot­to al mini­mo le pos­si­bi­li­tà di rein­te­gra­zio­ne, e ha atte­nua­to, sem­pre in caso di rein­te­gro, il risar­ci­men­to del dan­no, ad ecce­zio­ne del licen­zia­men­to discri­mi­na­to­rio (cioè, per capir­ci, quel­lo indi­mo­stra­bi­le) per il qua­le è rima­sta in vigo­re la mede­si­ma nor­ma­ti­va sopra citata.

Quin­di, rias­su­men­do, per tira­re le fila, lo sche­ma del­le tute­le (?) futu­re potreb­be esse­re questo:

  • licen­zia­men­to eco­no­mi­co ille­git­ti­mo: libe­ro, con paga­men­to di indennità,
  • licen­zia­men­to disci­pli­na­re ille­git­ti­mo: rein­te­gro solo in casi spe­ci­fi­ci da indi­vi­dua­re, ma pos­si­bi­li­tà per il dato­re di evi­ta­re il rein­te­gro pagan­do un inden­niz­zo maggiore,
  • licen­zia­men­to discri­mi­na­to­rio: tute­la rea­le ante For­ne­ro, si spe­ra sen­za opzio­ne azien­da­le, ma, si ricor­da, som­mes­sa­men­te, solo ove l’imprenditore sia così sprov­ve­du­to da non addur­re moti­va­zio­ni eco­no­mi­che, che, affian­can­do­si alla discri­mi­na­zio­ne, per giu­ri­spru­den­za costan­te ren­do­no legit­ti­ma l’interruzione del rapporto.

lavoratori-lego

Tor­nan­do al tema, e rive­den­do la nor­ma­ti­va pre­ce­den­te, non può sfug­gi­re il “cam­bio di verso”.

L’opzione azien­da­le, anche se non si chia­ma­va in modo così gan­zo e moder­no, era pre­ro­ga­ti­va del pic­co­lo impren­di­to­re, anche in caso di ille­git­ti­mi­tà del licen­zia­men­to, men­tre quan­do era­no le impre­se medio-gran­di a licen­zia­re, sem­pre ille­git­ti­ma­men­te, sta­va al lavo­ra­to­re deci­de­re se rien­tra­re in azien­da oppu­re otte­ne­re una inden­ni­tà pre­fis­sa­ta, quin­di eser­ci­ta­re l’opzione. Que­sto gene­ra­va un siste­ma bilan­cia­to di reci­pro­che tute­le rap­por­ta­to alle dimen­sio­ni dell’impresa.

L’opzione azien­da­le este­sa a tut­te le impre­se indi­pen­den­te­men­te dal­la loro dimen­sio­ne, oltre a chiu­de­re in modo tom­ba­le ogni pos­si­bi­li­tà di rein­te­gro, rap­pre­sen­ta il defi­ni­ti­vo e for­ma­le abban­do­no del­la con­ce­zio­ne del lavo­ra­to­re come par­te debo­le mag­gior­men­te garan­ti­ta, per affer­ma­re quel­la del lavo­ra­to­re come par­te debo­le tout court.

Non c’è nes­su­na giu­sti­fi­ca­zio­ne di siste­ma a que­sta impo­sta­zio­ne, posto che è paci­fi­ca (e soste­nu­ta fino a ieri dal­lo stes­so pre­mier) l’assoluta inin­fluen­za del­la disci­pli­na dei licen­zia­men­ti sull’economia, sugli inve­sti­men­ti este­ri, sul­la ripre­sa. L’unica giu­sti­fi­ca­zio­ne è poli­ti­ca e socia­le.  È, o meglio potreb­be esse­re, il trion­fo di chi si può per­met­te­re di anda­re a cena col pre­mier per 1000 euro nei con­fron­ti di chi con 1000 euro deve man­gia­re per un mese, per dir­la alla Landini.

Il trion­fo di chi a que­ste cene ha ascol­ta­to l’anfitrione pro­nun­cia­re fra­si come “noi vi dicia­mo che il prin­ci­pio del rein­te­gro è assur­do, vi dicia­mo che la rifor­ma del lavo­ro e dell’articolo 18 ser­vo­no anche per­ché i giu­di­ci devo­no fare i giu­di­ci e gli impren­di­to­ri devo­no fare gli impren­di­to­ri”, ed ha applau­di­to fino a spel­lar­si le mani.

E pur­trop­po l’anfitrione, la star del­la sera­ta, è anche il segre­ta­rio di quel­lo che dovreb­be esse­re un par­ti­to anche di sini­stra, alme­no un po’, ed inve­ce è pro­prio il par­ti­to che sta spo­stan­do equi­li­bri socia­li, già pre­ca­ri a cau­sa del­la cri­si, dal­la par­te del più for­te, che casual­men­te sta a destra.

For­se, per chi si defi­ni­sce “di sini­stra” e non ha anco­ra capi­to o si rifiu­ta pro­prio di capi­re cosa stia suc­ce­den­do, è il caso di apri­re gli occhi di fron­te alla real­tà: #èpos­si­bi­le, basta un movi­men­to del­le pal­pe­bre ver­so l’alto.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.