HUB Mattei: la ristrutturazione dei diritti

«I pullman dovrebbero arrivare questo pomeriggio e noi siamo qui ad aspettarli. Ieri il vicario del prefetto ha comunicato che la decisione arriva dall'alto e che quindi è immodificabile». A raccontarmi quel che sta succedendo fuori dal cosiddetto "Hub Mattei" di Bologna  è Francesca Zalambani

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«I pull­man dovreb­be­ro arri­va­re que­sto pome­rig­gio e noi sia­mo qui ad aspet­tar­li. Ieri il vica­rio del pre­fet­to ha comu­ni­ca­to che la deci­sio­ne arri­va dal­l’al­to e che quin­di è immo­di­fi­ca­bi­le». A rac­con­tar­mi quel che sta suc­ce­den­do fuo­ri dal cosid­det­to “Hub Mat­tei” di Bolo­gna  è Fran­ce­sca Zalam­ba­ni, che nel­l’­hub ci ha lavo­ra­to fino a set­ti­ma­na scor­sa come ope­ra­tri­ce lega­le e che ora, insie­me a tan­ti altri, è in pre­si­dio all’e­ster­no del cen­tro. Fran­ce­sca rac­con­ta di aver appre­so la noti­zia del­la chiu­su­ra del cen­tro, e del­le con­se­guen­ti depor­ta­zio­ni degli ospi­ti e dei licen­zia­men­ti degli ope­ra­to­ri, leg­gen­do una locan­di­na, fuo­ri da un’edicola.

Ma cos’è l’Hub Mat­tei? Fran­ce­sca lo rac­con­ta sul suo blog:

L’HUB si tro­va in via Mat­tei n.60 a Bolo­gna, da qui il nome. Da fuo­ri sem­bra un car­ce­re. C’è un can­cel­lo alto tan­ti metri che si apre solo dal­la guar­dio­la del­la poli­zia situa­ta all’interno, ci sono le sbar­re e c’è il filo spi­na­to. Sul­la sini­stra però c’è anche una por­ta da cui le per­so­ne pos­so­no entra­re ed usci­re. Quin­di anche se da fuo­ri può sem­bra­re un car­ce­re, non lo è più.

L’Hub Mat­tei, infat­ti, è nato come Cen­tro di Iden­ti­fi­ca­zio­ne e Espul­sio­ne (CIE, poi diven­ta­ti Cen­tri di Per­ma­nen­za per il Rim­pa­trio) ed è sta­to chiu­so nel 2013 «per varie ragio­ni tra cui il fat­to che i rim­pa­tri non si rie­sco­no a fare (non per iner­zia ma per­ché è impos­si­bi­le far­li) e per le ripe­tu­te denun­ce con­tro le vio­la­zio­ni siste­ma­ti­che dei dirit­ti uma­ni avve­nu­te in que­sti luoghi».

Poi nel 2014 arri­va la cosid­det­ta Emer­gen­za Nord Afri­ca: il cen­tro vie­ne ria­per­to ma la sua natu­ra si ribal­ta e diven­ta un HUB. Hub in ingle­se signi­fi­ca cen­tro ma anche pun­to di sno­do che uni­sce arri­vi e par­ten­ze da e per altri luo­ghi diver­si per un perio­do di tem­po limi­ta­to. […] Pra­ti­ca­men­te le per­so­ne sbar­ca­no, alcu­ne ven­go­no por­ta­te a Bolo­gna, stan­no all’HUB pochis­si­mo tem­po – a vol­te meno di 48h – e poi ven­go­no tra­sfe­ri­te nei veri cen­tri di accoglienza.

La sto­ria, però, non è fini­ta: «a segui­to del calo degli sbar­chi e del­le nuo­ve poli­ti­che di gestio­ne del­la que­stio­ne asi­lo (sia di destra che di sini­stra), la per­ma­nen­za del­le per­so­ne all’HUB ave­va ini­zia­to a pro­lun­gar­si anche per mesi ed era sta­to neces­sa­rio garan­ti­re dei ser­vi­zi in più, come quel­lo lega­le per l’appunto». «Ci sono per­so­ne — mi spie­ga Lucio Cavaz­zo­ni — che si tro­va­no all’­Hub da un anno, un anno e mez­zo, in atte­sa di un respon­so sul loro sta­tus e che nel frat­tem­po si sono inte­gra­te, lavo­ra­no, van­no a scuo­la».  E così, a mar­zo del 2019, arri­va quel­lo che sem­bra esse­re un pun­to di svol­ta: vie­ne pub­bli­ca­to il ban­do di gara che avreb­be dovu­to san­ci­re, a par­ti­re dal pri­mo luglio, la tra­sfor­ma­zio­ne a tut­ti gli effet­ti del­l’­Hub in un Cen­tro di Acco­glien­za Straor­di­na­ria (CAS), isti­tu­zio­na­liz­zan­do una for­ma di acco­glien­za pro­lun­ga­ta sul territorio.

In que­ste ore, ora­mai al ter­mi­ne del­la pro­ce­du­ra di asse­gna­zio­ne, è arri­va­ta la deci­sio­ne impre­vi­sta e improv­vi­sa di ristrut­tu­ra­re con urgen­za il cen­tro e, per­ciò, di espel­le­re le per­so­ne che vi risie­do­no: due nuclei fami­lia­ri e alcu­ne ragaz­ze «ver­ran­no tra­sfe­ri­ti in strut­tu­re loca­li men­tre la mag­gior par­te degli ospi­ti, 144 uomi­ni di età dai 18 anni in su, saran­no tra­sfe­ri­ti a Cal­ta­ni­set­ta, che non è pro­prio die­tro l’angolo». Una deci­sio­ne che, come dice­va­mo, coin­vol­ge anche 35 per­so­ne che per­de­ran­no il lavo­ro con una set­ti­ma­na di pre­av­vi­so.

«E’ chia­ra­men­te una scel­ta poli­ti­ca», mi dice Fran­ce­sca. «Gli oltre 170 ragaz­zi ad oggi ospi­ta­ti al Mat­tei — spie­ga Bolo­gna Pos­si­bi­le — sono inte­gra­ti in cit­tà gra­zie al lavo­ro e vici­nan­za di chi li assi­ste in diver­se atti­vi­tà in cit­tà: scuo­la, lavo­ro, for­ma­zio­ne, socia­liz­za­zio­ne. Han­no già radi­ci in Bolo­gna e ver­ran­no depor­ta­ti da un gior­no all’altro a Cal­ta­nis­set­ta. Signi­fi­ca distrug­ge­re con un solo atto gra­tui­to le loro nuo­ve gio­va­ni radi­ci e tut­ti gli sfor­zi di adat­ta­men­to». Anche Lucio Cavaz­zo­ni è d’ac­cor­do: «Sono di fat­to depor­ta­zio­ni al con­fi­ne sen­za che ce ne sia alcu­na neces­si­tà: cosa andran­no a fare que­ste deci­ne di per­so­ne in una caser­ma a Cal­ta­nis­set­ta? Le man­dia­mo lì a soprav­vi­ve­re».

«Chi non vuo­le par­ti­re per Cal­ta­nis­set­ta — spie­ga­no le lavo­ra­tri­ci e i lavo­ra­to­ri — si tro­va costret­to a dover rinun­cia­re all’ac­co­glien­za e a rima­ne­re sul ter­ri­to­rio di Bolo­gna sen­za nes­su­na tute­la». Per que­ste ragio­ni, in que­ste ore, le reti per l’ac­co­glien­za si stan­no mobi­li­tan­do. Per offri­re acco­glien­za — cer­ta­men­te — ma, soprat­tut­to, per garan­ti­re dirit­ti e per oppor­si a una scel­ta che non ha alcu­na logi­ca, come non può ave­re alcu­na logi­ca spo­sta­re for­za­ta­men­te del­le per­so­ne che stan­no cer­can­do di costrui­re il pro­prio futu­ro in un deter­mi­na­to luo­go e, al con­tem­po, com­pro­met­ten­do la situa­zio­ne lavo­ra­ti­va del­le ope­ra­tri­ci e degli operatori.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui