#GiornatadellaTerra: cosa è cambiato (e cosa no) in cinquant’anni

E il 2020, che anno sarà? Rimarrà solo l'anno della grande pandemia, della crisi sanitaria ed economica, o sarà l'occasione di ripensare il modo di produrre, consumare e vivere in un Pianeta limitato ed estremamente fragile (almeno quanto lo siamo noi)?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il 22 apri­le 1970 si cele­bra­va la pri­ma gior­na­ta del­la Ter­ra, con qua­si 20 milio­ni di mani­fe­stan­ti negli USA, per chie­de­re la tute­la del­l’am­bien­te. Un’ur­gen­za già al tem­po che, col pas­sa­re degli anni (50 ora­mai), è diven­ta­ta col­las­so cli­ma­ti­co. Allo­ra la popo­la­zio­ne mon­dia­le con­ta­va 3,7 miliar­di di per­so­ne. Un lun­go per­cor­so a tap­pe ver­so il Gol­go­ta del­l’u­ma­ni­tà. Una stra­da a sen­so uni­co che si è fat­ta via via più ripi­da e che rischia di diven­ta­re let­te­ra­men­te un muro sul qua­le schian­tar­ci appe­na un atti­mo dopo aver tar­di­va­men­te pro­va­to a ster­za­re. Par­tia­mo dal 1971 anno in cui il lupo, in Ita­lia pros­si­mo all’e­stin­zio­ne, vie­ne inse­ri­to fra le spe­cie da tute­la­re. L’an­no dopo negli USA, anche gra­zie al libro di denun­cia ‘Pri­ma­ve­ra silen­zio­sa’, vie­ne mes­so al ban­do il DDT in quan­to peri­co­lo­so per l’uo­mo, la fau­na e l’am­bien­te. Sem­pre nel 1972, il Mari­ne Mam­mal Pro­tec­tion Act tute­la bale­ne, del­fi­ni, foche e laman­ti­ni dal­la cac­cia. Ma è soprat­tut­to l’an­no in cui vie­ne pub­bli­ca­to il rap­por­to “I limi­ti del­lo svi­lup­po” a cura del Club di Roma: dove si sot­to­li­nea­no l’au­men­to incon­trol­la­to del­la popo­la­zio­ne e quel­lo dei con­su­mi che por­ta­no alla dimi­nu­zio­ne del­le risor­se natu­ra­li, all’au­men­to del­l’in­qui­na­men­to e al cam­bio cli­ma­ti­co. Rap­por­to ripre­so, ven­t’an­ni dopo, anche da Sar­to­ri e Maz­zo­le­ni ne ‘La Ter­ra scop­pia. Sovrap­po­po­la­zio­ne e svi­lup­po’. Nel 1973 vie­ne sigla­ta a Washing­ton la Con­ven­zio­ne Cites (che anno­ve­ra oggi fra i rati­fi­ca­to­ri ben 182 Sta­ti) per rego­la­men­ta­re il com­mer­cio di fau­na e flo­ra sel­va­ti­che a rischio estin­zio­ne. Si sa, insie­me ai pic­co­li pas­si fat­ti in avan­ti (sem­pre trop­po timi­di e mol­ti meno di quan­to sareb­be­ro sta­ti neces­sa­ri) ci sono sta­ti ampi arre­tra­men­ti lega­ti a disa­stri natu­ra­li e altri meno natu­ra­li, a vol­te col­po­si altre vol­te dolo­si. Così nel 1976 arri­va l’in­ci­den­te del­lo sta­bi­li­men­to chi­mi­co di Seve­so, dove miglia­ia di per­so­ne sono sta­te espo­ste a livel­li di dios­si­na record. Nel 1978 è la col­li­sio­ne del­la petro­lie­ra Amo­co Cadiz sul­le coste del­la Bre­ta­gna a cau­sa­re, con lo sver­sa­men­to di oltre 230 mila ton­nel­la­te di greg­gio in mare, uno dei disa­stri natu­ra­li più gra­vi del­la sto­ria. L’an­no seguen­te alla cen­tra­le ato­mi­ca di Three Mile Island (Penn­syl­va­nia) un inci­den­te sen­za vit­ti­me ini­zia a far cre­sce­re anche negli Sta­ti Uni­ti un sen­ti­men­to di avver­sio­ne per l’e­ner­gia nuclea­re. For­tu­na­ta­men­te il 1979 può esse­re ricor­da­to anche per la con­ven­zio­ne inter­na­zio­na­le di Gine­vra che, in segui­to all’al­lar­me lan­cia­to per i dan­ni subi­ti dal­le fore­ste a cau­sa del­le piog­ge aci­de, limi­ta le emis­sio­ni di zol­fo dal­le indu­strie, raf­fi­ne­rie e cen­tra­li ter­moe­let­tri­che (ridu­cen­do­le del 70% dal 1980) e degli ossi­di di azo­to (cala­ti del 25% fra il ’90 e gli anni 2000). Nel 1985 vie­ne intro­dot­ta in Ita­lia la leg­ge 431 (Leg­ge Galas­so) con una nor­ma­ti­va strin­gen­te a tute­la dei beni pae­sag­gi­sti­ci e ambien­ta­li. Del­lo stes­so anno è la sco­per­ta del buco del­l’o­zo­no, cau­sa­to prin­ci­pal­men­te dai clo­ro­fluo­ro­car­bu­ri, vie­ne osser­va­to l’as­so­ti­glia­men­to del­lo stra­to di O3 sul­l’An­tar­ti­de, solo due anni dopo ver­rà rati­fi­ca­to il Pro­to­col­lo di Mon­treal con il qua­le tut­te le nazio­ni si impe­gna­no a ridur­re le emis­sio­ni del­le sostan­ze che dan­neg­gia­no l’o­zo­no. Nel 1986 è isti­tui­to il NOE, il repar­to dei Cara­bi­nie­ri spe­cia­liz­za­to nel­la tute­la del­l’am­bien­te, con­tro gli abu­si edi­li­zi e l’in­qui­na­men­to. Nel 1986 c’è l’e­splo­sio­ne del reat­to­re del­la cen­tra­le ato­mi­ca di Cher­no­byl, con l’e­va­cua­zio­ne di cir­ca 2800 chi­lo­me­tri qua­dra­ti, le con­se­guen­ze sul­la popo­la­zio­ne espo­sta alla nube radioat­ti­va, che si fa sen­ti­re anche sul­le nuo­ve gene­ra­zio­ni, e le rica­du­te sul­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca e con­se­guen­te­men­te sul­le futu­re poli­ti­che ener­ge­ti­che di tut­to il mon­do. Del 1988 si ricor­da l’i­sti­tu­zio­ne del Par­co Nazio­na­le del Pol­li­no fra Cala­bria e Basi­li­ca­ta, il più este­so dei 25 par­chi nazio­na­li d’I­ta­lia. E’ anche l’an­no in cui il cli­ma­to­lo­go del­la Nasa James Han­sen par­la al Con­gres­so USA cir­ca l’ef­fet­to dei gas ser­ra, cioè l’ef­fet­to cli­mal­te­ran­te del­l’a­ni­dri­de car­bo­ni­ca emes­sa dai com­bu­sti­bi­li fos­si­li. Nel 1989 un’al­tro disa­stro: la petro­lie­ra Exxon Val­dez per­de 42 mila litri di greg­gio in Ala­ska. Gli anni ’90 ini­zia­no in modo pro­met­ten­te: pri­ma il ban­do inter­na­zio­na­le sul com­mer­cio del­l’a­vo­rio che sal­va gli ele­fan­ti dal­l’e­stin­zio­ne, ini­zia l’in­ter per la nasci­ta del­l’a­rea pro­tet­ta del Tir­re­no fra Ita­lia, Fran­cia e Prin­ci­pa­to di Mona­co (San­tua­rio mari­no Pela­gos). Soprat­tut­to vie­ne pub­bli­ca­to il pri­mo rap­por­to del­l’I­PCC con le pro­ie­zio­ni sul­l’an­da­men­to del ‘glo­bal war­ming’. Nel 1991, alla fine del­la guer­ra del Gol­fo, l’I­raq incen­dia bel 600 poz­zi petro­li­fe­ri in Kuwait. Nel ’92 al Rio Earth Sum­mer vie­ne lan­cia­ta l’A­gen­da 21, un pia­no d’a­zio­ne per la soste­ni­bi­li­tà su sca­la loca­le e glo­ba­le. Dal 1995 cre­sce a dismi­su­ra il tas­so di defo­re­sta­zio­ne del­la fore­sta amaz­zo­ni­ca per rica­var­ne pasco­li per il bestia­me, è gran­de la richie­sta di car­ne bovi­na in un mon­do che vede cam­bia­re anche le abi­tu­di­ni ali­men­ta­ri e il Bra­si­le ne è uno dei mag­gio­ri espor­ta­to­ri. Nel ’96 negli USA si fer­ma la ven­di­ta di ben­zi­na Super impo­sto dal­l’al­lar­me sui qua­ti­ta­ti­vi di piom­bo nel san­gue, un paio d’an­ni più tar­di toc­che­rà all’UE. Il 1997 è inve­ce l’an­no del Pro­to­col­lo di Kyo­to, con il qua­le l’U­nio­ne Euro­pea più 37 nazio­ni s’im­pe­gna­no a ridur­re le emis­sio­ni di CO2 (gli USA però, all’e­po­ca pri­mi pro­dut­to­ri mon­dia­li di gas ser­ra, non rati­fi­ca­no l’ac­cor­do). Lo stes­so anno si evi­den­zia una stra­ge di anfi­bi cau­sa­ta da un fun­go (il chi­tri­de) dif­fu­so dal­l’uo­mo: i ricer­ca­to­ri han­no con­ta­to, ad oggi, l’e­stin­zio­ne di 90 spe­cie di anfi­bi a cau­sa del pato­ge­no. Ma il ’97 è anche ricor­da­to per il decre­to Ron­chi sui rifiu­ti per ridur­ne la quan­ti­tà e incen­ti­var­ne il recu­pe­ro e il rici­clo. Negli anni 2000 la Nasa docu­men­ta la rot­tu­ra del­la piat­ta­for­ma di ghiac­cio Lar­sen B in Antar­ti­de (2002), cir­ca 3250 chi­lo­me­tri qua­dra­ti di ghiac­cio, arri­va il pri­mo con­to ener­gia foto­vol­tai­co, l’in­tro­du­zio­ne di incen­ti­vi alla pro­du­zio­ne di ener­gia foto­vol­tai­ca (2005), arri­va l’ura­ga­no Katri­na che deva­sta New Orleans e cau­sa 1833 vit­ti­me (sem­pre nel 2005), esce nel 2006 il film di Al Gore ‘Una sco­mo­da veri­tà’ che vin­ce l’O­scar del miglior docu­men­ta­rio e che con­tri­bui­sce alla sen­si­bi­liz­za­zio­ne del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci (anche se non por­ta a poli­ti­che con­se­guen­ti), nel­lo stes­so anno è la sin­dro­me del naso bian­co a ucci­de­re milio­ni di pipi­strel­li di varie spe­cie (anche que­sta cau­sa­ta da un fun­go), così come si ini­zia­no a regi­stra­re ‘miste­rio­se’ scom­par­se di api, in tut­to il mon­do, con il fina­le col­las­so di mol­te colo­nie (leg­ge­te una del­le ulti­me edi­zio­ni de ‘Le api’ di Alber­to Con­tes­si). Nel 2008 c’è il Pac­chet­to UE 20–20-20, la diret­ti­va euro­pea che fis­sa gli obiet­ti­vi ener­ge­ti­ci per il 2020, con la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni e dei con­su­mi del 20% e il rag­giun­gi­men­to del 20% come quo­ta di pro­du­zio­ne di ener­gia da fon­ti rin­no­va­bi­li. Però è nel­la secon­da deca­de del seco­lo che si regi­stra un’e­sca­la­tion dram­ma­ti­ca, dal 2010 con l’e­splo­sio­ne del­la piat­ta­for­ma petro­li­fe­ra Dee­p­wa­ter Hori­zon nel gol­fo del Mes­si­co, 11 ope­rai per­do­no la vita e 490 milio­ni di litri di greg­gio fini­sco­no in mare cau­san­do uno dei disa­stri natu­ra­li più gra­vi del­la sto­ria sta­tu­ni­ten­se. Nel 2011 un sisma al lar­go del Giap­po­ne cau­sa uno tsu­na­mi, oltre a por­ta­re mor­te e deva­sta­zio­ne pro­vo­ca la par­zia­le fusio­ne di tre reat­to­ri del­la cen­tra­le di Fuku­shi­ma, con una rile­van­te disper­sio­ne di mate­ria­le radioat­ti­vo. Il 2012 è l’an­no del­l’ura­ga­no San­dy che lascia die­tro a sé, solo a New York, dan­ni per 73 miliar­di di dol­la­ri. In set­tem­bre si la ban­chi­sa arti­ca rag­giun­ge il mini­mo sto­ri­co di esten­sio­ne. Final­men­te arri­va il 2015 con l’Ac­cor­do di Pari­gi: 195 Sta­ti pro­met­to­no di impe­gnar­si per con­te­ne­re l’au­men­to del riscal­da­men­to glo­ba­le sot­to di due gra­di cen­ti­gra­di, anche se mol­ti Pae­si pre­ve­do­no tagli alle emis­sio­ni che non per­met­te­ran­no di rag­giun­ge­re l’o­biet­ti­vo. Nel 2017, appe­na elet­to, Trump riti­ra gli USA dal­l’ac­cor­do. Nel 2016 per il cal­do si rom­pe la piat­ta­for­ma Lar­sen C. Lo stes­so anno si estin­gue il pri­mo mam­mi­fe­ro a cau­sa del cli­ma: il Melo­nys rubi­co­la, un rodi­to­re austra­lia­no. Nel 2018 la popo­la­zio­ne mon­dia­le rag­giun­ge quo­ta 7,6 miliar­di. Lo scor­so anno è sta­to quel­lo degli scio­pe­ri per il cli­ma, i Fri­days for Futu­re lan­cia­ti dal­l’at­ti­vi­sta sve­de­se Gre­ta Thun­berg, ma anche quel­lo del­lo stop alla pla­sti­ca monou­so (la diret­ti­va UE che ne vie­ta la ven­di­ta dal 2021), l’an­no degli inar­re­sta­bi­li incen­di nel­la fore­sta Amaz­zo­ni­ca, del miliar­do di ani­ma­li mor­ti negli incen­di in Austra­lia. E il 2020, che anno sarà? Rimar­rà solo l’an­no del­la gran­de pan­de­mia, del­la cri­si sani­ta­ria ed eco­no­mi­ca, o sarà l’oc­ca­sio­ne di ripen­sa­re il modo di pro­dur­re, con­su­ma­re e vive­re in un Pia­ne­ta limi­ta­to ed estre­ma­men­te fra­gi­le (alme­no quan­to lo sia­mo noi)?[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.