Dopo la prof, le magistrate

Il nostro dovere, come cittadini, è sempre e comunque quello di difendere lo Stato di Diritto, il nostro sistema giudiziario, la nostra Costituzione, perché se salta il sistema salta, e vale, tutto. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Bei tem­pi quel­li in cui i dos­sier sui magi­stra­ti, rei di aver pro­nun­zia­to sen­ten­ze sgra­di­te, si limi­ta­va­no al colo­re tur­che­se dei cal­zi­ni e anda­va­no in onda sul­le tv berlusconiane.

Il gover­no del cam­bia­men­to, di cui sono respon­sa­bi­li in egua­le misu­ra la Lega di Sal­vi­ni e il M5S del­la piat­ta­for­ma Rous­seau, ci ha rega­la­to un note­vo­le cam­bio di pas­so. Il mini­ste­ro dell’Interno, infat­ti, nell’annunciare legit­ti­me impu­gna­zio­ni giu­ri­sdi­zio­na­li avver­so le pro­nun­zie del TAR di Firen­ze e dei tri­bu­na­li civi­li di Firen­ze e Roma, che ave­va­no accol­to ricor­si rispet­ti­va­men­te sul­le cosid­det­te zone ros­se e sull’iscrizione degli stra­nie­ri al regi­stro ana­gra­fi­co, in sen­so oppo­sto ai desi­de­ra­ta del mini­ste­ro stes­so, ha richie­sto all’Avvocatura del­lo Sta­to di veri­fi­ca­re se le tre magi­stra­te coin­vol­te non aves­se­ro dovu­to aste­ner­si poi­ché, a segui­to di un accu­ra­to dos­sie­rag­gio sul­le loro appa­ri­zio­ni pub­bli­che e sul­le espres­sio­ni pub­bli­che del loro pen­sie­ro, sareb­be emer­so che non sono d’accordo con il gover­no sul tema dell’immigrazione.

Imma­gi­no che stia­no pio­ven­do ras­si­cu­ra­zio­ni sul­la tenu­ta del nostro siste­ma demo­cra­ti­co dagli intel­let­tua­li che han­no dife­so a spa­da trat­ta gli edi­to­ri lega­ti a Casa­pound in occa­sio­ne del Salo­ne del Libro, sem­pre mol­to atten­ti a difen­de­re la liber­tà di pen­sie­ro (dei fasci­sti, però) e nel­lo stes­so tem­po a nega­re qual­si­vo­glia deri­va autoritaria.

Per ingan­na­re l’attesa for­se è oppor­tu­no inter­ro­gar­si sul­la gra­vi­tà di quan­to sta acca­den­do e sul per­ché sia gra­ve. E non per difen­de­re gene­ri­ca­men­te una cate­go­ria, i magi­stra­ti, che sono per­so­ne e in quan­to tali sba­glia­no, anche, a quan­to pare, all’interno dei supre­mi orga­ni del loro auto­go­ver­no, oppu­re indi­vi­dual­men­te le giu­di­ci coin­vol­te, che sapran­no far­lo da sole, ma per difen­de­re, come sem­pre, i dirit­ti di tut­ti noi come cri­stal­liz­za­ti nel­la Costituzione.

Per difen­de­re l’art. 101, dove dice che i giu­di­ci sono sog­get­ti sol­tan­to alla leg­ge e non cer­to al mini­ste­ro dell’Interno o al Gover­no.

Per difen­de­re l’art. 104 che ugual­men­te ricor­da come la Magi­stra­tu­ra costi­tui­sca un ordi­ne auto­no­mo e indi­pen­den­te da ogni altro potere.

Per difen­de­re, pri­ma anco­ra, l’art. 21, dove dice che tut­ti han­no dirit­to di mani­fe­sta­re libe­ra­men­te il pro­prio pen­sie­ro con la paro­la, lo scrit­to e ogni altro mez­zo di dif­fu­sio­ne. Un rapi­do esa­me del­le nor­me fon­dan­ti del nostro ordi­na­men­to repub­bli­ca­no dovreb­be far capi­re al mini­stro pro tem­po­re che nel “tut­ti” dell’art. 21 sono com­pre­si anche i magi­stra­ti, e che que­sta liber­tà di pen­sie­ro non può esse­re mes­sa in cor­re­la­zio­ne ai loro prov­ve­di­men­ti, che devo­no esse­re for­mu­la­ti secon­do la legge.

Ciò signi­fi­ca che il loro pen­sie­ro per­so­na­le, anche se espres­so pub­bli­ca­men­te, è irri­le­van­te, poi­ché è sem­pre il siste­ma giu­di­zia­rio, con le impu­gna­zio­ni, che deci­de se le sen­ten­ze sono emes­se secon­do la leg­ge. Non lo deci­de il mini­stro pro tem­po­re, non lo deci­do­no i suoi fun­zio­na­ri, non lo deci­de l’Avvocatura del­lo Stato.

Anzi, l’attività di dos­sie­rag­gio, che ha lo sco­po impli­ci­to di addi­ta­re tre per­so­ne al pub­bli­co ludi­brio dei fans del mini­stro pro tem­po­re, ove effet­tua­ta dal mini­ste­ro, vista la sua evi­den­te illi­cei­tà, dovreb­be esse­re inve­ce posta al vaglio del­la Cor­te dei Con­ti.

Tut­to que­sto, però, ci dice che stia­mo caden­do sem­pre più in bas­so, che l’asticella dei dirit­ti fon­da­men­ta­li si abbas­sa sem­pre di più, che c’è un mini­stro (pro tem­po­re, ricor­dia­mo­lo) che pen­sa che non si pos­sa non esse­re d’accordo con il suo gover­no, anche se legi­fe­ra male (soprat­tut­to tec­ni­ca­men­te, basta vede­re le nor­me sul­la legit­ti­ma dife­sa), sia che ciò riguar­di il prov­ve­di­men­to di una giu­di­ce a Firen­ze o a Bolo­gna, oppu­re il lavo­ro di una pro­fes­so­res­sa e dei suoi alun­ni a Palermo.

Il nostro dove­re, come cit­ta­di­ni, è sem­pre e comun­que quel­lo di difen­de­re lo Sta­to di Dirit­to, il nostro siste­ma giu­di­zia­rio, la nostra Costi­tu­zio­ne, per­ché se sal­ta il siste­ma sal­ta, e vale, tut­to. Intel­let­tua­li per­met­ten­do, ovviamente.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?