Dite la vostra. La città del presente e del futuro, nelle risposte di chi la vive

Vogliamo provare a coinvolgere direttamente le persone nella vita collettiva, renderli parte di discussioni e scelte, senza aspettare che sia qualcuno ad agire per loro ma stimolando ciascuno e ciascuna ad occuparsi di un pezzettino di città, di noi tutti, del bene comune.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]A otto­bre 2018 abbia­mo lan­cia­to un que­stio­na­rio su For­lì e uno su Cese­na per chie­de­re alle per­so­ne come vivo­no la cit­tà del pre­sen­te e come imma­gi­na­no quel­la del futu­ro. Il que­stio­na­rio toc­ca­va diver­si ambi­ti, dai tra­spor­ti alla cul­tu­ra, dall’ambiente al com­mer­cio, dal­la par­te­ci­pa­zio­ne all’istruzione, ed era for­ma­to sia da doman­de aper­te (come “cosa ti pia­ce e non ti pia­ce del­la cit­tà e per­ché?”) che da doman­de a rispo­sta multipla.

Dai risul­ta­ti otte­nu­ti, sareb­be­ro poi par­ti­te del­le con­si­de­ra­zio­ni per ela­bo­ra­re alcu­ne pro­po­ste pro­gram­ma­ti­che in vista del­le pros­si­me ele­zio­ni amministrative.

I que­stio­na­ri si sono chiu­si pochi gior­ni fa e saba­to 9 feb­bra­io pre­sen­te­re­mo pub­bli­ca­men­te i risul­ta­ti del que­stio­na­rio for­li­ve­se. Sarà inte­res­san­te mostra­re le ten­den­ze degli acqui­sti attua­li in cit­tà (cen­tro com­mer­cia­le, nego­zi di vici­na­to, cen­tro sto­ri­co, inter­net e app) e quel­le imma­gi­na­te tra cin­que anni, vede­re come a fron­te di chi sen­ta la neces­si­tà di mag­gio­re sicu­rez­za (anche tra­mi­te l’installazione di più tele­ca­me­re) ci sia poi la gran­de mag­gio­ran­za dei par­te­ci­pan­ti al son­dag­gio che ha dichia­ra­to di non aver mai subi­to nes­sun tipo di aggres­sio­ne, anche solo verbale.

Nel cor­so dell’incontro, lan­ce­re­mo anche una rac­col­ta fir­me su 4 peti­zio­ni d’iniziativa popo­la­re: una sarà sul soste­gno ai nego­zi di vici­na­to, schiac­cia­ti da cen­tri com­mer­cia­li e e‑commerce ma anche pre­si­dio di socia­li­tà e vita­li­tà urba­na, una sui dirit­ti dei lavo­ra­to­ri del­la gig eco­no­my, sia­no essi fat­to­ri­ni che chiun­que rice­va com­mis­sio­ni di lavo­ro tra­mi­te inter­net e app, una che chie­de­rà di diven­ta­re una cit­tà sen­za pla­sti­ca, lavo­ran­do sia su un approc­cio cul­tu­ra­le e col­let­ti­vo al tema, sia favo­ren­do l’eliminazione del­le pla­sti­che innan­zi­tut­to nei luo­ghi pub­bli­ci, che sti­mo­lan­do il rici­clo (anche tra­mi­te eco-com­pat­ta­to­ri che, in cam­bio, pos­sa­no rila­scia­re buo­ni scon­to per gli acqui­sti). L’ultima peti­zio­ne riguar­da inve­ce la richie­sta di fer­ma­re lo smem­bra­men­to dell’Istituto pro­fes­sio­na­le Ruf­fil­li i cui stu­den­ti, secon­do i pia­ni, dovreb­be­ro esse­re sud­di­vi­si all’interno di un liceo e due isti­tu­ti tecnici.

Voglia­mo pro­va­re a coin­vol­ge­re diret­ta­men­te le per­so­ne nel­la vita col­let­ti­va, ren­der­li par­te di discus­sio­ni e scel­te, sen­za aspet­ta­re che sia qual­cu­no ad agi­re per loro ma sti­mo­lan­do cia­scu­no e cia­scu­na ad occu­par­si di un pez­zet­ti­no di cit­tà, di noi tut­ti, del bene comune.

Luca Capac­ci e il Comi­ta­to Pos­si­bi­le For­lì-Cese­na[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.