Diritto di asilo in Europa: la politica della vergogna

Avanza tra le istituzioni europee una proposta per discriminare (ancora di più) i richiedenti asilo sulla base della nazionalità. Buoni e cattivi. All'Italia il compito di deportare i cattivi.
respingimenti

Aiu­ta­te­mi a capi­re, per­ché spe­ro di esser­mi sba­glia­to. Di non aver capi­to io, di esser­mi per­so qual­che pez­zo, per­ché così è trop­po. Per rica­pi­to­la­re: l’U­nio­ne euro­pea ha adot­ta­to due stra­te­gie per la gestio­ne dei migran­ti e, in par­ti­co­la­re, dei richie­den­ti asi­lo e bene­fi­cia­ri di pro­te­zio­ne internazionale.

La pri­ma si chia­ma “ricol­lo­ca­men­to” e pre­ve­de la distri­bu­zio­ne di 160mila richie­den­ti asi­lo e bene­fi­cia­ri di pro­te­zio­ne da Ita­lia, Gre­cia e Unghe­ria (i pae­si più espo­sti) ver­so gli altri pae­si del­l’U­nio­ne euro­pea. Una stra­te­gia di buon sen­so, ma che al momen­to sta fal­len­do mise­ra­men­te, dato che i ricol­lo­ca­ti sono sta­ti cir­ca 4mila.

La secon­da stra­te­gia (“rein­se­dia­men­to”) con­si­ste in un accor­do con la Tur­chia, che pre­ve­de il respin­gi­men­to dei migran­ti che arri­va­no sul­le coste gre­che ver­so la Tur­chia. In cam­bio (già: in cam­bio), la Tur­chia spe­di­rà in Gre­cia un siria­no, in un rap­por­to uno a uno. Un respin­to per un siria­no.

E’ noti­zia di que­ste ore che set­ti­ma­na pros­si­ma il Par­la­men­to euro­peo sarà chia­ma­to a espri­mer­si su una pro­po­sta (la deci­sio­ne ver­rà pre­sa in ulti­ma istan­za dal Con­si­glio) che chie­de di desti­na­re 54mila posti dal­la stra­te­gia del ricol­lo­ca­men­to alla stra­te­gia pre­vi­sta dal­l’ac­cor­do UE-Tur­chia.

Di con­se­guen­za, se tale pro­po­sta ver­rà appro­va­ta, si pas­se­rà da 160mila posti desti­na­ti al ricol­lo­ca­men­to a 106mila posti, con buo­na pace dei pae­si bene­fi­cia­ri, tra cui l’I­ta­lia. E ci sarà un altro effet­to, non secon­da­rio: gli altri pae­si euro­pei vedran­no un mas­sic­cio afflus­so di siria­ni, men­tre i suda­ne­si, per fare un esem­pio e por­tan­do alle estre­me con­se­guen­ze il ragio­na­men­to, reste­ran­no in Ita­lia. Insom­ma, è come se si stes­se facen­do una sele­zio­ne tra “rifu­gia­ti buo­ni e rifu­gia­ti cat­ti­vi” (cosa che par­zial­men­te già avvie­ne, dato che non tut­te le nazio­na­li­tà pos­so­no acce­de­re al ricol­lo­ca­men­to), con un ancor più maca­bro risvol­to: i rifu­gia­ti “cat­ti­vi” — come i suda­ne­si, appun­to — sono sta­ti inte­res­sa­ti da respin­gi­men­ti col­let­ti­vi ope­ra­ti esat­ta­men­te dal nostro Pae­se. A noi, per­ciò, il com­pi­to di rispe­dir­li indie­tro, ché in Sudan si sta tan­to bene (come no). Un fat­to gra­vis­si­mo, che vio­la i dirit­ti uma­ni, ma che è orga­ni­co alla stra­te­gia del gover­no se è vero, come è vero, che Alfa­no ha dife­so con con­vin­zio­ne la depor­ta­zio­ne dicen­do, in sostan­za: è tut­to lega­le per­ché esi­ste un accor­do tra poli­zia ita­lia­na e poli­zia suda­ne­se. Ma dove ha stu­dia­to Alfa­no? Chi gli ha inse­gna­to che un accor­do bila­te­ra­le può fre­gar­se­ne dei dirit­ti uma­ni? Chi, di gra­zia? E con qua­le corag­gio que­sto gover­no par­la di dirit­ti nel momen­to in cui rim­pa­tria per­so­ne ver­so luo­ghi nei qua­li la pro­pria sicu­rez­za è estre­ma­men­te minacciata?

Anda­te a ria­scol­tar­li ora i gran­di pro­cla­mi del nostro gover­no in tema di migra­zio­ni e asi­lo. Anda­te a ripren­de­re ora la reto­ri­ca del “Migra­tion com­pact”, dell’ ”aiu­tia­mo­li a casa loro”, del “stia­mo facen­do cam­bia­re ver­so all’Eu­ro­pa”. Anda­te­ci ora, o quan­do un muro su ter­ri­to­rio fran­ce­se divi­de­rà Pari­gi e Lon­dra, e sco­pri­re­te il com­pact del­la ver­go­gna.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.