Dare la colpa agli altri, mentre gli elettori scappano

La col­pa è sem­pre degli altri. È col­pa di Civa­ti, ed è col­pa di Cof­fe­ra­ti, ed è col­pa di Pasto­ri­no, ovvia­men­te. È col­pa loro in Ligu­ria, è col­pa loro anche in Vene­to, ed è col­pa loro anche in Umbria. Se non fos­se sta­to per loro, il Par­ti­to Demo­cra­ti­co avreb­be con­ti­nua­to a vin­ce­re, anzi, a stra­vin­ce­re, pur sen­za curar­si del­le dimen­sio­ni del­la rap­pre­sen­tan­za (e cioè dell’astensionismo), del­le allean­ze, dei pro­gram­mi elet­to­ra­li. Tut­ti argo­men­ti che non inte­res­sa­no più, rim­piaz­za­ti dal­la con­qui­sta del pote­re.

È tut­ta col­pa loro, che fino a ieri non con­ta­va­no nul­la, ed era­no da insul­ta­re, asfal­ta­re, spia­na­re, nono­stan­te segna­las­se­ro da mesi un “pro­ble­ma a sini­stra”. Un pro­ble­ma che si è mani­fe­sta­to in que­ste ore, attra­ver­so la fred­dez­za dei dati asso­lu­ti, che anneb­bia­no com­ple­ta­men­te “la reto­ri­ca del 40,8%”. Una reto­ri­ca che abbia­mo sem­pre con­te­sta­to, per­ché non accom­pa­gna­ta da poli­ti­che e meto­di di gestio­ne del par­ti­to che aiu­tas­se­ro a sta­bi­liz­za­re e con­so­li­da­re quel con­sen­so. Un con­sen­so che si è cer­ca­to di recu­pe­ra­re attra­ver­so sfi­la­te di mini­stri, com­par­sa­te di Mat­teo Ren­zi e argo­men­to del voto utile.

I nume­ri asso­lu­ti, inve­ce, ci rac­con­ta­no di un PD in cri­si di elet­to­ri. Una cri­si len­ta, comin­cia­ta anni fa, e che pro­se­gue con una dia­spo­ra invi­si­bi­le, che “emer­ge” sola­men­te con l’abbandono di qual­che “big”.

Pren­dia­mo tre regio­ni: la Ligu­ria (per­ché qui si con­cen­tra la reto­ri­ca #col­pa­di­Ci­va­ti e #col­pa­di­Pa­sto­ri­no), il Vene­to (dove il risul­ta­to del­la can­di­da­ta PD è sta­to mol­to al di sot­to del­le aspet­ta­ti­ve) e la Tosca­na (dove il PD ha con­se­gui­to il miglior risul­ta­to in ter­mi­ni per­cen­tua­li, 46%).

Sic­co­me è trop­po faci­le con­te­sta­re i voti al sin­go­lo par­ti­to soste­nen­do che con­ta il voto del­la coa­li­zio­ne, quin­di anche quel­lo del­le liste civi­che (su que­ste liste tor­ne­re­mo poi…), tenia­mo con­to del risul­ta­to del can­di­da­to pre­si­den­te (o del­le coa­li­zio­ni, per le poli­ti­che) nel­le ulti­me ele­zio­ni. Sola­men­te per il 2014 fare­mo neces­sa­ria­men­te rife­ri­men­to al PD, che in quel­le ele­zio­ni si pre­sen­ta­va da solo e che ha assor­bi­to un po’ tut­to quel­lo che sta­va ai suoi fianchi.

I risul­ta­ti sono questi:

I trend si asso­mi­glia­no mol­to, in tut­te e tre le regio­ni: gli elet­to­ri che han­no scel­to la coa­li­zio­ne a gui­da PD nel 2015 sono meno di quel­li che la scel­se­ro alle regio­na­li 2010, meno di quel­li che scel­se­ro Ita­lia Bene Comu­ne alle poli­ti­che del 2013, meno di quel­li che scel­se­ro il PD alle euro­pee del 2014.

Rima­nen­do sul­lo stes­so tipo di ele­zio­ni, il con­fron­to con le regio­na­li del 2010 è impie­to­so: in Ligu­ria si pas­sa da oltre 400mila voti a meno di 200mila, in Vene­to da oltre 700mila a meno di 500mila, in Tosca­na da oltre un milio­ne a 650mila, e così anche nel­le altre regio­ni. In Ligu­ria, il PD (da solo) pas­sa da oltre 200mila voti a 137mila voti.

Que­sta è la dia­spo­ra che ha col­pi­to e che con­ti­nua a col­pi­re il cen­tro­si­ni­stra, e che lo modi­fi­ca nel pro­prio codi­ce gene­ti­co, per­den­do cate­go­rie che sto­ri­ca­men­te ha rap­pre­sen­ta­to (vedi i mon­di vici­ni al sin­da­ca­to, vedi gli inse­gnan­ti) e scom­met­ten­do su cate­go­rie (e quin­di prio­ri­tà pro­gram­ma­ti­che) sto­ri­ca­men­te alter­na­ti­ve, e per que­sta ragio­ne anche più vola­ti­li, e dif­fi­cil­men­te rag­giun­gi­bi­li se anche sui ter­ri­to­ri non si crea­no alcu­ne con­di­zio­ni (il con­fron­to tra Euro­pee e Regio­na­li in Vene­to, in que­sto sen­so, non lascia spa­zio a dub­bi: da qua­si 900mila voti a 472mila voti per la coa­li­zio­ne gui­da­ta da Moret­ti, a 275mila per il PD).

Que­sta è la vera scon­fit­ta. Una scon­fit­ta che – per rima­ne­re in Ligu­ria – nep­pu­re l’assenza del­la can­di­da­tu­ra di Pasto­ri­no avreb­be evi­ta­to, né in ter­mi­ni di rap­pre­sen­tan­za né in ter­mi­ni elet­to­ra­li­sti­ci: il voto del­le liste col­le­ga­te a Pasto­ri­no, infat­ti, non è suf­fi­cien­te a copri­re il gap Toti – Pai­ta (60mila voti con­tro 35mila), e pen­sa­re che gli elet­to­ri si muo­va­no a coman­do da una can­di­da­tu­ra all’altra è fran­ca­men­te insen­sa­to e irri­spet­to­so (in assen­za di Pasto­ri­no alcu­ni avreb­be­ro vota­to M5S, o altre liste, o sareb­be­ro sta­ti a casa – facen­do cre­sce­re ancor di più l’astensionismo).

L’ultima rifles­sio­ne è da dedi­ca­re alle liste col­le­ga­te alla can­di­da­tu­ra del pre­si­den­te. Di un pre­si­den­te, in par­ti­co­la­re: Vin­cen­zo De Luca. Nel momen­to in cui è scop­pia­ta la discus­sio­ne sui can­di­da­ti impre­sen­ta­bi­li (pri­ma che la Com­mis­sio­ne Anti­ma­fia annun­cias­se alcun­chè), il pre­mier Mat­teo Ren­zi com­men­ta­va: «Con gran­de chia­rez­za dico che il Par­ti­to Demo­cra­ti­co nel­le sue liste per le regio­na­li non ha alcun impre­sen­ta­bi­le». Il rife­ri­men­to, per nul­la vela­to, era alla Cam­pa­nia, e agli impre­sen­ta­bi­li, che veni­va­no defi­ni­ti come resi­dua­li, non eleg­gi­bi­li: «Sono qua­si tut­ti espres­sio­ni di pic­co­le liste civi­che che gra­zie al siste­ma elet­to­ra­le del­le sin­go­le regio­na­li ven­go­no assem­bla­te per pren­de­re un voto in più». Que­ste liste, al con­tra­rio di quan­to soste­nu­to da Ren­zi, sono sta­te asso­lu­ta­men­te deter­mi­nan­ti per la vit­to­ria di De Luca: degli 859mila voti otte­nu­ti dal­le liste col­le­ga­te alla sua can­di­da­tu­ra, 422mila deri­va­no dal PD (19,5%). L’altra metà da Cam­pa­nia libe­ra (102mila), De Luca Pre­si­den­te (100mila), Cen­tro Demo­cra­ti­co – Scel­ta Civi­ca (60mila), UDC (50mila), PSI (44mila), Cam­pa­nia in Rete (31mila), Dav­ve­ro-Ver­di (25mila) e IDV (25mila). E il distac­co tra De Luca e Cal­do­ro è sta­to di cir­ca 60mila voti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.