Costruisce ponti d’umanità: Ilda Curti

04-cartolina-civoti-curti-vert“La paro­la d’or­di­ne è Accom­pa­gna­re. Dob­bia­mo lavo­ra­re atti­van­do risor­se loca­li, asso­cia­ti­ve, uma­ne per un solo obiet­ti­vo: far sen­ti­re ita­lia­no chi cre­sce in Ita­lia, il famo­so “popo­lo del­lo ius soli”. Ilda Cur­ti, clas­se ’64, dot­to­res­sa in Filo­so­fia, livor­ne­se di nasci­ta e cre­sci­ta, tori­ne­se d’adozione. Cit­ta­di­na del mon­do e soprat­tut­to d’Eu­ro­pa, del­la cui nasci­ta è testi­mo­ne fede­le, negli anni entu­sia­sti che van­no dall’89 al ’94. “Una visio­ne: fir­mam­mo il Trat­ta­to di Maa­stri­cht, ave­va­mo in testa un con­ti­nen­te real­men­te demo­cra­ti­co, social­men­te coe­so. Oggi vedo una sua fred­da e brut­ta copia, appiat­ti­ta su logi­che eco­no­mi­ci­sti­che. Scon­tia­mo anni di incul­tu­ra euro­pea: nel­le isti­tu­zio­ni, nei par­ti­ti e soprat­tut­to nel­le scuole.”

Ilda, da assi­sten­te al Par­la­men­to Euro­peo, impa­ra a maneg­gia­re con cura e costrut­ti­vi­tà la cosid­det­ta Euro­pro­get­ta­zio­ne. Quan­do tor­na “a casa”, “ripar­te” e non si fer­ma più: costrui­sce pon­ti, rein­ven­ta quar­tie­ri, cura le rela­zio­ni inter­na­zio­na­li del­la cit­tà di Tori­no. Fino a quan­do Chiam­pa­ri­no non la chia­ma per diven­ta­re Asses­so­re nel 2006. Dopo 5 anni di lavo­ro sarà rie­let­ta nel 2011 con Fas­si­no sindaco.

2009_ramadan_img_7809“La paro­la d’or­di­ne è Accom­pa­gna­re. Tori­no, oltre ad esse­re una cit­tà pra­ti­ca­men­te “puglie­se” gra­zie all’e­mi­gra­zio­ne indu­stria­le del dopo­guer­ra, è RICCA del “popo­lo del­lo ius soli”. Dob­bia­mo lavo­ra­re atti­van­do risor­se loca­li, asso­cia­ti­ve, uma­ne per un solo obiet­ti­vo: far sen­ti­re ita­lia­no chi cre­sce in Ita­lia.” Ilda, in una real­tà tori­ne­se che defi­ni­sce “mul­tiet­ni­ca, mul­ti­cul­tu­ra­le, mul­ti­re­li­gio­sa, plu­ra­le”, si è occu­pa­ta del deli­ca­to tema del­l’in­te­gra­zio­ne: “Per i bam­bi­ni a scuo­la è nor­ma­le tro­var­si accan­to a quel­li che gli adul­ti pen­se­reb­be­ro come “diver­so”. Spes­so sono i geni­to­ri ita­lia­ni a por­re il pro­ble­ma, a dare giu­di­zi posi­ti­vi o nega­ti­vi con­di­zio­nan­do i figli, men­tre è faci­le fare un pat­to con le fami­glie di immi­gra­ti, che capi­sco­no cosa devo­no affron­ta­re i loro figli.” Ilda è chia­ra: “Smet­tia­mo­la con la logi­ca del­l’as­si­mi­la­zio­ne e pas­sia­mo a quel­la del­la plu­ra­li­tà come valo­re. Pur cer­can­do di risol­ve­re dif­fe­ren­ze socia­li e mate­ria­li, nes­su­no deve  rinun­cia­re a sé stes­so: è pro­prio vero che le dif­fe­ren­ze sono un valo­re. Dob­bia­mo recu­pe­ra­re il tema del­l’in­clu­sio­ne socia­le, del­la soli­da­rie­tà giu­sta sen­za assi­sten­zia­li­smo. E poi il meri­to non ha sen­so sen­za ugua­glian­za d’ac­ces­so nel­l’i­stru­zio­ne e nel lavoro.”

04-cartolina-civoti-curtiIlda entra nel dif­fi­ci­le ma avvin­cen­te cam­po del Par­ti­to Demo­cra­ti­co solo nel 2009, sen­za però rinun­cia­re ad esse­re la libe­ra “ere­ti­ca” che e è sin dai tem­pi del PCI. “Eppu­re ho in me, anch’io, il famo­so ‘cor­pac­cio­ne’. L’ho sen­ti­to tut­to, pesan­te­men­te, addos­so, quel 19 Apri­le.” “Si è rot­to l’incantesimo del­la Fata Dispet­to­sa: ci sia­mo final­men­te libe­ra­ti da que­sta pato­lo­gia psi­co­so­cia­le. Resta­no mace­rie, orfa­ni che vaga­no pian­gen­do sul­le rovi­ne. Case distrut­te, sof­fe­ren­za, rab­bia”, scri­ve pror­prio quel gior­no sul suo sito.
“L’or­ga­niz­za­zio­ne di un par­ti­to è anco­ra un tema pri­ma­rio, meri­ta rispet­to la poli­ti­ca inte­sa come ser­vi­zio. Ma ser­ve esse­re indi­pen­den­ti: la vita di chi ci si dedi­ca deve pre­scin­de­re dal­la poli­ti­ca. E poi: voglia­mo o no recu­pa­re una fun­zio­ne peda­go­gi­ca alla poli­ti­ca, la capa­ci­tà di sogna­re il cam­bia­men­to, di mostrar­lo pos­si­bi­le leg­gen­do la socie­tà del futu­ro? Si può fare solo in un par­ti­to dove si impa­ra­no impa­ra­no anche del­le cose. Il gril­li­smo è la rea­zio­ne scom­po­sto del­la scom­par­sa del­la mora­li­tà dal pano­ra­ma dei valo­ri del­la poli­ti­ca: quan­do gesti­sco i sol­di del­l’am­mi­ni­stra­zio­ne fac­cio due vol­te atten­zio­ne, pro­prio per­ché non sono miei, ma di tutti.” 

E con­ti­nua: “Cer­to che ser­ve una lea­der­ship! Ma anche una rete di per­so­ne com­pe­ten­ti che svi­lup­pa­no temi con­di­vi­si e rap­pre­sen­ta­ti­vi. Civa­ti mi pia­ce anche per­ché è un anti­di­vo: va con­tro­cor­ren­te rispet­to ad una per­so­na­liz­za­zio­ne ecces­si­va del­la poli­ti­ca. Ci vuo­le un gros­so lavo­ro cul­tu­ra­le che vada a sca­va­re dove sono gia­ci­men­ti di intel­li­gen­za e sen­so cri­ti­co, sen­za paura.”
Ma come invi­tia­mo anco­ra le per­so­ne ad una sfi­da come il Con­gres­so del Pd? “Quan­do vado a pran­zo a casa dei miei, che mi han­no cre­sciu­to auten­ti­ca­men­te di sini­stra, fac­cio la par­te di D’A­le­ma: mi pren­do tut­to le col­pe e le infa­mie. Poi però scat­ta la minac­cia: o entra­te e ci date una mano, o a cena non ci ven­go più.” Noi spe­ria­mo nel­la pros­si­ma cena. Pri­mo piat­to: rin­no­va­to entusiasmo.

#Civo­ti 04: Ilda Curti

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?