Cosa è un problema di comunicazione, e cosa no

Una posizione di una gravità senza precedenti che lo stato maggiore renziano ha cercato di minimizzare, dimostrando che ormai non c'è più la capacità di distinguere tra marketing e politica. la questione che andrebbe affrontata con le armi della comunicazione è quell'altra, quella riguardante i vaccini.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1499591775895{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]C’erano die­ci­mi­la per­so­ne, ieri a Pesa­ro, alla mani­fe­sta­zio­ne dei no-vax (o free-vax, come si defi­ni­sco­no loro) con­tro il decre­to del mini­ste­ro del­la Salu­te sul­l’ob­bli­go di vac­ci­na­re i bam­bi­ni pri­ma del­l’i­scri­zio­ne a scuo­la. Non un ocea­no, ma nem­me­no pochi, spe­cie in que­sti tem­pi di disim­pe­gno. Que­sto nel wee­kend in cui la noti­zia più discus­sa è sta­ta l’u­sci­ta raz­zi­sta del segre­ta­rio del Pd, quel­le righe estra­po­la­te dal suo libro in usci­ta in cui si dice che “noi non abbia­mo il dove­re mora­le di acco­glie­re in Ita­lia tut­te le per­so­ne che stan­no peg­gio. Ma abbia­mo il dove­re mora­le di aiu­tar­li. E di aiu­tar­li dav­ve­ro, a casa loro”.

Una posi­zio­ne di una gra­vi­tà sen­za pre­ce­den­ti, anche per chi anco­ra nel Pd ripo­ne resi­due spe­ran­ze pro­gres­si­ste, che lo sta­to mag­gio­re ren­zia­no ha cer­ca­to di mini­miz­za­re spie­gan­do che si è trat­ta­to di un pro­ble­ma di comu­ni­ca­zio­ne. Dimo­stran­do che ormai non c’è più la capa­ci­tà di distin­gue­re tra mar­ke­ting e poli­ti­ca, per­ché la que­stio­ne che andreb­be affron­ta­ta con le armi del­la comu­ni­ca­zio­ne è quel­l’al­tra, quel­la riguar­dan­te i vac­ci­ni.

Poi­ché infat­ti la posi­zio­ne dei no-vax ger­mo­glia nel­la sfi­du­cia ver­so le isti­tu­zio­ni e matu­ra all’om­bra del­le fake news che diven­ta­no vira­li, sareb­be sta­to stra­te­gi­ca­men­te intel­li­gen­te impo­sta­re una serie di cam­pa­gne di medio e lun­go perio­do: pub­bli­ci­tà e con­te­nu­ti di faci­le dif­fu­sio­ne e frui­bi­li­tà per spie­ga­re la sto­ria del­le vac­ci­na­zio­ni, i suoi bene­fi­ci, le sto­rie di chi ne ha potu­to spe­ri­men­ta­re la vali­di­tà dopo dif­fi­den­ze e pau­re; nuo­vi stru­men­ti divul­ga­ti­vi e cor­si di aggior­na­men­to per il per­so­na­le medi­co che, lo ricor­dia­mo, deve per deon­to­lo­gia al pazien­te un sur­plus di ascol­to e di sen­si­bi­li­tà nel­l’ap­proc­cio; nuo­vi stru­men­ti edu­ca­ti­vi in sen­so stret­to, pen­sa­ti per aiu­ta­re gli inse­gnan­ti pro­prio lì dove il pro­ble­ma rischia di diven­ta­re peri­co­lo­so, ovve­ro a scuola.

Pote­va esse­re l’oc­ca­sio­ne per ria­bi­li­ta­re la fun­zio­ne edu­ca­tri­ce del­le isti­tu­zio­ni, a par­ti­re da quel mini­ste­ro del­la Sani­tà che pro­prio sul­la comu­ni­ca­zio­ne ave­va pro­dot­to la “cam­pa­gna inguar­da­bi­le” (Ren­zi dixit) sul già discu­ti­bi­le Fer­ti­li­ty day. Inve­ce no, il segre­ta­rio del Pd ha pre­fe­ri­to orga­niz­za­re una pro­pria con­ven­tion invi­tan­do un medi­co dive­nu­to cele­bre per l’ag­gres­si­vi­tà con cui trat­ta la que­stio­ne vac­ci­ni sui social net­work, una con­dot­ta che più espo­nen­ti del­l’am­bien­te medi­co e scien­ti­fi­co han­no giu­di­ca­to con­tro­pro­du­cen­te e non pro­fes­sio­na­le.

Que­sto sì, quin­di, è un pro­ble­ma che andreb­be affron­ta­to con gli stru­men­ti del­la comu­ni­ca­zio­ne. L’al­tro? L’al­tro no, pur­trop­po.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.