Cosa ci fa la ministra Pinotti in Arabia Saudita?

Possibile pretende chiarezza e chiamiamo la ministra della difesa a rispondere al Parlamento italiano con un'interrogazione urgente. Chiarisca le ragioni della propria visita al governo saudita e spieghi ai cittadini italiani per quali ragioni si è resa necessaria la partecipazione del segretario generale della difesa e direttore nazionale degli armamenti, Carlo Magrassi, quali sono stati gli esiti dell’incontro bilaterale e se è da ritenersi fondata la notizia di trattative che prevedano l’invio di armamenti dall’Italia all’Arabia Saudita.

Sono mesi che denun­cia­mo a tut­ti i livel­li isti­tu­zio­na­li, gra­zie ai det­ta­glia­ti report del­la Rete Disar­mo, la con­ti­nua ven­di­ta di armi all’A­ra­bia Sau­di­ta da par­te del nostro Pae­se. Un mer­ca­to inde­gno che vio­la la leg­ge n. 185 del 9 luglio 1990 per la qua­le l’esportazione «di mate­ria­le di arma­men­to non­ché la ces­sio­ne del­le rela­ti­ve licen­ze di pro­du­zio­ne devo­no esse­re con­for­mi alla poli­ti­ca este­ra e di dife­sa del­l’I­ta­lia» ed è comun­que vie­ta­ta ver­so i pae­si impe­gna­ti in con­flit­ti e in spre­gio tota­le del­la nostra Costi­tu­zio­ne che ripu­dia la guer­ra. L’A­ra­bia Sau­di­ta è infat­ti impe­gna­ta da tem­po in ope­ra­zio­ni mili­ta­ri che stan­no col­pen­do lo Yemen, tra le qua­li si regi­stra­no bom­bar­da­men­ti con ordi­gni spe­di­ti dal suo­lo ita­lia­no.

Da mesi denun­cia­mo la man­can­za di tra­spa­ren­za che carat­te­riz­za tut­ta que­sta vicenda.

Ora appren­dia­mo dal­la stam­pa che la mini­stra Pinot­ti — igna­ra for­se del­la Costi­tu­zio­ne e del­la Car­ta del­le Nazio­ni Uni­te oltre che del­le pre­se di posi­zio­ne espres­se dal Par­la­men­to euro­peo che han­no chie­sto l’em­bar­go sul­le armi rispet­to al gover­no di Riad — avreb­be incon­tra­to a ini­zio otto­bre nel­la capi­ta­le Sau­di­ta il vice ere­de al tro­no e respon­sa­bi­le del dica­ste­ro del­la Dife­sa, Moham­med bin Salman.

Secon­do quan­to rife­ri­sco­no fon­ti del mini­ste­ro del­la Dife­sa i due si sareb­be­ro incon­tra­ti per discu­te­re del­le rela­zio­ni bila­te­ra­li tra i due pae­si, con par­ti­co­la­re atten­zio­ne al set­to­re dife­sa. L’agenzia di stam­pa sau­di­ta “Spa” ripor­ta poi det­ta­gli inquie­tan­ti dell’incontro al qua­le avreb­be­ro par­te­ci­pa­to dal lato sau­di­ta, l’assistente segre­ta­rio per la Dife­sa, Moham­med Ayesh, il capo di Sta­to mag­gio­re, Abdul­rah­man al Banyan, Fahd al’Aysa con­su­len­te rea­le del­la dife­sa e altri fun­zio­na­ri del mini­ste­ro del­la Dife­sa sau­di­ta e, per l’I­ta­lia, l’ambasciatore ita­lia­no in Ara­bia Sau­di­ta, Luca Fer­ra­ri, il segre­ta­rio gene­ra­le del­la dife­sa e diret­to­re nazio­na­le degli arma­men­ti, Car­lo Magras­si. Tema cen­tra­le sareb­be sta­to la con­se­gna di arma­men­ti nava­li al pae­se che sta attuan­do un geno­ci­dio siste­ma­ti­co in Yemen. Un’i­ni­zia­ti­va, quel­la del­la Pinot­ti, che se con­fer­ma­ta potreb­be esse­re defi­ni­ta solo con un agget­ti­vo: criminale.

Per que­sti moti­vi Pos­si­bi­le pre­ten­de chia­rez­za e chia­mia­mo la mini­stra del­la dife­sa a rispon­de­re al Par­la­men­to ita­lia­no con un’in­ter­ro­ga­zio­ne urgen­te. Chia­ri­sca le ragio­ni del­la pro­pria visi­ta al gover­no sau­di­ta e spie­ghi ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni per qua­li ragio­ni si è resa neces­sa­ria la par­te­ci­pa­zio­ne del segre­ta­rio gene­ra­le del­la dife­sa e diret­to­re nazio­na­le degli arma­men­ti, Car­lo Magras­si, qua­li sono sta­ti gli esi­ti dell’incontro bila­te­ra­le e se è da rite­ner­si fon­da­ta la noti­zia di trat­ta­ti­ve che pre­ve­da­no l’invio di arma­men­ti dall’Italia all’Arabia Sau­di­ta.

È già abba­stan­za imba­raz­zan­te che l’I­ta­lia intrat­ten­ga dub­bi rap­por­ti eco­no­mi­ci con un gover­no san­gui­na­rio sen­za dover aggiun­ge­re anche l’on­ta di esse­re cor­re­spon­sa­bi­li del­lo ster­mi­nio di miglia­ia di civi­li yeme­ni­ti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.