Cosa c’entrano i robot con il reddito minimo garantito

Vogliamo rappresentare una cultura diversa. Preferiamo parlare di diritti da riconoscere, a tutti, sempre. Non di concessioni, che possono capitare a questo o quello sulla base di una casualità che sarebbe pura se non fosse elettoralistica.

Ciò che ho cer­ca­to di dire ieri all’incon­tro pro­mos­so da Bin Ita­lia su wel­fa­re e red­di­to mini­mo e altre que­stio­ni ad esso collegate:

In una gior­na­ta come quel­la di oggi i nostri inter­ven­ti dovreb­be­ro rap­pre­sen­ta­re l’al­ter­na­ti­va, la diver­sa pro­spet­ti­va rispet­to a quel­la mes­sa in cam­po dal­la mag­gio­ran­za e dal Gover­no. Ma è impos­si­bi­le, per­ché il gover­no non ne ha, di pro­spet­ti­ve, su que­sto pun­to soprat­tut­to, né le sue poli­ti­che le lascia­no intravedere.

Ma se non si può par­la­re di una vera e pro­pria idea o stra­te­gia, rispet­to al mon­do del lavo­ro, si può intra­ve­de­re la cul­tu­ra che fa da sub­stra­to all’a­zio­ne del Governo.

Un’a­zio­ne fat­ta di bonus (di man­cet­te, direb­be qual­cu­no), di inter­ven­ti spot, che esco­no bene sui tito­li dei gior­na­li o nei tweet, ma aumen­ta­no la disu­gua­glian­za e fan­no sal­ta­re la pro­gres­si­vi­tà. Un’a­zio­ne basa­ta sul­la gene­ro­sa distri­bu­zio­ne di con­ces­sio­ni e appa­ren­ti rega­lie (appa­ren­ti per­ché i sol­di sono ovvia­men­te dei contribuenti).

Cose da accet­ta­re con un sor­ri­so e un gra­zie, sen­za tan­te sto­rie, per­ché a caval dona­to non si guar­da in boc­ca. Col­pi di for­tu­na da pren­de­re come ven­go­no e sta­re zit­ti, non si sa mai. Per­ché così come ti sono sta­te date, ti pos­so­no esse­re tol­te, quin­di meglio sta­re al pro­prio posto e fare gli scon­giu­ri. Bonus a nul­la, capa­ci di tutto.

Ecco, in que­sto una dif­fe­ren­za è evi­den­te, noi voglia­mo rap­pre­sen­ta­re una cul­tu­ra diver­sa. Noi pre­fe­ria­mo par­la­re di dirit­ti da rico­no­sce­re, a tut­ti, sem­pre. Non di con­ces­sio­ni, che pos­so­no capi­ta­re a que­sto o quel­lo sul­la base di una casua­li­tà che sareb­be pura se non fos­se elettoralistica.

Ai bonus noi pre­fe­ria­mo la pro­gres­si­vi­tà, per dare le stes­se oppor­tu­ni­tà a tut­ti, non solo a chi ha pesca­to il nume­ro for­tu­na­to o la giu­sta car­ta negli impre­vi­sti del Monopoli.

Alle man­cet­te pre­fe­ria­mo la redi­stri­bu­zio­ne. Mi col­pi­sce vede­re festeg­gia­re per i 500 euro a tut­ti i diciot­ten­ni, sen­za distin­zio­ni (!), come se fos­se giu­sto. 500 euro dati anche ai figli dei par­la­men­ta­ri inve­ce di 5000 a chi non può pagar­si l’u­ni­ver­si­tà è una cosa che gri­da vendetta.

Eppu­re è quel­la, la visio­ne neces­sa­ria. Un oriz­zon­te più ampio, sia in ter­mi­ni tem­po­ra­li, che geo­gra­fi­ci.

Per­ché non c’è una stra­te­gia nean­che nel rap­por­to con i part­ner euro­pei. Si insi­ste a chie­de­re lo zero­vir­go­la da but­ta­re negli inter­ven­ti una tan­tum di cui sopra, inve­ce di chie­de­re di ave­re dal­l’Eu­ro­pa in Euro­pa un red­di­to mini­mo, come tan­ti pae­si, qua­si tut­ti, ben­ché in for­me diver­se già han­no. Una poli­ti­ca fisca­le comu­ne, spe­cie riguar­do alle mul­ti­na­zio­na­li e in par­ti­co­la­ri quel­le tec­no­lo­gi­che. Una poli­ti­ca del lavo­ro comu­ne, per­ché la guer­ra tra pove­ri si com­bat­te anche su que­sti terreni.

Abbia­mo per­so mol­ti anni soprat­tut­to per­ché non abbia­mo costrui­to una strut­tu­ra ammi­ni­stra­ti­va, i job cen­tre, le poli­ti­che com­ples­si­ve che devo­no pre­ce­de­re ogni elar­gi­zio­ne di dena­ro pub­bli­co. Non abbia­mo mes­so in cam­po una spe­ri­men­ta­zio­ne né una stra­te­gia, se non tar­di­va e par­zia­lis­si­ma. E la par­zia­lis­si­ma misu­ra del gover­no con­tro la pover­tà è solo un “fal­so ami­co” del­la nostra bat­ta­glia sul red­di­to mini­mo, che in real­tà la spo­sta più in là, sen­za affrontarla.

Oltre a ciò c’è da met­te­re in paro­la e poi in poli­ti­ca e quin­di in leg­ge il tema del­la trasformazione.

Ma dob­bia­mo appun­to allar­ga­re gli oriz­zon­ti anche in sen­so temporale.

Pre­pa­ria­mo tem­pi miglio­ri. Fac­cia­mo­lo pen­san­do al futu­ro che ci atten­de. Un futu­ro che dob­bia­mo ripen­sa­re completamente.

C’è un ele­fan­te robot, nel­la stan­za. L’au­to­ma­zio­ne è una real­tà che stia­mo total­men­te sot­to­va­lu­tan­do. Secon­do l’u­ni­ver­si­tà di Oxford, entro ven­t’an­ni cir­ca la metà dei lavo­ri (di ogni tipo) sarà svol­ta da robot (a cui si aggiun­go­no i par­la­men­ta­ri-robot nomi­na­ti con l’I­ta­li­cum, potrem­mo dire). Cosa faran­no tut­te le per­so­ne che ver­ran­no sosti­tui­te? Ama­zon decu­pli­ca i suoi dipen­den­ti, cer­to. Ma il suo siste­ma spaz­za via la con­cor­ren­za e l’in­dot­to, eli­mi­nan­do mol­ti più posti di lavo­ro di quan­ti ne potrà mai crea­re. Sia­mo cer­ti che tut­to que­sto sarà recu­pe­ra­to in ter­mi­ni di ore lavo­ra­te (e retri­bui­te) per altret­tan­ti esse­ri uma­ni? Non si sa. Ciò che si sa è che ci vor­ran­no in ogni caso for­ti inve­sti­men­ti nel­l’i­stru­zio­ne e nel­la ricer­ca, se vor­re­mo ave­re posti di lavo­ro ine­vi­ta­bil­men­te più qua­li­fi­ca­ti di quan­to non sia­no ora.

Ce la pren­dia­mo con i lavo­ra­to­ri a bas­so costo che ci ruba­no il lavo­ro, ma ciò acca­de per­ché non si rispet­ta l’ar­ti­co­lo 36 del­la Costi­tu­zio­ne che pre­ve­de una giu­sta paga e per­ché non esi­sto­no i con­trol­li. E però quan­do arri­ve­ran­no altri robot coste­ran­no meno anche degli stra­nie­ri che tan­to ci preoccupano.

Cer­to oggi il pre­mier dice che 100.000 per­so­ne lavo­re­ran­no al Pon­te sul­lo Stret­to. Che cos’è, un pon­te umano?

Nel­la famo­sa Sili­con Val­ley che tut­ti cita­no, si par­la da tem­po (e si spe­ri­men­ta) l’i­dea di un red­di­to mini­mo uni­ver­sa­le. Ecco, maga­ri ci pos­sia­mo arri­va­re un pas­so alla vol­ta, ma dob­bia­mo comin­cia­re a ragio­ne di que­ste cose con serietà.

Affron­ta­re la real­tà per quel­la che è, che si sta tra­sfor­man­do e si è tra­sfor­ma­ta già, quel­la che ha tra­sfor­ma­to la pre­ca­rie­tà in schia­vi­tù, secon­do Gio­van­ni Ardui­no e Lore­da­na Lip­pe­ri­niNon solo chi lavo­ra come schia­vo ma chi come schia­vo leg­ge e inter­pre­ta i feno­me­ni pro­dut­ti­vi e sociali.

Pro­pon­go che Pep­pe Alle­gri sia indi­ca­to come mini­stro ombra — pur­trop­po, temo, sen­za por­ta­fo­gli — del red­di­to. E che si fac­cia l’al­lean­za tra tut­ti quel­li che lo voglio­no fare, come si deve, con i sol­di neces­sa­ri, con le poli­ti­che che lo ren­do­no pos­si­bi­le. In un qua­dro poli­ti­co più gene­ra­le, che ci ripor­ti alla pro­gres­si­vi­tà, alla redi­stri­bu­zio­ne, alla pos­si­bi­li­tà che le tra­sfor­ma­zio­ni tec­no­lo­gi­che — che ridu­co­no la fati­ca e le ore del lavo­ro — pos­sa­no dare benes­se­re non solo ai pochis­si­mi che sono padro­ni (dei robot) ma alla mol­ti­tu­di­ne che deve poter vive­re con dignità.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.