Cop27: la più inconcludente di sempre?

La cop27 è fini­ta da poco ed è qua­si sicu­ro che pas­se­rà alla sto­ria come una del­le peg­gio­ri e più incon­clu­den­ti. E pro­prio in un momen­to in cui inve­ce c’è biso­gno di pren­de­re deci­sio­ni serie e soprat­tut­to vincolanti.

La pri­ma ama­ra con­si­de­ra­zio­ne por­ta a pen­sa­re che stia­mo dan­do ret­ta alle per­so­ne sba­glia­te. I big del­le fon­ti fos­si­li a Sharm el Sheik era­no i gran­di invi­ta­ti, quel­li a cui si sta dan­do anco­ra trop­po peso deci­sio­na­le e poli­ti­co. Sono quel­li che da una par­te con­ti­nua­no a nega­re l’esistenza del­la cri­si cli­ma­ti­ca e dall’altra par­te stan­no con­ti­nuan­do a nego­zia­re il nostro futu­ro. Eppu­re sono loro che ci han­no por­ta­ti den­tro alla cri­si climatica.

Per­dia­mo tem­po die­tro a chi non ha nul­la di posi­ti­vo da offri­re o da pro­por­re per il futu­ro del­la ter­ra. I gio­va­ni dei Fri­days For Futu­re – quel­li che avreb­be­ro tut­to il dirit­to di dire la loro sul loro futu­ro – ven­go­no zit­ti­ti e mes­si in un ango­lo per non urta­re la sen­si­bi­li­tà dei padro­ni di casa.

L’obiettivo — para­dos­sa­le che ser­va ripe­ter­lo — è con­tra­sta­re la cri­si cli­ma­ti­ca, men­tre sem­bra che in que­sta Cop si sia fat­to di tut­to per acce­le­ra­re ulte­rior­men­te la cor­sa distrut­ti­va in cui sia­mo lanciati.

Stia­mo riman­dan­do da trop­po tem­po le deci­sio­ni vin­co­lan­ti, bal­bet­tia­mo di fron­te allo stop del­le fon­ti fos­si­li o addi­rit­tu­ra le rilan­cia­mo come sta facen­do il nero Gover­no italiano.

In zona cesa­ri­ni poi è arri­va­ta la buo­na noti­zia sull’istituzione di un Fon­do dedi­ca­to ai dan­ni dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci a favo­re dei pae­si più pove­ri. Forse!

Il con­di­zio­na­le è d’obbligo per­ché non sap­pia­mo anco­ra qua­li saran­no i con­te­nu­ti pre­ci­si per la crea­zio­ne e la gestio­ne del fondo.

Cer­to il fon­do “Loss and dama­ge” a livel­lo teo­ri­co sareb­be un gran­de stru­men­to di cli­ma­te justi­ce, soprat­tut­to se visto come mez­zo per per­met­te agli sta­ti meno respon­sa­bi­li del­le emis­sio­ni in atmo­sfe­ra ma più vul­ne­ra­bi­li nel­le con­se­guen­ze di ave­re un bud­get da cui attin­ge­re per il ripri­sti­no dei dan­ni e le azio­ni di mitigazione.

Emble­ma­ti­ci sono sta­ti gli inter­ven­ti dei lea­der dei pae­si che stan­no lot­tan­do con­tro care­stie, inon­da­zio­ni sem­pre più vio­len­te. Così come altret­tan­to emble­ma­ti­ci, ma in sen­so nega­ti­vo, sono sta­ti gli inter­ven­ti di chi oggi pre­fe­ri­sce indi­riz­za­re sol­di per rime­dia­re alle con­se­guen­ze eco­no­mi­che cau­sa­te dal­la Guerra.

La teo­ria però si scon­tra con una pra­ti­ca che è ben lon­ta­na dal met­te­re nero su bian­co la gestio­ne del fondo.

L’amara con­si­de­ra­zio­ne è che que­sto accor­do in extre­mis sia ser­vi­to solo per sal­va­re la faccia.

Il man­tra che Giu­sep­pe Civa­ti sta ripe­ten­do da parec­chio tem­po — “cli­ma, pro­gres­si­vi­tà e patri­mo­nia­le” — potreb­be tran­quil­la­men­te diven­ta­re la road map internazionale.

Chi ha emes­so di più, met­ta più fon­di, e soprat­tut­to si vada­no a recu­pe­ra­re i fon­di tas­san­do i pro­fit­ti del­le gran­di azien­de pro­dut­tri­ci di com­bu­sti­bi­li fossili.

Un secon­do aspet­to riguar­da i gio­va­ni, le Ong, gli Sta­ke­hol­der, le Asso­cia­zio­ni che sep­pur pre­sen­ti all’interno dei padi­glio­ni del­la Cop27 non han­no voce nei pro­ces­si decisionali.

Imma­gi­na­re di acco­glie­re le pro­po­ste e le richie­ste che arri­va­no dal mon­do dell’associazionismo e dal mon­do scien­ti­fi­co a favo­re di inve­sti­men­ti seri e con­cre­ti “in Natu­ra” sono ben lon­ta­ni dall’essere compresi.

Inve­sti­re in Natu­ra, in pro­get­ti a miglio­ra­men­to del­la bio­di­ver­si­tà, in pro­get­ti di rifo­re­sta­zio­ne per il poten­zia­men­to del­le reti eco­lo­gi­che così come la tute­la di siti uni­ci e par­ti­co­la­ri rima­ne anco­ra un tabù.

Que­sto per­ché è abba­stan­za evi­den­te che la “Natu­ra” è anco­ra vista come un osta­co­lo allo svi­lup­po illi­mi­ta­to che anco­ra gover­na i mec­ca­ni­smi eco­no­mi­ci che sovrin­ten­do­no alle decisioni.

Indi­ret­ta­men­te ci stan­no dicen­do che “han­no biso­gno anco­ra di sac­cheg­gia­re e distrug­ge­re, di inqui­na­re e ster­mi­na­re” e se ci pen­sa­te è pro­fon­da­men­te “pre­i­sto­ri­co” e “maso­chi­sti­co” que­sto atteggiamento.

Nel suo inter­ven­to di aper­tu­ra il Segre­ta­rio del­le Nazio­ni Uni­te Antó­nio Guter­res ha riba­di­to alcu­ni aspet­ti fon­da­men­ta­li: “Le emis­sio­ni di gas a effet­to ser­ra con­ti­nua­no ad aumen­ta­re. La tem­pe­ra­tu­ra glo­ba­le con­ti­nua a sali­re. E il nostro Pia­ne­ta si sta avvi­ci­nan­do rapi­da­men­te a dei tip­ping point che ren­de­ran­no la cata­stro­fe cli­ma­ti­ca irre­ver­si­bi­le. Sia­mo su un’autostrada diret­ti ver­so l’inferno cli­ma­ti­co con il pie­de sull’acceleratore.”

E anco­ra: “l’attività uma­na è la cau­sa del pro­ble­ma cli­ma­ti­co. L’azione uma­na deve esse­re la solu­zio­ne. Azio­ne per rilan­cia­re l’ambizione. E azio­ne per rico­strui­re la fidu­cia, in par­ti­co­la­re tra Nord e Sud del mon­do. La scien­za è chia­ra: qual­sia­si spe­ran­za di limi­ta­re l’aumento del­la tem­pe­ra­tu­ra a 1,5 gra­di signi­fi­ca azze­ra­re le emis­sio­ni net­te glo­ba­li entro il 2050. Ma quell’obiettivo di 1,5 gra­di è tenu­to in vita arti­fi­cial­men­te, e le mac­chi­ne stan­no suo­nan­do l’allarme. Ci stia­mo peri­co­lo­sa­men­te avvi­ci­nan­do al pun­to di non ritor­no.”

La bat­ta­glia si vin­ce in que­sto decen­nio. Lo ave­va­mo già scrit­to e riscrit­to altre volte.

I tem­pi del­la cri­si cli­ma­ti­ca non sono quel­li del­la poli­ti­ca inter­na­zio­na­le, euro­pea o italiana.

La tran­si­zio­ne ener­ge­ti­ca ed eco­lo­gi­ca va fat­ta seria­men­te, non pos­sia­mo per­met­ter­ci di per­de­re ulte­rio­re tempo.

Affron­ta­re gli aspet­ti socio – eco­no­mi­ci così come indi­vi­dua­re una gover­nan­ce più snel­la sono sicu­ra­men­te due osta­co­li non da poco, soprat­tut­to per­ché in pri­mis si era con­vin­ti che i mec­ca­ni­smi del­lo svi­lup­po illi­mi­ta­to non com­por­tas­se­ro cri­si cli­ma­ti­che e in più la par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni a que­sti per­cor­si deci­sio­na­li è sem­pre vista come un gran­de ostacolo.

Ma que­sta è la stra­da da seguire.

Par­lan­do con altre per­so­ne che si occu­pa­no del­le vicen­de ambien­ta­li è evi­den­te inol­tre l’amarezza per quel­lo che con l’andar del tem­po sono diven­ta­te le Cop.

Even­ti con “ric­chi pre­mi e cotil­lon” con l’aggiunta di una gestio­ne poco rispet­to­sa dell’ambiente stes­so. Lustri­ni, sfi­la­te sul red car­pet e pas­seg­gia­te sul­la spiaggia.

Come quel­le che ha fat­to il neo mini­stro dell’ambiente e del­la sicu­rez­za ener­ge­ti­ca Gil­ber­to Fra­tin, visto che negli appun­ta­men­ti impor­tan­ti, nei bila­te­ra­li e nei sum­mit impor­tan­ti era assente.

Abbia­mo un mini­stro che fa il turi­sta. Pote­va andar­ci peg­gio di così? Dall’inadeguato Cin­go­la­ni al turi­sta Fratin.

Eppu­re que­ste ker­mes­se vedo­no la par­te­ci­pa­zio­ne di per­so­ne vera­men­te e seria­men­te impe­gna­te nel con­tra­sto ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Per­so­ne che quo­ti­dia­na­men­te si impe­gna­no, stu­dia­no, pro­get­ta­no e lavo­ra­no nei pro­get­ti di coo­pe­ra­zio­ne inter­na­zio­na­le, nei pro­get­ti per abbat­te­re il diva­rio tra i pae­si ric­chi e quel­li pove­ri del mondo.

Per­so­ne impe­gna­te a costrui­re rela­zio­ni, nell’abbattere muri fisi­ci e men­ta­li, nel rilan­cia­re la pari­tà di gene­re, nel difen­de­re habi­tat natu­ra­li e costrui­re un mon­do più giu­sto. Con loro e per le gene­ra­zio­ni futu­re dob­bia­mo lavo­ra­re. Insieme.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.