Congresso 2015, tre proposte al voto su piattaforma

Ecco i link alle tre pro­po­ste sta­tu­ta­rie giun­te per esse­re vota­te su piat­ta­for­ma (dal­le 00:00 di dome­ni­ca 20 alle 23:59 di lune­dì 21 la pri­ma ses­sio­ne, le mail con le cre­den­zia­li per tut­ti i sin­go­li iscrit­ti sono in par­ten­za), segui­te dal­l’e­len­co dei rispet­ti­vi sot­to­scrit­to­ri e dal pare­re moti­va­to del Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo, tut­to come pre­vi­sto dal­l’ar­ti­co­lo 2 com­ma 3 del rego­la­men­to con­gres­sua­le.

LA SFIDA POSSIBILE, UN PARTITO-WIKIPEDIA: I NEURONI

LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE

UNO STATUTO PER FAR DECIDERE LE PERSONE


Elen­co sot­to­scri­zio­ni a “Uno sta­tu­to per far deci­de­re le persone”

Elen­co sot­to­scri­zio­ni a “Liber­tà è partecipazione”

Elen­co sot­to­scri­zio­ni a “La sfi­da Pos­si­bi­le, un par­ti­to-wiki­pe­dia: i neuroni”

 

Pare­re moti­va­to del Comi­ta­to Organizzativo

Il Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo ha rice­vu­to in tota­le tre pro­po­ste riguar­dan­ti le que­stio­ni sta­tu­ta­rie così come descrit­to dall’articolo 2 com­ma 3 del rego­la­men­to con­gres­sua­le di Pos­si­bi­le. Le pro­po­ste han­no per tito­lo, rispet­ti­va­men­te: “Uno sta­tu­to per far par­te­ci­pa­re le per­so­ne”; “Liber­tà è par­te­ci­pa­zio­ne”; “La sfi­da Pos­si­bi­le, un par­ti­to-wiki­pe­dia: i neu­ro­ni”, e sono sta­te tut­te depo­si­ta­te entro i ter­mi­ni pre­vi­sti, col cor­re­do di un ampio nume­ro di sottoscrizioni.

Il Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo, dopo aver­ne valu­ta­to il sostan­zia­le rispet­to dei requi­si­ti di pre­sen­ta­zio­ne richie­sti, e l’organicità com­ples­si­va del con­te­nu­to di ogni pro­po­sta, e non rite­nen­do di dover­ne effet­tua­re una rie­la­bo­ra­zio­ne, le ha per­tan­to ammes­se al voto degli iscrit­ti di Pos­si­bi­le tra­mi­te piat­ta­for­ma. Nel rispet­to di quan­to richie­sto dal­lo Sta­tu­to vigen­te in quan­to a modi­fi­che sta­tu­ta­rie (arti­co­lo 15 com­ma 1), nel­la pri­ma ses­sio­ne di voto è appro­va­ta la pro­po­sta che ottie­ne la mag­gio­ran­za asso­lu­ta degli Sta­ti gene­ra­li, ovve­ro del­la tota­li­tà degli iscrit­ti di Pos­si­bi­le (pari a 4773 iscrit­ti tota­li). La pri­ma ses­sio­ne di voto si apre alle ore 00:00 di dome­ni­ca 20 e si con­clu­de alle ore 23:59 di lune­dì 21 dicem­bre: nel caso nes­su­na pro­po­sta rag­giun­ga il quo­rum richie­sto di 2387 voti, si pro­ce­de a una secon­da ses­sio­ne aper­ta dal­le ore 00:00 di mar­te­dì 22 fino alle 23:59 di mer­co­le­dì 23. Sono appro­va­te le pro­po­ste che nel­la secon­da ses­sio­ne di voto otten­go­no i tre quin­ti dei votan­ti del­la ses­sio­ne stes­sa. Si può espri­me­re un solo voto fra quat­tro opzio­ni pos­si­bi­li, ovve­ro si può vota­re una sola del­le tre pro­po­ste com­ples­si­ve o sce­glie­re l’opzione “nes­su­na di que­ste”. Se nes­su­na pro­po­sta rag­giun­ge i voti richie­sti nel­la ses­sio­ne, resta in vigo­re lo Sta­tu­to attua­le (sal­vo modi­fi­che richie­ste dal­la Com­mis­sio­ne di Garan­zia degli Sta­tu­ti, che ver­ran­no in ogni caso inte­gra­te in segui­to). L’iscritto cer­ti­fi­ca la sua pre­sen­za alla ses­sio­ne nel momen­to in cui acce­de alla scher­ma­ta di voto.

Venen­do al meri­to dei docu­men­ti al voto, secon­do il pare­re moti­va­to del Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo, pre­scrit­to dal mede­si­mo arti­co­lo 2 com­ma 3 del rego­la­men­to con­gres­sua­le, le sot­to­scri­zio­ni alle tre pro­po­ste evi­den­zia­no più pro­ces­si di media­zio­ne avve­nu­ti tra comi­ta­ti e in par­ti­co­la­re tra emen­da­men­ti pre­sen­ta­ti sepa­ra­ta­men­te pri­ma degli Sta­ti gene­ra­li di Napo­li del­lo scor­so 21 novem­bre, tre dei qua­li han­no pro­dot­to sin­te­si tra loro dif­fe­ren­ti, e per que­sta ragio­ne i docu­men­ti non sono tra loro armo­niz­za­bi­li, né sem­bra­no esser­lo nel­la volon­tà dei proponenti.
In par­ti­co­la­re, le tre pro­po­ste pre­sen­ta­no visio­ni diver­se e tra loro alter­na­ti­ve del­lo sta­tu­to di Pos­si­bi­le, soprat­tut­to su alcu­ni aspet­ti chia­ve del­la sua for­ma. Pur con­cor­dan­do infat­ti sul­la neces­si­tà di man­te­ne­re gli Sta­ti Gene­ra­li — com­po­sti dall’insieme di tut­ti gli iscrit­ti — qua­le orga­no di indi­riz­zo poli­ti­co, i docu­men­ti diver­go­no sul­la natu­ra dei due comi­ta­ti nazio­na­li (per come descrit­ti agli arti­co­li 9 e 10), pro­po­nen­do di variar­ne i cri­te­ri di acces­so e la for­ma elet­ti­va, e di pre­ci­sa­re in modo più det­ta­glia­to la loro natu­ra tec­ni­ca ed ese­cu­ti­va, che attual­men­te han­no, o al con­tra­rio pro­po­nen­do di tra­sfor­mar­la in con­sul­ti­va o politica.

L’altro arti­co­lo ogget­to di revi­sio­ne da par­te di tut­te le tre pro­po­ste è il 2, e si trat­ta sostan­zial­men­te di amplia­men­ti nell’elencazione dei prin­ci­pi di Pos­si­bi­le, che all’esame del Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo non sem­bra­no con­tra­sta­re con il Pat­to Repub­bli­ca­no se non fos­se che l’aggiunta di prin­ci­pi non pre­sen­ti nel­la ver­sio­ne attua­le si accom­pa­gna tal­vol­ta alla rimo­zio­ne di altri già pre­sen­ti, ragio­ne per cui anche in que­sto caso è sem­bra­to cor­ret­to che su que­sto come sul resto si espri­mes­se­ro gli iscrit­ti con il loro voto. Il Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo ha inol­tre valu­ta­to di non far vale­re in que­sta sola occa­sio­ne l’inemendabilità dell’articolo 2 come pre­vi­sto dal­lo Sta­tu­to vigen­te all’articolo 15 com­ma 3, in con­si­de­ra­zio­ne del­la fase fon­da­ti­va in cor­so, per con­sen­ti­re una pie­na espres­sio­ne degli iscrit­ti sui valo­ri alla base di Possibile.
Vi sono inol­tre altri ele­men­ti con­te­nu­ti nel­le tre pro­po­ste che sono tra loro dif­fe­ren­ti, che insi­sto­no su altri aspet­ti del­lo Sta­tu­to e del­la for­ma di Pos­si­bi­le, riscrit­tu­re più ampie su aspet­ti for­ma­li e sostan­zia­li e aggiun­te ex novo all’impianto attua­le, che inter­ve­nen­do su aspet­ti qua­li ad esem­pio la sele­zio­ne del­le can­di­da­tu­re, l’or­ga­niz­za­zio­ne dei livel­li ter­ri­to­ria­li e i mec­ca­ni­smi di revo­ca mar­ca­no ulte­rior­men­te le dif­fe­ren­ze fra le tre pro­po­ste, con­fer­man­do­ne la loro orga­ni­ci­tà com­ples­si­va ma anche l’alternatività tra loro, e quin­di la neces­si­tà di sot­to­por­le al voto.
Le pro­po­ste non pre­sen­ta­no infi­ne, all’esame del Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo, incon­gruen­ze inter­ne, e resta inte­so che in ogni caso lo Sta­tu­to sarà ogget­to di un inter­ven­to reda­zio­na­le suc­ces­si­vo al voto, e dovrà esse­re inte­gra­to con le rac­co­man­da­zio­ni del­la Com­mis­sio­ne di Garan­zia degli Sta­tu­ti pres­so cui Pos­si­bi­le ha depo­si­ta­to in data 27 novem­bre la ver­sio­ne appro­va­ta dagli Sta­ti gene­ra­li di Napo­li lo scor­so 21 novembre.
A tali riso­lu­zio­ni il Comi­ta­to orga­niz­za­ti­vo è giun­to dopo appro­fon­di­ta discus­sio­ne, con il voto favo­re­vo­le di 9 mem­bri, un con­tra­rio e un astenuto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.