Como: il presepe al contrario e i re magi Minniti e Orlando

La mente (o, se preferite, i re magi) del presepe al contrario di Como sono i ministri Minniti e Orlando (esponenti di spicco del PD) e il braccio è il sindaco Landriscina (a guida di una coalizione tra Forza Italia, Lega e FdI).
#

L’ordinanza contingibile e urgente emessa dal Sindaco di Como Landriscinaa tutela della vivibilità urbana e del decoro del centro urbano” introduce per 45 giorni nella zona centrale della città il divieto di mendicare “in forma dinamica” e “in forma statica e il divieto di bivacco, stazionamento e accattonaggio, in strada e sotto i portici di alcune chiese.

Il mancato rispetto del divieto è punito con una sanzione pecuniaria da euro 50 ad euro 300: destinatari sono mendicanti, clochard, persone costrette a vivere in strada, che notoriamente girano con banconote di grosso taglio e carte di credito in tasca.

Il sindaco zelante dichiara nella sua ordinanza di essere preoccupato “per la sensazione di insicurezza che deriva dagli scenari sopra illustrati”.

Si è passati dalla sicurezza alla sua percezione e da questa addirittura alla mera sensazione: tu chiamale, se vuoi, emozioni.

Sensazioni suscitate da scenari di guerra: i poveri che intralciano lo shopping natalizio e che smorzano il luccichio di addobbi e luminarie con la loro sgradevole presenza.

Peccato che la guerra sia mossa non contro le ragioni della povertà (con misure tese a togliere dalla strada le persone in difficoltà, a dare loro almeno un tetto, una coperta e un pasto caldo) ma direttamente contro i poveri.

Fare la guerra direttamente ai poveri non costa praticamente nulla (giusto il tempo impiegato da un funzionario comunale per scrivere un’ordinanza come questa) e rende politicamente tantissimo.

Eppure – udite, udite – questa odiosa ordinanza è legittima, se per legittimità intendiamo conforme alla legge: sì, perché l’ordinanza non fa altro che applicare l’art. 50 del Testo Unico degli Enti Locali come riscritto dal decreto Minniti – Orlando del 20 febbraio 2017 n. 14.

È legittima ma incostituzionale, perché incostituzionale è il decreto Minniti – Orlando, laddove dilata in misura abnorme e in modo indeterminato il potere extra ordinem dei sindaci “in relazione all’urgente necessità di interventi volti a superare situazioni di grave incuria o degrado del territorio o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana”, incidendo su beni di rango costituzionale come la libertà personale e quella di circolazione e discriminando i cittadini in base alle loro condizioni sociali e personali.

Dunque, la mente (o, se preferite, i re magi) del presepe al contrario di Como sono i ministri Minniti e Orlando (esponenti di spicco del PD) e il braccio è il sindaco Landriscina (a guida di una coalizione tra Forza Italia, Lega e FdI).

Ma cos’è la destra, cos’è la sinistra, direbbe Giorgio Gaber.

Giuseppe Civati

Andrea Maestri

  • 95
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati