Brexit, la sveglia dei Millennials: appello alla mobilitazione

Partiti, associazioni, sindacati, studenti, lavoratori, semplici cittadini. Organizziamo assemblee pubbliche, discutiamo, stendiamo una piattaforma comune ed il più possibile coinvolgente, al di là degli steccati e degli interessi particolari.

Il refe­ren­dum sul­la per­ma­nen­za o meno del Regno Uni­to nel­l’U­nio­ne Euro­pea, vin­to di misu­ra dai soste­ni­to­ri del “Lea­ve”, è il segna­le ine­qui­vo­ca­bi­le del­la neces­si­tà di una pre­sa di coscien­za.

Le pri­me indi­ca­zio­ni che ci sono giun­te dal­le ana­li­si dei flus­si di voto dimo­stra­va­no in manie­ra pla­sti­ca una frat­tu­ra gene­ra­zio­na­le: i gio­va­ni tra i 18 ed i 24 anni han­no vota­to in mas­sa — cir­ca il 74% — per la per­ma­nen­za nel­l’U­nio­ne. Per­si­no la fascia d’e­tà suc­ces­si­va, se pur con un mar­gi­ne infe­rio­re, ha soste­nu­to le ragio­ni del “Remain”: sono colo­ro che han­no vis­su­to la nasci­ta del siste­ma Era­smus, che van­no dai 25 ai 49 anni. Mano a mano che l’e­tà cre­sce que­sta situa­zio­ne si capo­vol­ge. I dati più recen­ti sul­l’af­fluen­za al voto, però, segna­la­no che tra gli elet­to­ri più gio­va­ni meno del­la metà sono anda­ti a vota­re, men­tre l’e­let­to­ra­to più matu­ro si è reca­to in gran par­te alle urne per eser­ci­ta­re il dirit­to di voto. Que­sto aspet­to deve far pre­oc­cu­pa­re ulte­rior­men­te: se tra gli anzia­ni è pre­val­so il sen­ti­men­to di chiu­su­ra, tra i più gio­va­ni è sta­ta l’in­dif­fe­ren­za a deter­mi­na­re i risul­ta­ti a cui assi­stia­mo oggi.

Ora, qui non si trat­ta di esse­re favo­re­vo­li al man­te­ni­men­to del­l’at­tua­le sta­to di cose all’in­ter­no del­l’U­nio­ne, non si trat­ta di esse­re ade­ren­ti alle scel­te adot­ta­te nel­l’ul­ti­mo decen­nio dal­la clas­se diri­gen­te euro­pea, non si trat­ta nem­me­no di un posi­zio­na­men­to ideo­lo­gi­co a favo­re del­l’in­te­gra­zio­ne. Il pro­ble­ma è che il sen­ti­men­to di rab­bia, fru­stra­zio­ne, soli­tu­di­ne, chiu­su­ra, disin­can­to e sfi­du­cia caval­ca­to dal­le destre estre­me sta defi­ni­ti­va­men­te facen­do brec­cia. Sono i par­ti­ti raz­zi­sti e xeno­fo­bi, spes­so dichia­ra­ta­men­te neo­fa­sci­sti, a vole­re che que­sta dis­so­lu­zio­ne del­l’o­riz­zon­te comu­ne avven­ga il pri­ma pos­si­bi­le. Sono i Fara­ge, i Le Pen, i Sal­vi­ni, a soste­ne­re le ragio­ni di un ritor­no al pas­sa­to, ai par­ti­co­la­ri­smi nazionali.

Dun­que è giun­to il momen­to per le gio­va­ni gene­ra­zio­ni di alza­re la voce, di con­qui­star­si lo spa­zio poli­ti­co che ci è sem­pre sta­to nega­to, di assu­mer­si la dop­pia respon­sa­bi­li­tà di sal­va­re ciò che di buo­no è sta­to fat­to dal Secon­do Dopo­guer­ra ad oggi per ren­de­re l’Eu­ro­pa un luo­go di pace dopo seco­li di con­flit­ti, vio­len­ze, guer­re, mor­te e distru­zio­ne, e di deli­nea­re pro­spet­ti­ve di cam­bia­men­to e pro­gres­so, anzi­ché di arre­tra­men­to. Come dimo­stra l’e­si­to del Refe­ren­dum ingle­se, e le rea­zio­ni che ha susci­ta­to, non potre­mo far­ce­la se non sare­mo in gra­do anzi­tut­to di risve­glia­re nei nostri coe­ta­nei un sen­ti­men­to di inte­res­se per la dimen­sio­ne pub­bli­ca, poli­ti­ca del­le nostre vite, con­tro l’ indif­fe­ren­za che oggi prevale.

Non pos­sia­mo più atten­de­re oltre per sve­gliar­ci: la sve­glia sta suo­nan­do da un po’. Da quan­do è scop­pia­ta la cri­si eco­no­mi­ca, dive­nu­ta poi cri­si socia­le per­ché è sta­ta fat­ta paga­re agli ulti­mi ed alla clas­se media; da quan­do le dise­gua­glian­ze sono esplo­se; da quan­do fiu­mi di migran­ti in fuga dal Sud del mon­do han­no comin­cia­to a bus­sa­re alle nostre por­te ed i nostri gover­ni han­no deci­so di non gesti­re il pro­ble­ma in manie­ra comu­ne e soli­da­le; da quan­do l’e­sta­blish­ment euro­peo, trai­na­to dal­la Ger­ma­nia, ha deci­so di vol­ta­re le spal­le alla Gre­cia abban­do­nan­do­la a se stes­sa in manie­ra tan­to bru­ta­le e cini­ca; da quan­do han­no deci­so che le con­qui­ste socia­li ed i dirit­ti fos­se­ro un impe­di­men­to alla cre­sci­ta eco­no­mi­ca; da quan­do han­no cre­du­to che bastas­se un’é­li­te di tec­ni­ci e buro­cra­ti per gover­na­re pro­ces­si tan­to imponenti.

Abbia­mo la respon­sa­bi­li­tà di met­te­re da par­te le nostre appar­te­nen­ze, le nostre divi­sio­ni, le nostre ambi­zio­ni par­ti­co­la­ri, per dare vita insie­me ad un gran­de mobi­li­ta­zio­ne gene­ra­zio­na­le di rispo­sta alla deri­va rea­zio­na­ria imboc­ca­ta, come fece­ro i nostri non­ni e bisnon­ni par­ti­gia­ni nel­la guer­ra di Resi­sten­za. Ad ogni gene­ra­zio­ne la sua bat­ta­glia, e que­sto è il nostro tur­no per deci­de­re da che par­te del­la sto­ria voglia­mo sta­re. Alzia­mo­ci e pren­dia­mo la paro­la pri­ma che sia tar­di – pre­ten­dia­mo­la! — nel­la con­vin­zio­ne che l’Eu­ro­pa uni­ta vada cam­bia­ta. ma non distrut­ta, ispi­ran­do­si ai prin­ci­pi di soli­da­rie­tà, di egua­glian­za, di rispet­to nel­la diver­si­tà, di pace e di condivisione.

Per­ché tut­to que­sto non riman­ga solo reto­ri­ca, vi invi­tia­mo a fare rete con tut­te le real­tà e le sin­go­la­ri­tà che si dimo­stri­no altret­tan­to pre­oc­cu­pa­te per la situa­zio­ne attua­le, che si dichia­ri­no sal­da­men­te anti­fa­sci­ste e voglia­no met­ter­si in gio­co. Par­ti­ti, asso­cia­zio­ni, sin­da­ca­ti, stu­den­ti, lavo­ra­to­ri, sem­pli­ci cit­ta­di­ni. Orga­niz­zia­mo assem­blee pub­bli­che, discu­tia­mo, sten­dia­mo una piat­ta­for­ma comu­ne ed il più pos­si­bi­le coin­vol­gen­te, al di là degli stec­ca­ti e degli inte­res­si particolari.

Poi­ché quel­lo che c’è in gio­co non è la vit­to­ria alle pros­si­me ele­zio­ni, né il con­sen­so elet­to­ra­le, ma il desti­no del nostro mon­do e la pos­si­bi­li­tà di ren­de­re il futu­ro un posto miglio­re in cui vive­re, lascian­do­ci alle spal­le i fan­ta­smi del passato.

 

Comi­ta­to Uni­ver­si­tà Bolo­gna di Possibile

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.