Alla lotteria del ballottaggio si può anche perdere

Mentre si esultava per l’approvazione della legge elettorale che tutta Europa ci avrebbe copiato, si ridicolizzavano quanti ne rilevavano i limiti e i problemi. Problemi e limiti che sono tutti lì, al di là dei tweet.

I son­dag­gi, si sa, lon­ta­no dal­le ele­zio­ni non dico­no poi mol­to su quel­lo che acca­drà real­men­te. Inol­tre, se ciò avvie­ne quan­do oltre la metà degli inter­vi­sta­ti affer­ma­no che non andran­no a vota­re o si dico­no inde­ci­si, quell’attendibilità cala ulte­rior­men­te. Per que­sto, quan­do ho visto il son­dag­gio di La7 del­lo scor­so 2 novem­bre, in cui, per la pri­ma vol­ta, nell’ipotesi di bal­lot­tag­gio fra Pd e M5S asse­gne­reb­be­ro la vit­to­ria a que­sti ulti­mi, non ci ho costrui­to sopra alcun ragio­na­men­to poli­ti­co. Però, lo stu­po­re degli stu­pi­ti mi ha fat­to riflet­te­re. E non poco.

La Welt­an­schauung ege­mo­ne nel Par­ti­to demo­cra­ti­co è sostan­zial­men­te quel­la per cui se si sta in que­sto, si sta col capo, sen­za cri­ti­che, obie­zio­ni e opi­nio­ni dif­for­mi. Chi le ha, è cal­da­men­te invi­ta­to ad andar­se­ne. Flot­te e stor­mi di dro­ni ren­zia­ni assal­go­no e attac­ca­no chiun­que ecce­pi­sca rispet­to alla ver­sio­ne dell’amato lea­der. Gufi, rosi­co­ni, pro­fes­so­ro­ni gli epi­te­ti più gen­ti­li. Il risul­ta­to ricer­ca­to, in buo­na cer­tez­za, è l’allontanamento di chiun­que pen­si che la rot­ta trac­cia­ta sia sba­glia­ta e che il siste­ma imma­gi­na­to rischio­so: si fac­cia da par­te chi è in disac­cor­do, e nes­su­no distur­bi il comandante.

Così, ovvia­men­te, acca­de che i dis­si­den­ti, sem­pli­ce­men­te, pren­da­no atto dell’impossibilità di com­por­re le distan­ze e segua­no l’invito ad andar­se­ne. E che i son­dag­gi, con­se­guen­te­men­te, regi­stri­no alcu­ni di que­sti movi­men­ti. Ora, lì nasce la stu­pe­fa­zio­ne che stu­pi­sce: pri­ma li si met­te fuo­ri con scel­te e deci­sio­ni inso­ste­ni­bi­li per loro e su cui si è indi­spo­ni­bi­li a discu­te­re, e poi ci si sor­pren­de pro­prio di quell’andar via. Di più, men­tre si esul­ta­va per l’approvazione del­la leg­ge elet­to­ra­le che tut­ta Euro­pa ci avreb­be copia­to, si ridi­co­liz­za­va­no quan­ti ne rile­va­va­no i limi­ti e i pro­ble­mi. Pro­ble­mi e limi­ti che sono tut­ti lì, al di là dei tweet.

sondaggio-La7-3

Per­ché il bal­lot­tag­gio uni­co nazio­na­le è quel­la roba lì. Così come anche la “leg­ge per cui la sera del­le ele­zio­ni si sa chi ha vin­to”, e che si cele­bra­va con immo­la­zio­ne pre­ven­ti­va di con­giun­ti­vi e con­giun­zio­ni. E pure il mec­ca­ni­smo che asse­gna la vit­to­ria tota­le a un uni­co sog­get­to. Non capi­sco la mera­vi­glia, a meno di non imma­gi­na­re che i soste­ni­to­ri con­vin­ti e festan­ti dell’Ita­li­cum fos­se­ro tali per­ché per­sua­si­si d’esser per sem­pre fra i vincenti.

C’è un altro tema che non può esse­re sot­to­va­lu­ta­to, allo sta­to in cui sia­mo. Col pro­prio agi­re, i sedi­cen­ti rifor­ma­to­ri han­no inse­gna­to che il “Pae­se si cam­bia con chi ci sta”; se doma­ni, ponia­mo, vin­ces­se­ro i cin­que­stel­le e si accor­das­se­ro con la Lega per pie­ga­re in sen­so mag­gior­men­te auto­ri­ta­rio il siste­ma, in cosa sba­glie­reb­be­ro? Potreb­be­ro, che so, appli­ca­re la “ghi­gliot­ti­na” per far fuo­ri gli emen­da­men­ti degli oppo­si­to­ri oppu­re, maga­ri, avva­ler­si del “can­gu­ro” per sal­tar­li a piè pari. Dove sareb­be lo scan­da­lo? Non sono for­se pro­prio quel­le le best pra­ti­ces inse­gna­te da que­sta sta­gio­ne riformista?

Qua­si dimen­ti­ca­vo: con tut­ta evi­den­za, fra le fila del par­ti­to di Ren­zi ci si deve esse­re accor­ti del son­dag­gio di Men­ta­na. Il depu­ta­to dem Giu­sep­pe Lau­ri­cel­la, fiu­ta­ta l’aria e scru­ta­to l’orizzonte, si è sen­ti­to in dove­re di scri­ve­re in una pro­po­sta di leg­ge in cui c’è scrit­to: “Tenu­to con­to degli aste­nu­ti che potreb­be­ro – anche in par­te – deci­de­re di vota­re al secon­do tur­no e con­si­de­ra­to che l’elettore, al bal­lot­tag­gio, segue tutt’altra logi­ca, sgan­cia­ta dal­le indi­ca­zio­ni di par­ti­to che sol­le­ci­ta dina­mi­che del tut­to diver­se dal pri­mo tur­no, la solu­zio­ne del bal­lot­tag­gio dovreb­be esse­re ripen­sa­ta. Man­te­nen­do il secon­do tur­no di bal­lot­tag­gio il rischio sareb­be – in caso di alchi­mie poli­ti­che impre­ve­di­bi­li al secon­do tur­no – un ‘effet­to Par­ma’ (per non cita­re gli altri casi più recen­ti) di dimen­sio­ni nazio­na­li”. Il fat­to è, però, che il ten­ta­ti­vo inse­ri­re una con­ven­tio ad exclu­den­dum nero su bian­co in una nor­ma, rischia di esse­re un pre­ce­den­te anco­ra peggiore.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.