Alfano fa rima con Vaticano. Anche lo Stato italiano?

Rice­via­mo dal Prof. Andrea Bara­vel­li di Ravenna:

“Mi rivol­go ai par­la­men­ta­ri del mio ter­ri­to­rio. Vor­rei da loro sape­re se il mini­stro Alfa­no, come vie­ne ripor­ta­to dai TG nazio­na­li oggi, nei col­lo­qui con il cor­ri­spet­ti­vo ingle­se, ha dav­ve­ro richie­sto alla Gran Bre­ta­gna il via libe­ra a tra­sfe­ri­re il bam­bi­no affet­to da malat­tia dege­ne­ra­ti­va incu­ra­bi­le a Roma. Se lo ha fat­to la mia doman­da, che pen­so dovreb­be esse­re rilan­cia­ta attra­ver­so lo stru­men­to del­l’in­ter­ro­ga­zio­ne, è la seguen­te: lo ha fat­to a tito­lo per­so­na­le o die­tro man­da­to del gover­no ita­lia­no? A cui si aggiun­ge un’al­tra doman­da: per qua­le moti­vo, ammes­so che tale richie­sta sia sta­ta fat­ta, il gover­no ita­lia­no dovreb­be met­te­re tut­to il suo peso poli­ti­co per pero­ra­re la richie­sta avan­za­ta dal­lo sta­to sovra­no del Vati­ca­no? Dal momen­to che tut­to si paga a livel­lo di rela­zio­ni inter­na­zio­na­li, cosa il Vati­ca­no avreb­be offer­to in cam­bio del­l’a­iu­to ita­lia­no? E cosa noi ci sarem­mo impe­gna­ti a fare in caso di dispo­ni­bi­li­tà bri­tan­ni­ca? La poli­ti­ca este­ra non è più un tema da dele­ga­re, come vedia­mo dram­ma­ti­ca­men­te in que­sti gior­ni di disgre­ga­zio­ne euro­pea, quin­di per­ché lasciar­la nel­la mani di Alfa­no? Che la usa evi­den­te­men­te solo pro domo sua (dal­la leg­ge sul­lo ius soli all’af­fan­no­so ten­ta­ti­vo di accre­di­tar­si pres­so il mon­do cat­to­li­co, in vista del­le for­che cau­di­ne del­lo sbar­ra­men­to elet­to­ra­le). Spe­ro che qual­cu­no rispon­da ad un elet­to­re disin­na­mo­ra­to ma non disattento.”

La nostra risposta:

Caro Andrea, le doman­de che ti poni sono esat­ta­men­te quel­le che dovreb­be por­si qual­sia­si cit­ta­di­no del­la Repub­bli­ca, maga­ri disin­na­mo­ra­to del­la poli­ti­ca — come dici tu — ma non disat­ten­to e soprat­tut­to con­sa­pe­vo­le del­le impli­ca­zio­ni che il prin­ci­pio di lai­ci­tà del­lo sta­to dovreb­be com­por­ta­re anche in casi come quel­lo su cui ci invi­ti a riflet­te­re e a mobilitarci.
Ci impe­gna­no a depo­si­ta­re imme­dia­ta­men­te un’inter­ro­ga­zio­ne cui dovreb­be rispon­de­re per­so­nal­men­te il Pre­si­den­te del Con­si­glio, impe­gnan­do in modo chia­ro e tra­spa­ren­te il Governo.
Con­di­vi­dia­mo la tua pre­oc­cu­pa­zio­ne che un Mini­stro del­la Repub­bli­ca si fac­cia di fat­to ese­cu­to­re mate­ria­le di una deci­sio­ne pre­sa da un altro sta­to, in que­sto caso il Vati­ca­no, e quin­di dal­la mas­si­ma auto­ri­tà, poli­ti­ca ed eccle­sia­sti­ca, di quel­lo stato.
Ci sem­bra che i prin­ci­pi costi­tu­zio­na­li (lo sta­to e la chie­sa cat­to­li­ca sono, cia­scu­no nel pro­prio ordi­ne, indi­pen­den­ti e sovra­ni) scric­chio­li­no rumo­ro­sa­men­te sot­to il peso di que­sta ini­zia­ti­va mol­to discu­ti­bi­le. E voglia­mo veder­ci chia­ro, come te, come tut­ti i cit­ta­di­ni che voglio­no isti­tu­zio­ni pub­bli­che lai­che e rispet­to­se del­la Costituzione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.